Un delfino morto sulla spiaggia di Maccarese nel tratto di spiaggia prospicente la struttura balneare Castello Miramare. E' quanto ha segnalato sabato mattina un privato cittadino all'Ufficio Locale Marittimo di Fregene. Sul posto sono subito intervenuti i militari della Guardia Costiera di Fregene che, coordinati dalla Capitaneria di Porto di Roma, hanno messo in sicurezza l'esemplare risultato essere della specie Stenella Striata, della lunghezza di 178 cm., interessato il medico veterinario reperibile della ASL RM3, i ricercatori del Museo Civico di Zoologia di Roma e l'Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Lazio e della Toscana. L'Istituto Zooprofilattico, con l'ausilio della Capitaneria di Porto di Roma e della Polizia Locale di Fiumicino, ha recuperato il raro cetaceo al fine di eseguire la necroscopia, individuare le cause della morte e per le finalità scientifiche attinenti alle specie dei cetacei. Il personale del Compartimento Marittimo di Roma, sotto il più ampio coordinamento della Direzione Marittima del Lazio opera costantemente a terra e in mare, sia per la sicurezza della navigazione che la tutela dell'ambiente marino nell'Area marina di Tor Paterno ed in particolare nella tutela delle specie protette, quali cetacei e tartarughe, a rischio di estinzione e rimane sempre in prima linea a fornire al dicastero dell'Ambiente e agli enti di ricerca, le informazioni utili a comprendere le cause di tali eventi.

06/02/2017 FREGENE Eventi

Un delfino morto sulla spiaggia di Maccarese nel tratto di spiaggia prospicente la struttura balneare Castello Miramare. E' quanto ha segnalato sabato mattina un privato cittadino all'Ufficio Locale Marittimo di Fregene. Sul posto sono subito intervenuti i militari della Guardia Costiera di Fregene che, coordinati dalla Capitaneria di Porto di Roma, hanno messo in sicurezza l'esemplare risultato essere della specie Stenella Striata, della lunghezza di 178 cm., interessato il medico veterinario reperibile della ASL RM3, i ricercatori del Museo Civico di Zoologia di Roma e l'Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Lazio e della Toscana. L'Istituto Zooprofilattico, con l'ausilio della Capitaneria di Porto di Roma e della Polizia Locale di Fiumicino, ha recuperato il raro cetaceo al fine di eseguire la necroscopia, individuare le cause della morte e per le finalità scientifiche attinenti alle specie dei cetacei. Il personale del Compartimento Marittimo di Roma, sotto il più ampio coordinamento della Direzione Marittima del Lazio opera costantemente a terra e in mare, sia per la sicurezza della navigazione che la tutela dell'ambiente marino nell'Area marina di Tor Paterno ed in particolare nella tutela delle specie protette, quali cetacei e tartarughe, a rischio di estinzione e rimane sempre in prima linea a fornire al dicastero dell'Ambiente e agli enti di ricerca, le informazioni utili a comprendere le cause di tali eventi.

Eventi

Immagine segnaposto

Controllo sul rispetto delle norme in materia ambientale

Immagine segnaposto

Controllo sul rispetto delle norme in materia ambientale presso attività cantieristica nel Comune di Fiumicino

Immagine segnaposto

11 aprile Giornata del mare e della cultura marinara

Immagine segnaposto

La scuola naviga verso il futuro

FREGENE

Immagine segnaposto

Soccorsa una tartaruga marina della specie "Caretta Caretta"

Immagine segnaposto

Tartaruga marina “Caretta Caretta” rinvenuta dalla Guardia Costiera di Fregene

Immagine segnaposto

La Guardia Costiera di Fregene ritrova una balenottera minore spiaggiata

Immagine segnaposto

Soccorsa dalla Guardia Costiera di Fregene una tartaruga marina “Caretta Caretta”