Nella mattinata del 13 giugno 2017 a seguito di segnalazioni da parte di numerosi bagnanti relative ad alcune macchie di colore rossastro lungo il tratto di mare della spiaggia di Fiumicino – Lungomare della Salute, il personale militare della Capitaneria di Porto di Roma, coordinato dal Comandante Capitano di Vascello (CP) Fabrizio RATTO VAQUER, in concomitanza con un attività di ricognizione dell'Area Marina Protetta di Tor Paterno, da parte di una dipendente motovedetta (CP 834) alla presenza del nuovo Direttore dell'Area il Dott. Davide CASCIANI, effettuava tempestivamente un sopralluogo con una pattuglia da terra, costatando tale segnalazione e immediatamente contattava il personale dell''ARPA Lazio, presente in zona una attività congiunta, al fine di ampliare i relativi prelievi. Gli operatori dell'ARPA Lazio, coadiuvati dagli uomini della Guardia Costiera di Roma, dopo un primo controllo de visu, hanno proceduto ad effettuare un campionamento della acque, anticipando che tale fenomeno era dovuto alle condizioni meteo di eccessivo caldo, che ha provocato una variazione del valore di ossigenazione dell'acqua, dando vita alla formazione di alghe di colore rossastro. Si rimane in attesa dei dati definitivi ed ufficiali delle analisi che verranno comunicate nei prossimi giorni.  Analoghi prelievi all'inizio del mese di giugno avevano dato come esito una fioritura algale con concentrazioni di fitoplancton, inalterati gli altri valori. Il personale del Compartimento Marittimo di Roma, sotto il più ampio coordinamento della Direzione Marittima del Lazio, opera costantemente a terra e in mare, sia per la sicurezza della navigazione che la tutela dell'ambiente marino e costiero.

  

16/06/2017 Roma Eventi

Nella mattinata del 13 giugno 2017 a seguito di segnalazioni da parte di numerosi bagnanti relative ad alcune macchie di colore rossastro lungo il tratto di mare della spiaggia di Fiumicino – Lungomare della Salute, il personale militare della Capitaneria di Porto di Roma, coordinato dal Comandante Capitano di Vascello (CP) Fabrizio RATTO VAQUER, in concomitanza con un attività di ricognizione dell'Area Marina Protetta di Tor Paterno, da parte di una dipendente motovedetta (CP 834) alla presenza del nuovo Direttore dell'Area il Dott. Davide CASCIANI, effettuava tempestivamente un sopralluogo con una pattuglia da terra, costatando tale segnalazione e immediatamente contattava il personale dell''ARPA Lazio, presente in zona una attività congiunta, al fine di ampliare i relativi prelievi. Gli operatori dell'ARPA Lazio, coadiuvati dagli uomini della Guardia Costiera di Roma, dopo un primo controllo de visu, hanno proceduto ad effettuare un campionamento della acque, anticipando che tale fenomeno era dovuto alle condizioni meteo di eccessivo caldo, che ha provocato una variazione del valore di ossigenazione dell'acqua, dando vita alla formazione di alghe di colore rossastro. Si rimane in attesa dei dati definitivi ed ufficiali delle analisi che verranno comunicate nei prossimi giorni.  Analoghi prelievi all'inizio del mese di giugno avevano dato come esito una fioritura algale con concentrazioni di fitoplancton, inalterati gli altri valori. Il personale del Compartimento Marittimo di Roma, sotto il più ampio coordinamento della Direzione Marittima del Lazio, opera costantemente a terra e in mare, sia per la sicurezza della navigazione che la tutela dell'ambiente marino e costiero.

  

Eventi

Immagine segnaposto

Domenica 8 maggio 2022 l'esordio del progetto "VELATERAPIA" il mare che cura

Immagine segnaposto

Operazione nazionale ATLANTIDE della Guardia Costiera - I numeri del Compartimento marittimo di ROMA

Immagine segnaposto

Operazione "reti fantasma" - Area marina protetta di Tor Paterno

Immagine segnaposto

Aggiornamento affondamento M/P Maria

Roma

Immagine segnaposto

156° ANNIVERSARIO DELL’ISTITUZIONE DEL CORPO DELLE CAPITANERIE DI PORTO

Immagine segnaposto

MARE SICURO 2021

Immagine segnaposto

Campagna "Mare Pulito"

Immagine segnaposto

Campagna di comunicazione istituzionale "Guardia Costiera: la tua sicurezza in mare. Numero per le emergenze 1530"