Sicurezza a tavola e lotta alla pesca abusiva: fioccano multe per 45mila euro
"Continua da parte della Guardia costiera l’importante azione di controllo all’intera catena della pesca in mare

Il personale della Direzione Marittima dell'Emilia Romagna ha intensificato i controlli sulla filiera della pesca nella terza decade di novembre. Sono stati effettuati 164 controlli con l’impiego di 80 uomini, 9 mezzi navali (che hanno percorso 655 miglia) e 11 mezzi terrestri (che hanno percorso 1110 chilometri), elevando 39 sanzioni amministrative per un totale di circa 45mila euro. Sono stati sequestrati circa 130 chilogrammi di prodotto ittico e 27 attrezzi da pesca, illegalmente detenuti od utilizzati.

 

Continua quindi da parte della Guardia costiera l’importante azione di controllo all’intera catena della pesca in mare, alla commercializzazione ed al consumo illegale dei prodotti ittici, finalizzata a garantire la tutela della salute dei consumatori e dell’ecosistema marino e costiero. L'attività è stata svolta da tutti gli uffici marittimi della Riviera Romagnola sotto il coordinamento del centro di controllo “Area Pesca” di Ravenna. Le ispezioni hanno riguardato le attivita’ di prelievo, smistamento e consumo dei prodotti ittici partendo dalle ispezioni alle unita’ da pesca in mare, ai punti di sbarco del pescato, ai mercati ed ai ristoranti, incentrando inoltre l’attenzione sul fenomeno della pesca abusiva.

 

05/12/2017 Ravenna

Sicurezza a tavola e lotta alla pesca abusiva: fioccano multe per 45mila euro
"Continua da parte della Guardia costiera l’importante azione di controllo all’intera catena della pesca in mare

Il personale della Direzione Marittima dell'Emilia Romagna ha intensificato i controlli sulla filiera della pesca nella terza decade di novembre. Sono stati effettuati 164 controlli con l’impiego di 80 uomini, 9 mezzi navali (che hanno percorso 655 miglia) e 11 mezzi terrestri (che hanno percorso 1110 chilometri), elevando 39 sanzioni amministrative per un totale di circa 45mila euro. Sono stati sequestrati circa 130 chilogrammi di prodotto ittico e 27 attrezzi da pesca, illegalmente detenuti od utilizzati.

 

Continua quindi da parte della Guardia costiera l’importante azione di controllo all’intera catena della pesca in mare, alla commercializzazione ed al consumo illegale dei prodotti ittici, finalizzata a garantire la tutela della salute dei consumatori e dell’ecosistema marino e costiero. L'attività è stata svolta da tutti gli uffici marittimi della Riviera Romagnola sotto il coordinamento del centro di controllo “Area Pesca” di Ravenna. Le ispezioni hanno riguardato le attivita’ di prelievo, smistamento e consumo dei prodotti ittici partendo dalle ispezioni alle unita’ da pesca in mare, ai punti di sbarco del pescato, ai mercati ed ai ristoranti, incentrando inoltre l’attenzione sul fenomeno della pesca abusiva.

 

Ravenna

Immagine segnaposto

Passeggero infortunato su nave da crociera, interviene la Guardia Costiera di Ravenna e il personale medico del 118.

Immagine segnaposto

Guardia Costiera e Cestha: rilasciata in mare la tartaruga marina “Moby Dick”

Immagine segnaposto

Il Sindaco Massimo Medri ha incontrato i militari della Guardia costiera di Cervia.

Immagine segnaposto

Accordo operativo tra la Guardia Costiera e i Vigili del Fuoco dell’Emilia-Romagna