FONTE: Ravennatoday

VIDEO: Intervista del TG Emilia Romagna Edizione delle 14.00 - 25.06.2018

​I subacquei della Marine Consulting International e del primo Nucleo Operatori Subacquei Guardia Costiera San Benedetto del Tronto hanno raccolto in mare appena una gomma giunta a fine vita e pochi altri oggetti.

Nel porto di Marina di Ravenna trovati pochi rifiuti: nell'ambito del progetto "Pneumatici fuori uso Zero" sulle coste italiane, infatti, venerdì i subacquei della Marine Consulting International e del primo Nucleo Operatori Subacquei Guardia Costiera San Benedetto del Tronto hanno raccolto in mare appena una gomma giunta a fine vita e pochi altri oggetti. Gummy, la mascotte di EcoTyre, ha intrattenuto intanto gli studenti della Scuola Elementare "Randi" di Ravenna con giochi e attività di animazione con l'obiettivo di far capire come funziona la corretta filiera di gestione degli Pfu e quanto sia importante la salvaguardia del mare e dei suoi abitanti.

"È stata una grande occasione per i bambini della Scuola Elementare "Randi" di Ravenna di capire quanto sia importante il recupero e il riciclo degli pneumatici.– ha detto Carmen di Penta, direttore generale di Marevivo – I ragazzi hanno potuto svolgere attività di educazione sulla corretta gestione degli Pneumatici Fuori Uso. Ringraziamo a nome di Marevivo il Comandante Pietro Ruberto della Direzione Marittima di Ravenna, il comandante Nicola Chieppa, il comune di Ravenna, l'Università di Bologna, il Circolo Velico Ravennate e la società Hera per averci aiutato in questa importante operazione in difesa del mare".


25/05/2018 Ravenna Eventi

FONTE: Ravennatoday

VIDEO: Intervista del TG Emilia Romagna Edizione delle 14.00 - 25.06.2018

​I subacquei della Marine Consulting International e del primo Nucleo Operatori Subacquei Guardia Costiera San Benedetto del Tronto hanno raccolto in mare appena una gomma giunta a fine vita e pochi altri oggetti.

Nel porto di Marina di Ravenna trovati pochi rifiuti: nell'ambito del progetto "Pneumatici fuori uso Zero" sulle coste italiane, infatti, venerdì i subacquei della Marine Consulting International e del primo Nucleo Operatori Subacquei Guardia Costiera San Benedetto del Tronto hanno raccolto in mare appena una gomma giunta a fine vita e pochi altri oggetti. Gummy, la mascotte di EcoTyre, ha intrattenuto intanto gli studenti della Scuola Elementare "Randi" di Ravenna con giochi e attività di animazione con l'obiettivo di far capire come funziona la corretta filiera di gestione degli Pfu e quanto sia importante la salvaguardia del mare e dei suoi abitanti.

"È stata una grande occasione per i bambini della Scuola Elementare "Randi" di Ravenna di capire quanto sia importante il recupero e il riciclo degli pneumatici.– ha detto Carmen di Penta, direttore generale di Marevivo – I ragazzi hanno potuto svolgere attività di educazione sulla corretta gestione degli Pneumatici Fuori Uso. Ringraziamo a nome di Marevivo il Comandante Pietro Ruberto della Direzione Marittima di Ravenna, il comandante Nicola Chieppa, il comune di Ravenna, l'Università di Bologna, il Circolo Velico Ravennate e la società Hera per averci aiutato in questa importante operazione in difesa del mare".


Eventi

Immagine segnaposto

Passeggero infortunato su nave da crociera, interviene la Guardia Costiera di Ravenna e il personale medico del 118.

Immagine segnaposto

Guardia Costiera e Cestha: rilasciata in mare la tartaruga marina “Moby Dick”

Immagine segnaposto

Il Sindaco Massimo Medri ha incontrato i militari della Guardia costiera di Cervia.

Immagine segnaposto

Accordo operativo tra la Guardia Costiera e i Vigili del Fuoco dell’Emilia-Romagna

Ravenna

Immagine segnaposto

Passeggero infortunato su nave da crociera, interviene la Guardia Costiera di Ravenna e il personale medico del 118.

Immagine segnaposto

Guardia Costiera e Cestha: rilasciata in mare la tartaruga marina “Moby Dick”

Immagine segnaposto

Il Sindaco Massimo Medri ha incontrato i militari della Guardia costiera di Cervia.

Immagine segnaposto

Accordo operativo tra la Guardia Costiera e i Vigili del Fuoco dell’Emilia-Romagna