FONTE: Ravennanotizie

Si è svolta nella mattinata di oggi, lunedì 4 giugno, l'ottava edizione di Portolascuola, manifestazione della marineria e della portualità ravennate organizzata dal Circolo Velico Ravennate. Con la partecipazione di 52 classi dell’istituto comprensivo del mare del comune di Ravenna per un totale di quasi 1100 ragazzi, questo appuntamento rappresenta un’occasione unica per essere consapevoli del grande valore dell’area del porto per tutta la collettività e scoprire le piccole realtà che lo permeano. 

“L'edizione 2018 è stata unica – si legge nella nota stampa - sia perché la partecipazione 2018 è stata la più nutrita di sempre (quasi 1100), sia per numero di classi partecipanti (52, il numero più alto di sempre ) che per numero di laboratori sviluppati. Nel 2018 si è consolidato il percorso cominciato nel 2017 di coinvolgimento del Porto San Vitale nei percorsi didattici dei bambini. Questa edizione ha visto una fortissima collaborazione con l'eccellente tessuto formativo ravennate, vedendo il Liceo Scientifico e l'indirizzo logistico (a breve Nautico) dell'Itis nel ruolo di formatori intenti a raccontare agli studenti la loro esperienza fatta in azienda durante l'alternanza scuola lavoro".

Tra i partecipanti bisogna evidenziare il campus di Ravenna che a dimostrazione dell'interesse per la formazione ha visto la partecipazione di ben 3 dipartimenti (Dipartimento di Beni Culturali, scienze giuridiche, scienze biologiche geologiche ed ambientali) e Arpae. Molto interessante e proficua è stata la sinergia con il progetto “a gonfie vele” dell'Istituto Comprensivo Novello che ha concluso il progetto con 16 classi a Portolascuola. L’entusiasmo dei partecipanti e la grande competenza delle associazioni coinvolte sono state nuovamente il punto cardine dell’intera manifestazione. La manifestazione si è conclusa con il raduno dei partecipanti al Circolo Velico Ravennate, dove hanno portato i saluti agli alunni Gaia Marani portavoce della Autorità di Sistema Portuale di Ravenna, Riccardo Sabadini presidente di Sapir e Gianluca Frassineti dirigente scolastico dell'istituto comprensivo del mare alla presenza dei rappresentanti di Guardia costiera, Marinando, Marinai d'Italia, Giovani Agenti Marittimi, Compagnia Portuale, RaNa, Marinara, Veleria Rusticali, Delfini Bizantini, Itis indirizzo logistico.

Il Circolo Velico Ravennate, organizzatore dell’evento, “persegue da decenni lo sviluppo di una consapevolezza dell'identità marinara ravennate, sia attraverso la cultura che attraverso la pratica della vela come sport giocato. Il Circolo Velico è già al lavoro per l’edizione 2019 il cui l’obiettivo sarà allargare il coinvolgimento di tutte le scuole cittadine e dell’ intera comunità portuale attraverso un lavoro integrato con i percorsi di alternanza scuola-lavoro dedicati alle scuole superiori. La buona riuscita dell’evento è stata possibile grazie alla fattiva collaborazione del Comune di Ravenna, della GUARDIA COSTIERA e dell’Autorità di Sistema Portuale e al sostegno di Sapir che credono con vigore nella manifestazione, nei valori che la permeano e nella possibilità di valorizzarla ulteriormente mettendola in rete con altre iniziative analoghe già presenti sul territorio. I complimenti più forti vanno alle associazioni, alle attività produttive e alle forze dell'ordine coinvolte che hanno messo la loro identità più profonda a disposizione delle scuole Grazie di cuore ai docenti che si sono messi a disposizione della manifestazione, regalando loro una esperienza che, speriamo, sia destinata a lasciare nei ragazzi la consapevolezza del legame indissolubile che la città ha con il mare”.

04/06/2018 Ravenna Eventi

FONTE: Ravennanotizie

Si è svolta nella mattinata di oggi, lunedì 4 giugno, l'ottava edizione di Portolascuola, manifestazione della marineria e della portualità ravennate organizzata dal Circolo Velico Ravennate. Con la partecipazione di 52 classi dell’istituto comprensivo del mare del comune di Ravenna per un totale di quasi 1100 ragazzi, questo appuntamento rappresenta un’occasione unica per essere consapevoli del grande valore dell’area del porto per tutta la collettività e scoprire le piccole realtà che lo permeano. 

“L'edizione 2018 è stata unica – si legge nella nota stampa - sia perché la partecipazione 2018 è stata la più nutrita di sempre (quasi 1100), sia per numero di classi partecipanti (52, il numero più alto di sempre ) che per numero di laboratori sviluppati. Nel 2018 si è consolidato il percorso cominciato nel 2017 di coinvolgimento del Porto San Vitale nei percorsi didattici dei bambini. Questa edizione ha visto una fortissima collaborazione con l'eccellente tessuto formativo ravennate, vedendo il Liceo Scientifico e l'indirizzo logistico (a breve Nautico) dell'Itis nel ruolo di formatori intenti a raccontare agli studenti la loro esperienza fatta in azienda durante l'alternanza scuola lavoro".

Tra i partecipanti bisogna evidenziare il campus di Ravenna che a dimostrazione dell'interesse per la formazione ha visto la partecipazione di ben 3 dipartimenti (Dipartimento di Beni Culturali, scienze giuridiche, scienze biologiche geologiche ed ambientali) e Arpae. Molto interessante e proficua è stata la sinergia con il progetto “a gonfie vele” dell'Istituto Comprensivo Novello che ha concluso il progetto con 16 classi a Portolascuola. L’entusiasmo dei partecipanti e la grande competenza delle associazioni coinvolte sono state nuovamente il punto cardine dell’intera manifestazione. La manifestazione si è conclusa con il raduno dei partecipanti al Circolo Velico Ravennate, dove hanno portato i saluti agli alunni Gaia Marani portavoce della Autorità di Sistema Portuale di Ravenna, Riccardo Sabadini presidente di Sapir e Gianluca Frassineti dirigente scolastico dell'istituto comprensivo del mare alla presenza dei rappresentanti di Guardia costiera, Marinando, Marinai d'Italia, Giovani Agenti Marittimi, Compagnia Portuale, RaNa, Marinara, Veleria Rusticali, Delfini Bizantini, Itis indirizzo logistico.

Il Circolo Velico Ravennate, organizzatore dell’evento, “persegue da decenni lo sviluppo di una consapevolezza dell'identità marinara ravennate, sia attraverso la cultura che attraverso la pratica della vela come sport giocato. Il Circolo Velico è già al lavoro per l’edizione 2019 il cui l’obiettivo sarà allargare il coinvolgimento di tutte le scuole cittadine e dell’ intera comunità portuale attraverso un lavoro integrato con i percorsi di alternanza scuola-lavoro dedicati alle scuole superiori. La buona riuscita dell’evento è stata possibile grazie alla fattiva collaborazione del Comune di Ravenna, della GUARDIA COSTIERA e dell’Autorità di Sistema Portuale e al sostegno di Sapir che credono con vigore nella manifestazione, nei valori che la permeano e nella possibilità di valorizzarla ulteriormente mettendola in rete con altre iniziative analoghe già presenti sul territorio. I complimenti più forti vanno alle associazioni, alle attività produttive e alle forze dell'ordine coinvolte che hanno messo la loro identità più profonda a disposizione delle scuole Grazie di cuore ai docenti che si sono messi a disposizione della manifestazione, regalando loro una esperienza che, speriamo, sia destinata a lasciare nei ragazzi la consapevolezza del legame indissolubile che la città ha con il mare”.

Eventi

Immagine segnaposto

Passeggero infortunato su nave da crociera, interviene la Guardia Costiera di Ravenna e il personale medico del 118.

Immagine segnaposto

Guardia Costiera e Cestha: rilasciata in mare la tartaruga marina “Moby Dick”

Immagine segnaposto

Il Sindaco Massimo Medri ha incontrato i militari della Guardia costiera di Cervia.

Immagine segnaposto

Accordo operativo tra la Guardia Costiera e i Vigili del Fuoco dell’Emilia-Romagna

Ravenna

Immagine segnaposto

Passeggero infortunato su nave da crociera, interviene la Guardia Costiera di Ravenna e il personale medico del 118.

Immagine segnaposto

Guardia Costiera e Cestha: rilasciata in mare la tartaruga marina “Moby Dick”

Immagine segnaposto

Il Sindaco Massimo Medri ha incontrato i militari della Guardia costiera di Cervia.

Immagine segnaposto

Accordo operativo tra la Guardia Costiera e i Vigili del Fuoco dell’Emilia-Romagna