L'ammiraglio Nelson lo considerava il porto più sicuro del mondo, ora Portoferraio diventa lo specchio d'acqua sicuro per panfili e yacht. Decine di imbarcazioni hanno cercato rifugio ieri dal maltempo nella rada della città medicea.

Dopo la siccità record, con18 episodi di pioggia su 227 giorni nel 2022, cioè fino al 15 agosto, l'atmosfera elbana è cambiata del tutto, in particolare proprio a Portoferraio dove ieri alle 10 è esploso un forte nubifragio. Un turista di Bergamo, che ogni anno viene sull'isola, ha condiviso col Tirreno la sua esperienza. Al momento dell'acquazzone si trovava in un noto supermercato di viale Zambelli. 

«Una svolta radicale del clima dopo ferragosto - dice Roberto, lettore del nostro giornale - Ero al supermercato: come ho finito di pagare alla cassa e sono arrivato all'uscita, sono rimasto di sasso. Fuori era buio ma erano le 10 del mattino. Le auto avevano i fari accesi e precedevano lente, traffico in tilt e diluviava. Avevo per fortuna l'ombrello e mi sono avventurato.

Nell'attraversare il viale ho dovuto guadare in mezzo ai veicoli incolonnati e nessuno procedeva. Forti raffiche di vento e pioggia battente e tenevo a stento l'ombrello. Nello scendere il marciapiede avevo l'acqua che mi arrivava alle caviglie. Un mini allagamento. Ho anche rischiato di scivolare perché avevo le infradito. Mi sono ripreso altrimenti tutta la spesa, cocomero compreso, sarebbe finita in ammollo assieme a me. Ho raggiunto l'appartamento in affitto, in viale Elba. Ero mezzo. Per fortuna intorno alle 12 tutto si è placato edè tornato il sole» 


19/08/2022 Portoferraio Eventi

L'ammiraglio Nelson lo considerava il porto più sicuro del mondo, ora Portoferraio diventa lo specchio d'acqua sicuro per panfili e yacht. Decine di imbarcazioni hanno cercato rifugio ieri dal maltempo nella rada della città medicea.

Dopo la siccità record, con18 episodi di pioggia su 227 giorni nel 2022, cioè fino al 15 agosto, l'atmosfera elbana è cambiata del tutto, in particolare proprio a Portoferraio dove ieri alle 10 è esploso un forte nubifragio. Un turista di Bergamo, che ogni anno viene sull'isola, ha condiviso col Tirreno la sua esperienza. Al momento dell'acquazzone si trovava in un noto supermercato di viale Zambelli. 

«Una svolta radicale del clima dopo ferragosto - dice Roberto, lettore del nostro giornale - Ero al supermercato: come ho finito di pagare alla cassa e sono arrivato all'uscita, sono rimasto di sasso. Fuori era buio ma erano le 10 del mattino. Le auto avevano i fari accesi e precedevano lente, traffico in tilt e diluviava. Avevo per fortuna l'ombrello e mi sono avventurato.

Nell'attraversare il viale ho dovuto guadare in mezzo ai veicoli incolonnati e nessuno procedeva. Forti raffiche di vento e pioggia battente e tenevo a stento l'ombrello. Nello scendere il marciapiede avevo l'acqua che mi arrivava alle caviglie. Un mini allagamento. Ho anche rischiato di scivolare perché avevo le infradito. Mi sono ripreso altrimenti tutta la spesa, cocomero compreso, sarebbe finita in ammollo assieme a me. Ho raggiunto l'appartamento in affitto, in viale Elba. Ero mezzo. Per fortuna intorno alle 12 tutto si è placato edè tornato il sole» 


Eventi

Immagine segnaposto

Inquinamento in mare, è una esercitazione!

Immagine segnaposto

Santa Barbara unisce tutta la collettività

Immagine segnaposto

La capitaneria e il nucleo sommozzatori rimuovono oltre tre tonnellate di rifiuti

Immagine segnaposto

CASA DELL'AGRONOMO RESTAURATA, ANCHE IL PRESIDENTE GIANI PARTECIPA ALLA CERIMONIA DI INAUGURAZIONE A PIANOSA

Portoferraio

Immagine segnaposto

Inquinamento in mare, è una esercitazione!

Immagine segnaposto

Santa Barbara unisce tutta la collettività

Immagine segnaposto

La Guardia costiera impegnata nella tutela della biodiversità

Immagine segnaposto

La Guardia Costiera di Portoferraio per un Ferragosto sicuro in mare