Festha Manna al via, martiri turritani portati in processione.


PORTO TORRES. È comincia oggi  4 maggio la festa religiosa più importante per la comunità portotorrese con la messa all’interno della Basilica di San Gavino e la processione dei Protomartiri Turritani Gavino, Proto e Gianuario verso la chiesetta di Balai vicino. I fedeli di tutta l’isola potranno iniziare il pellegrinaggio verso il sepolcro dei santi fino alla sera di Pentecoste. Una fiumana di gente si è ritrovata nella chiesa romanica per ascoltare la messa concelebrata da don Mario Tanca, don Michele Murgia e don Antonio Giuseppe Manconi. Tante persone hanno atteso l’arrivo del corteo nella baia di Balai, continuando il percorso verso l’ipogeo della chiesetta di San Gavino a Mare dove ci sono tre ambienti ricavati nella roccia utilizzati come sepolcri in epoca romana.

I fedeli della comunità parrocchiale e molti altri provenienti da Sassari e da altri centri non sono dunque voluti mancare a manifestare la loro devozione verso i martiri. A seguire la processione c’erano i gruppi folk Intragnas ed Etnos, numerosi comitati di bandiera, le comunità parrocchiali, la banda Amici della Musica di Sassari e le autorità militari.

Il culto di San Gavino è il più antico dell’isola, risalente all’inizio del IV secolo, e negli anni si è consolidato attraverso la devozione di fedeli di altre regioni nei confronti dei Protomartiri. Oltre che in Sardegna, infatti, il culto è molto forte nella vicina Corsica, dove ci sono cinque paesi che portano il suo nome. Gavino era morto decapitato il 25 ottobre 303, al tempo della persecuzione contro i cristiani dell’imperatore Diocleziano, mentre Proto e Gianuario ebbero stessa sorte il 27 ottobre. Che Gavino fosse un soldato, Proto un sacerdote e Gianuario un diacono, secondo il ‘Martirologio Geronimiano’ del VI secolo, un autore anonimo deve averlo dedotto da altre antiche fonti oppure da tradizione orale tramandata localmente.

All’interno della basilica di San Gavino, inoltre, il pittore del XVII secolo, Giacomo Galeazzo, ha rappresentato il martirio di Gavino, Proto e Gianuario. Il primo è rappresentato in divisa militare romana, gli altri due in abiti ecclesiastici, anziano con la barba Proto e giovane Gianuario. Molte le testimonianze storiche che parlano della bontà e del sacrificio dei tre Martiri Turritani, a cui la comunità s’aggrappa letteralmente in un momento di grave crisi economica, sociale e anche spirituale. Gli appuntamenti religiosi della Festha Manna proseguiranno oggi, lunedì, alle 18 con la “Dedicazione della Basilica”, una solenne concelebrazione presieduta dall’arcivescovo di Sassari Paolo Atzei.

​LA NUOVA SARDEGNA - ​04 maggio 2015.

04/05/2015 Porto Torres

Festha Manna al via, martiri turritani portati in processione.


PORTO TORRES. È comincia oggi  4 maggio la festa religiosa più importante per la comunità portotorrese con la messa all’interno della Basilica di San Gavino e la processione dei Protomartiri Turritani Gavino, Proto e Gianuario verso la chiesetta di Balai vicino. I fedeli di tutta l’isola potranno iniziare il pellegrinaggio verso il sepolcro dei santi fino alla sera di Pentecoste. Una fiumana di gente si è ritrovata nella chiesa romanica per ascoltare la messa concelebrata da don Mario Tanca, don Michele Murgia e don Antonio Giuseppe Manconi. Tante persone hanno atteso l’arrivo del corteo nella baia di Balai, continuando il percorso verso l’ipogeo della chiesetta di San Gavino a Mare dove ci sono tre ambienti ricavati nella roccia utilizzati come sepolcri in epoca romana.

I fedeli della comunità parrocchiale e molti altri provenienti da Sassari e da altri centri non sono dunque voluti mancare a manifestare la loro devozione verso i martiri. A seguire la processione c’erano i gruppi folk Intragnas ed Etnos, numerosi comitati di bandiera, le comunità parrocchiali, la banda Amici della Musica di Sassari e le autorità militari.

Il culto di San Gavino è il più antico dell’isola, risalente all’inizio del IV secolo, e negli anni si è consolidato attraverso la devozione di fedeli di altre regioni nei confronti dei Protomartiri. Oltre che in Sardegna, infatti, il culto è molto forte nella vicina Corsica, dove ci sono cinque paesi che portano il suo nome. Gavino era morto decapitato il 25 ottobre 303, al tempo della persecuzione contro i cristiani dell’imperatore Diocleziano, mentre Proto e Gianuario ebbero stessa sorte il 27 ottobre. Che Gavino fosse un soldato, Proto un sacerdote e Gianuario un diacono, secondo il ‘Martirologio Geronimiano’ del VI secolo, un autore anonimo deve averlo dedotto da altre antiche fonti oppure da tradizione orale tramandata localmente.

All’interno della basilica di San Gavino, inoltre, il pittore del XVII secolo, Giacomo Galeazzo, ha rappresentato il martirio di Gavino, Proto e Gianuario. Il primo è rappresentato in divisa militare romana, gli altri due in abiti ecclesiastici, anziano con la barba Proto e giovane Gianuario. Molte le testimonianze storiche che parlano della bontà e del sacrificio dei tre Martiri Turritani, a cui la comunità s’aggrappa letteralmente in un momento di grave crisi economica, sociale e anche spirituale. Gli appuntamenti religiosi della Festha Manna proseguiranno oggi, lunedì, alle 18 con la “Dedicazione della Basilica”, una solenne concelebrazione presieduta dall’arcivescovo di Sassari Paolo Atzei.

​LA NUOVA SARDEGNA - ​04 maggio 2015.

Porto Torres

Immagine segnaposto

Attività marittime e Portuali - Siglato un accordo per la Sicurezza - Capitaneria e Spresal insieme per prevenire gli incidenti sul lavoroCapitaneria e Spresal insieme per prevenire gli incidenti sul lavoro

Immagine segnaposto

Incendio su una barca a vela, diportisti salvati.

Immagine segnaposto

Pesca irregolare a porto Torres, sequestrata una rete vietata di 200 metri

Immagine segnaposto

Porto Torres Capitaneria: sanzioni per 35mila euro in due mesi