Il noleggiatore greco era fuggito lasciando nave ed equipaggio al loro destino. Ad aiutare gli imbarcati sono stati la guardia costiera e le associazioni del paese

Dopo 14 mesi di sosta inoperosa presso la banchina "Margreth" di Porto Nogaro, nella giornata del 19 giugno scorso la Motonave "Anagenisi" ha mollato gli ormeggi per raggiungere, a rimorchio, i cantieri navali de La Valletta (Malta), ove, una volta giunta, effettuerà lavori di riparazione finalizzati a consentirne nuovamente l'utilizzo a fini commerciali.

Era il mese di aprile dello scorso anno quando l'unità, di bandiera panamense, giungeva nel porto nogarese con a bordo 15 persone di equipaggio e due passeggeri di diversa nazionalità (Russa, Egiziana, Greca) allo scopo di effettuare operazioni commerciali (carico e scarico merci); la stessa diveniva a quel punto immediatamente destinataria della notifica di una serie di provvedimenti di sequestro conservativo, disposti dall'Autorità Giudiziaria in virtù dei debiti contratti dall'armatore/noleggiatore, di nazionalità greca, nel corso di viaggi precedentemente effettuati dalla nave e rimasti insoluti.

Da allora quest'ultimo faceva perdere completamente le proprie tracce, rendendosi, di fatto, per lungo tempo irreperibile, finanche alle Autorità competenti, ed abbandonando la nave ed il suo equipaggio al proprio destino.

Una triste storia, dunque, tuttavia conclusasi in maniera positiva, anzitutto per l'equipaggio, grazie all'impegno, alla sensibilità ed alla professionalità dei soggetti pubblici e privati a vario titolo intervenuti, ma anche per il porto di Porto Nogaro e per la sua economia. L'epilogo felice della vicenda dimostra una volta di più l'attenzione ed il lavoro molto spesso difficile e delicato svolto quotidianamente dal Corpo delle Capitanerie di porto – Guardia Costiera a tutela della sicurezza della navigazione e della vita umana in mare, così come del lavoro a bordo delle navi e dell'ambiente marino, non tralasciando di adoperarsi per assicurare altresì la regolarità dei traffici marittimi e l'operatività degli scali portuali nazionali.

Leggi l'articolo completo su Il Messaggero Veneto.it, Il Gazzettino.it o scaricalo al seguente link.pdf

ANAGENISI 1.jpg 

23/06/2015 Porto Nogaro Eventi

Il noleggiatore greco era fuggito lasciando nave ed equipaggio al loro destino. Ad aiutare gli imbarcati sono stati la guardia costiera e le associazioni del paese

Dopo 14 mesi di sosta inoperosa presso la banchina "Margreth" di Porto Nogaro, nella giornata del 19 giugno scorso la Motonave "Anagenisi" ha mollato gli ormeggi per raggiungere, a rimorchio, i cantieri navali de La Valletta (Malta), ove, una volta giunta, effettuerà lavori di riparazione finalizzati a consentirne nuovamente l'utilizzo a fini commerciali.

Era il mese di aprile dello scorso anno quando l'unità, di bandiera panamense, giungeva nel porto nogarese con a bordo 15 persone di equipaggio e due passeggeri di diversa nazionalità (Russa, Egiziana, Greca) allo scopo di effettuare operazioni commerciali (carico e scarico merci); la stessa diveniva a quel punto immediatamente destinataria della notifica di una serie di provvedimenti di sequestro conservativo, disposti dall'Autorità Giudiziaria in virtù dei debiti contratti dall'armatore/noleggiatore, di nazionalità greca, nel corso di viaggi precedentemente effettuati dalla nave e rimasti insoluti.

Da allora quest'ultimo faceva perdere completamente le proprie tracce, rendendosi, di fatto, per lungo tempo irreperibile, finanche alle Autorità competenti, ed abbandonando la nave ed il suo equipaggio al proprio destino.

Una triste storia, dunque, tuttavia conclusasi in maniera positiva, anzitutto per l'equipaggio, grazie all'impegno, alla sensibilità ed alla professionalità dei soggetti pubblici e privati a vario titolo intervenuti, ma anche per il porto di Porto Nogaro e per la sua economia. L'epilogo felice della vicenda dimostra una volta di più l'attenzione ed il lavoro molto spesso difficile e delicato svolto quotidianamente dal Corpo delle Capitanerie di porto – Guardia Costiera a tutela della sicurezza della navigazione e della vita umana in mare, così come del lavoro a bordo delle navi e dell'ambiente marino, non tralasciando di adoperarsi per assicurare altresì la regolarità dei traffici marittimi e l'operatività degli scali portuali nazionali.

Leggi l'articolo completo su Il Messaggero Veneto.it, Il Gazzettino.it o scaricalo al seguente link.pdf

ANAGENISI 1.jpg 

Eventi

Immagine segnaposto

Passaggio di consegne tra Comandanti presso l’Ufficio Circondariale marittimo di Porto Nogaro

Immagine segnaposto

Nave straniera fermata per violazione della normativa comunitaria sullo “Ship Recycling”

Immagine segnaposto

Rinvenuto cadavere nelle acque del porto di Marano Lagunare

Immagine segnaposto

A Porto Nogaro nave straniera sottoposta a fermo amministrativo

Porto Nogaro

Immagine segnaposto

Nave straniera fermata per violazione della normativa comunitaria sullo “Ship Recycling”

Immagine segnaposto

Rinvenuto cadavere nelle acque del porto di Marano Lagunare

Immagine segnaposto

A Porto Nogaro nave straniera sottoposta a fermo amministrativo

Immagine segnaposto

Operazioni di Uscita dal Porto di Porto Nogaro del manufatto denominato “MAR 172” su Chiatta ARCALUPA