La corte dei Conti ha aperto un'indagine sui canoni demaniali marittimi in Sicilia. Su richiesta della Procura Contabile, la Capitaneria di Porto e la Guardia di Finanza oggi si sono recati alla Ragioneria generale della Regione e all'Assessorato territorio ambiente per acquisire documenti sulla gestione delle spiagge siciliane. Sono in corso indagine per stabilire eventuali responsabilità amministrative e contabili sui canoni. La Corte dei Conti batte cassa in quanto le perdite ipotizzate sono di almeno 40 milioni di euro.

02/10/2018 Palermo Eventi

La corte dei Conti ha aperto un'indagine sui canoni demaniali marittimi in Sicilia. Su richiesta della Procura Contabile, la Capitaneria di Porto e la Guardia di Finanza oggi si sono recati alla Ragioneria generale della Regione e all'Assessorato territorio ambiente per acquisire documenti sulla gestione delle spiagge siciliane. Sono in corso indagine per stabilire eventuali responsabilità amministrative e contabili sui canoni. La Corte dei Conti batte cassa in quanto le perdite ipotizzate sono di almeno 40 milioni di euro.

Eventi

Immagine segnaposto

Il Contrammiraglio Roberto ISIDORI ha consegnato l’onorificenza della medaglia d’onore per lunga navigazione

Immagine segnaposto

Visita alla Direzione Marittima della Sicilia Occidentale del Prefetto di Palermo S.E. Dott. Giuseppe FORLANI

Immagine segnaposto

In occasione della Giornata Mondiale degli Oceani si è svolta l'iniziativa Spazzamare

Immagine segnaposto

Terminate le operazioni di trasferimento sulla Nave Rubattino della Compagnia Italiana di Navigazione Tirrenia

Palermo

Immagine segnaposto

Il Contrammiraglio Roberto ISIDORI ha consegnato l’onorificenza della medaglia d’onore per lunga navigazione

Immagine segnaposto

Visita alla Direzione Marittima della Sicilia Occidentale del Prefetto di Palermo S.E. Dott. Giuseppe FORLANI

Immagine segnaposto

Terminate le operazioni di trasferimento sulla Nave Rubattino della Compagnia Italiana di Navigazione Tirrenia

Immagine segnaposto

Conclusa l'operazione denominata PHOENIX