Fossacesia, chiusura per il Pesce Palombo È più grande di 200 metri quadrati: avviata la revoca della concessione. Rischia anche Punta Isolata di Linda Caravaggio FOSSACESIA Un trabocco immortalato non solo da emittenti televisive regionali ma anche dalle telecamere di tivù nazionali, con interviste a gente di mare: al suo attuale proprietario Bruno Vett e ai suoi familiari, narranti la storia antica della palafitta sul mare ereditata da avi, e che con il trascorrere degli anni, l'hanno trasformata in un angolo paradisiaco e ristorante di pesce, dove poter gustare i frutti dell'Adriatico. La "bilancia da pesca", ossia il trabocco Pesce Palombo, costruito quasi un secolo fa, ne11923, famoso quindi in tutta l'Italia, e non solo, lungo la Costa dei trabocchi nel territorio di Fossacesia, da ieri non potrà più ospitare per ora, fino a quando non sarà ripristinato allo stato originale nella struttura così com'è conosciuta, banchetti, pranzi e cene di innamorati e comitive, matrimoni da favola, battesimi, aperitivi cenati e nemmeno prestare la sua location per girare dei film, così com'è avvenuto in passato. Il Comune di Fossacesia, attraverso l'Ufficio demanio, ha avviato la procedura di decadenza e revoca della concessione demaniale marittima del trabocco in seguito a un sopralluogo richiesto dal comando della Capitaneria di porto di Ortona ed effettuato alla fine dello scorso luglio, in cui sono state accertate una serie di irregolarità relative all'aumento non autorizzato della struttura per circa 200 metri quadrati. Successivamente al controllo, gli uffici comunali di Fossacesia hanno diffidato la proprietà a ripristinare lo stato dei luoghi entro 90 giorni, in quanto i lavori realizzati sono stati eseguiti in difformità dei titoli abilitativi e concessori rilasciati. Alla scadenza dei termini d'ingiunzione, però, le opere realizzate abusivamente non sono state rimosse e il Comune, lo scorso 18 ottobre, ha avviato il procedimento di decadenza della concessione demaniale marittima del trabocco. All'inizio della procedura di revoca della concessione demaniale si trova invece un altro trabocco: Punta Isolata. Il Comune di Rocca San Giovanni, mercoledì scorso ha emesso la richiesta di ripristino della struttura originale, quindi in questo caso, si è ancora alla fase iniziale, in quanto il Comune accertate le irregolarità ha chiesto al proprietario di ristabilire i luoghi così come erano all'origine, ossia di procedere all'abbattimento delle opere abusive. Tali provvedimenti, adottati su questi due trabocchi, potrebbero innescare un effetto domino anche sulle altre imponenti strutture realizzate in legno di pino d'aleppo sul mare se risultassero non rispettose della legge.

26/10/2018 Ortona Eventi

Fossacesia, chiusura per il Pesce Palombo È più grande di 200 metri quadrati: avviata la revoca della concessione. Rischia anche Punta Isolata di Linda Caravaggio FOSSACESIA Un trabocco immortalato non solo da emittenti televisive regionali ma anche dalle telecamere di tivù nazionali, con interviste a gente di mare: al suo attuale proprietario Bruno Vett e ai suoi familiari, narranti la storia antica della palafitta sul mare ereditata da avi, e che con il trascorrere degli anni, l'hanno trasformata in un angolo paradisiaco e ristorante di pesce, dove poter gustare i frutti dell'Adriatico. La "bilancia da pesca", ossia il trabocco Pesce Palombo, costruito quasi un secolo fa, ne11923, famoso quindi in tutta l'Italia, e non solo, lungo la Costa dei trabocchi nel territorio di Fossacesia, da ieri non potrà più ospitare per ora, fino a quando non sarà ripristinato allo stato originale nella struttura così com'è conosciuta, banchetti, pranzi e cene di innamorati e comitive, matrimoni da favola, battesimi, aperitivi cenati e nemmeno prestare la sua location per girare dei film, così com'è avvenuto in passato. Il Comune di Fossacesia, attraverso l'Ufficio demanio, ha avviato la procedura di decadenza e revoca della concessione demaniale marittima del trabocco in seguito a un sopralluogo richiesto dal comando della Capitaneria di porto di Ortona ed effettuato alla fine dello scorso luglio, in cui sono state accertate una serie di irregolarità relative all'aumento non autorizzato della struttura per circa 200 metri quadrati. Successivamente al controllo, gli uffici comunali di Fossacesia hanno diffidato la proprietà a ripristinare lo stato dei luoghi entro 90 giorni, in quanto i lavori realizzati sono stati eseguiti in difformità dei titoli abilitativi e concessori rilasciati. Alla scadenza dei termini d'ingiunzione, però, le opere realizzate abusivamente non sono state rimosse e il Comune, lo scorso 18 ottobre, ha avviato il procedimento di decadenza della concessione demaniale marittima del trabocco. All'inizio della procedura di revoca della concessione demaniale si trova invece un altro trabocco: Punta Isolata. Il Comune di Rocca San Giovanni, mercoledì scorso ha emesso la richiesta di ripristino della struttura originale, quindi in questo caso, si è ancora alla fase iniziale, in quanto il Comune accertate le irregolarità ha chiesto al proprietario di ristabilire i luoghi così come erano all'origine, ossia di procedere all'abbattimento delle opere abusive. Tali provvedimenti, adottati su questi due trabocchi, potrebbero innescare un effetto domino anche sulle altre imponenti strutture realizzate in legno di pino d'aleppo sul mare se risultassero non rispettose della legge.

Eventi

Immagine segnaposto

Operazione Mare Sicuro 2022 la Guardia Costiera di Ortona per un’estate in sicurezza

Immagine segnaposto

Il Direttore Marittimo in visita alla Capitaneria di Porto di Ortona

Immagine segnaposto

Stagione balneare al via Capitaneria di Porto al lavoro per la sicurezza e la legalità

Immagine segnaposto

Continuano i controlli ispettivi a bordo della Motonave NS SABINA da parte della Capitaneria di porto di Ortona.

Ortona

Immagine segnaposto

Operazione Mare Sicuro 2022 la Guardia Costiera di Ortona per un’estate in sicurezza

Immagine segnaposto

Il Direttore Marittimo in visita alla Capitaneria di Porto di Ortona

Immagine segnaposto

Stagione balneare al via Capitaneria di Porto al lavoro per la sicurezza e la legalità

Immagine segnaposto

Continuano i controlli ispettivi a bordo della Motonave NS SABINA da parte della Capitaneria di porto di Ortona.