​Va' in pensione il piano di ormeggio e di parcheggio del Porticciolo di Torregrande "Sa Mardini" datato 1997. La decisione presa dalla Capitaneria di Porto: «Situazione ormai insostenibile» Dopo quasi vent'anni senza modifiche, finalmente il piano ormeggi e parcheggi all'interno del porticciolo turistico di "Sa Mardini" viene modificato. Il regolamento dovrà essere ora predisposto dalla società delle Marine Oristanesi, gestore dello scalo e approvato dalla Capitaneria di Porto. La bozza, discussa e preparata a fine anno da una commissione demaniale, è stata anche già approvata dalla Regione. Il vecchio regolamento, in vigore dal lontano agosto 1997 era decisamente fuori tempo e non più adatto alle attuali e mutate esigenze. Non solo, quel vecchio piano è stato valutato come talmente illogico nel suo complesso, che oggi nell'area del Porticciolo vigeva di fatto solo l'anarchia. Così si è assistito per anni a natanti che occupavano anche tre posti e allo stesso modo non c'erano più regole nemmeno all'interno dell'area portuale e lungo le banchine. Questo pregiudicava il transito e il parcheggio degli autoveicoli. A causa del mancato rispetto delle regole di pochi utenti, molti dei diportisti erano costretti ad ormeggiarsi anche all'esterno dell'area del porticciolo, o nel canale scolmatore o direttamente in mare aperto con tutto ciò che questo comporta. Da qui la decisione della Capitaneria di porto di Oristano di rimettere ordine e dare un nuovo regolamento al Porticciolo di Torregrande. Le linee guida sono state approvate. Ora le Marine Oristanesi, sulla base di quella bozza, dovranno realizzare il nuovo regolamento che dovrà essere, infine, approvato dalla Capitaneria di Porto ed andrà a sostituire quello precedente.

05/01/2015 Oristano

​Va' in pensione il piano di ormeggio e di parcheggio del Porticciolo di Torregrande "Sa Mardini" datato 1997. La decisione presa dalla Capitaneria di Porto: «Situazione ormai insostenibile» Dopo quasi vent'anni senza modifiche, finalmente il piano ormeggi e parcheggi all'interno del porticciolo turistico di "Sa Mardini" viene modificato. Il regolamento dovrà essere ora predisposto dalla società delle Marine Oristanesi, gestore dello scalo e approvato dalla Capitaneria di Porto. La bozza, discussa e preparata a fine anno da una commissione demaniale, è stata anche già approvata dalla Regione. Il vecchio regolamento, in vigore dal lontano agosto 1997 era decisamente fuori tempo e non più adatto alle attuali e mutate esigenze. Non solo, quel vecchio piano è stato valutato come talmente illogico nel suo complesso, che oggi nell'area del Porticciolo vigeva di fatto solo l'anarchia. Così si è assistito per anni a natanti che occupavano anche tre posti e allo stesso modo non c'erano più regole nemmeno all'interno dell'area portuale e lungo le banchine. Questo pregiudicava il transito e il parcheggio degli autoveicoli. A causa del mancato rispetto delle regole di pochi utenti, molti dei diportisti erano costretti ad ormeggiarsi anche all'esterno dell'area del porticciolo, o nel canale scolmatore o direttamente in mare aperto con tutto ciò che questo comporta. Da qui la decisione della Capitaneria di porto di Oristano di rimettere ordine e dare un nuovo regolamento al Porticciolo di Torregrande. Le linee guida sono state approvate. Ora le Marine Oristanesi, sulla base di quella bozza, dovranno realizzare il nuovo regolamento che dovrà essere, infine, approvato dalla Capitaneria di Porto ed andrà a sostituire quello precedente.

Oristano

Immagine segnaposto

Ricerca e soccorso motopesca in difficoltà all'isola di Maldiventre

Immagine segnaposto

Il Comandante Marittimo Nord di La Spezia visita gli Uffici dipendenti della Direzione Marittima di Cagliari

Immagine segnaposto

Recupero e Salvataggio di due bagnanti con attrezzatura SUP e il genitore in difficoltà

Immagine segnaposto

Area Marina Protetta – La Guardia Costiera trova 57 nasse nei fondali antistanti le rovine di Tharros