​Non si ferma l'azione incisiva degli uomini della Capitaneria di Porto - Guardia Costiera di Oristano sul fronte della sicurezza della navigazione, della protezione dell'ambiente marino e della tutela delle condizioni di vita e di lavoro dei marittimi, nell'ottica dei poteri di controllo dello Stato di approdo e conferiti al Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto. La nave, denominata ANNA, della tipologia General Cargo, costruita nel 2004, con una stazza lorda di circa 3000 tonnellate (GT) e battente bandiera dell'OLANDA, è giunta in porto il giorno 10 febbraio (proveniente da Sagunto - Spagna) per caricare circa 4.500 tonnellate di bentonite grezza alla rinfusa destinata a Rotterdam in Olanda. A seguito di un infortunio, per fortuna non grave, occorso al direttore di macchina il giorno 12 febbraio, la nave è stata sottoposta ad ispezione dettagliata da parte del personale specializzato della Capitaneria di Porto nella giornata di ieri e, considerato che non è risultata rispondente ai requisiti minimi di sicurezza imposti dalle Convenzioni Internazionali, è stata conseguentemente fermata nel porto Oristano dal personale del Nucleo Ispettivo Port State Control della Guardia Costiera, operante nell'ambito del più ampio coordinamento posto in essere dalla Direzione Marittima della Sardegna Centro Meridionale di Cagliari. La visita, basata su controlli tecnici, operativi e documentali, si è svolta nell'ambito dell'ordinaria attività di verifica imposta dalla normativa internazionale sul naviglio mercantile straniero che scala i porti europei e, in virtù di quanto accaduto al marittimo il giorno prima, si è concentrata in particolar modo sulle condizioni di vita e di lavoro di bordo, al fine di verificare che quanto imposto dalla Convenzione Internazionale del Lavoro Marittimo (MLC 2006) venisse rispettato a bordo. Al termine dell'approfondita ispezione, durata oltre 10 ore, la nave è stata sottoposta a provvedimento di fermo amministrativo a causa delle irregolarità riscontate, di cui quattro gravi e motivo di fermo nave, inerenti in particolar modo l'addestramento dell'equipaggio, il sistema di gestione di sicurezza di bordo (Safety Management System), le condizioni di lavoro a bordo, in particolare per quanto attiene il rispetto dei previsti orari di lavoro e di riposo a bordo delle navi ed il livello di gestione della security marittima di bordo. Sono state, difatti, riscontrate numerose criticità inerenti la gestione della sicurezza della nave, le procedure di controllo degli accessi alla nave e dei visitatori a bordo, la mancata effettuazione di esercitazioni e addestramenti obbligatori, oltre che la scarsa familiarizzazione da parte del comando di bordo e dell'equipaggio col saper gestire criticità inerenti la security marittima in caso di atti intenzionali a bordo della nave. La nave non potrà lasciare il porto di Oristano fintanto che tutte le non conformità riscontrate non verranno ripristinate e sino a quando non sarà nuovamente ispezionata dal team della Guardia Costiera e dopo che un intervento a bordo dell'Amministrazione di bandiera, responsabile della certificazione della nave, non avrà attestato il ripristino delle condizioni minime di sicurezza in conformità alle pertinenti Convenzioni Internazionali. La motonave ANNA si aggiunge alle altre 6 fermate nel corso dell'anno 2017 dalla Capitaneria di Oristano, confermando la rigorosa attenzione posta dagli uomini della Guardia Costiera nei confronti della sicurezza della navigazione e della security marittima. Le ispezioni quindi continueranno anche nell'anno appena cominciato e con analoga incisività nei confronti delle navi non aderenti alle normative internazionali che rappresentano potenzialmente una minaccia per la sicurezza del proprio equipaggio, della navigazione e per la salvaguardia dell'ambiente marino.

13/02/2018 Oristano

​Non si ferma l'azione incisiva degli uomini della Capitaneria di Porto - Guardia Costiera di Oristano sul fronte della sicurezza della navigazione, della protezione dell'ambiente marino e della tutela delle condizioni di vita e di lavoro dei marittimi, nell'ottica dei poteri di controllo dello Stato di approdo e conferiti al Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto. La nave, denominata ANNA, della tipologia General Cargo, costruita nel 2004, con una stazza lorda di circa 3000 tonnellate (GT) e battente bandiera dell'OLANDA, è giunta in porto il giorno 10 febbraio (proveniente da Sagunto - Spagna) per caricare circa 4.500 tonnellate di bentonite grezza alla rinfusa destinata a Rotterdam in Olanda. A seguito di un infortunio, per fortuna non grave, occorso al direttore di macchina il giorno 12 febbraio, la nave è stata sottoposta ad ispezione dettagliata da parte del personale specializzato della Capitaneria di Porto nella giornata di ieri e, considerato che non è risultata rispondente ai requisiti minimi di sicurezza imposti dalle Convenzioni Internazionali, è stata conseguentemente fermata nel porto Oristano dal personale del Nucleo Ispettivo Port State Control della Guardia Costiera, operante nell'ambito del più ampio coordinamento posto in essere dalla Direzione Marittima della Sardegna Centro Meridionale di Cagliari. La visita, basata su controlli tecnici, operativi e documentali, si è svolta nell'ambito dell'ordinaria attività di verifica imposta dalla normativa internazionale sul naviglio mercantile straniero che scala i porti europei e, in virtù di quanto accaduto al marittimo il giorno prima, si è concentrata in particolar modo sulle condizioni di vita e di lavoro di bordo, al fine di verificare che quanto imposto dalla Convenzione Internazionale del Lavoro Marittimo (MLC 2006) venisse rispettato a bordo. Al termine dell'approfondita ispezione, durata oltre 10 ore, la nave è stata sottoposta a provvedimento di fermo amministrativo a causa delle irregolarità riscontate, di cui quattro gravi e motivo di fermo nave, inerenti in particolar modo l'addestramento dell'equipaggio, il sistema di gestione di sicurezza di bordo (Safety Management System), le condizioni di lavoro a bordo, in particolare per quanto attiene il rispetto dei previsti orari di lavoro e di riposo a bordo delle navi ed il livello di gestione della security marittima di bordo. Sono state, difatti, riscontrate numerose criticità inerenti la gestione della sicurezza della nave, le procedure di controllo degli accessi alla nave e dei visitatori a bordo, la mancata effettuazione di esercitazioni e addestramenti obbligatori, oltre che la scarsa familiarizzazione da parte del comando di bordo e dell'equipaggio col saper gestire criticità inerenti la security marittima in caso di atti intenzionali a bordo della nave. La nave non potrà lasciare il porto di Oristano fintanto che tutte le non conformità riscontrate non verranno ripristinate e sino a quando non sarà nuovamente ispezionata dal team della Guardia Costiera e dopo che un intervento a bordo dell'Amministrazione di bandiera, responsabile della certificazione della nave, non avrà attestato il ripristino delle condizioni minime di sicurezza in conformità alle pertinenti Convenzioni Internazionali. La motonave ANNA si aggiunge alle altre 6 fermate nel corso dell'anno 2017 dalla Capitaneria di Oristano, confermando la rigorosa attenzione posta dagli uomini della Guardia Costiera nei confronti della sicurezza della navigazione e della security marittima. Le ispezioni quindi continueranno anche nell'anno appena cominciato e con analoga incisività nei confronti delle navi non aderenti alle normative internazionali che rappresentano potenzialmente una minaccia per la sicurezza del proprio equipaggio, della navigazione e per la salvaguardia dell'ambiente marino.

Oristano

Immagine segnaposto

Ricerca e soccorso motopesca in difficoltà all'isola di Maldiventre

Immagine segnaposto

Il Comandante Marittimo Nord di La Spezia visita gli Uffici dipendenti della Direzione Marittima di Cagliari

Immagine segnaposto

Recupero e Salvataggio di due bagnanti con attrezzatura SUP e il genitore in difficoltà

Immagine segnaposto

Area Marina Protetta – La Guardia Costiera trova 57 nasse nei fondali antistanti le rovine di Tharros