​Nella mattinata del 12 giugno 2017, presso il piazzale interno della Capitaneria di Porto di Oristano si è svolta la celebrazione della Giornata della Marina Militare. Le giornate celebrative delle Forze Armate, compresa quella della Marina Militare, furono istituite nel 1939 e per la Marina Militare la data del 10 giugno commemora l'impresa coraggiosa di due piccole imbarcazioni della Marina Militare che ottennero in Adriatico un risultato di guerra navale di grande importanza, sia sotto il profilo tecnico sia sul piano dell'impatto emotivo nei confronti degli avversari. L'azione avvenne nei pressi della piccola isola di Premuda, dove i MAS "15" e "21" attaccarono una potente formazione navale austriaca. La sezione dei due MAS, al comando rispettivamente del Capitano di Corvetta Luigi Rizzo e del Guardiamarina Giuseppe Aonzo, affondò all'alba del 10 giugno 1918, la corazzata "Szent Istvan" (Santo Stefano). L'azione stroncò sul nascere una pericolosa incursione che il grosso della flotta austriaca si predisponeva a compiere contro lo sbarramento antisommergibili organizzato dagli Alleati nel Canale d'Otranto, per precludere l'accesso all'Adriatico ai sommergibili tedeschi. Dopo la cerimonia dell'alza bandiera, che si è svolta in forma privata ed alla sola presenza di una piccola rappresentanza delle associazioni combattentistiche e d'arma, si è data lettura dei messaggi augurali del Presidente della Repubblica, del Ministro della Difesa e del Capo di Stato Maggiore della Difesa, mantenendo coì vive le più alte tradizioni della Forza Armata e del Corpo delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera. 

12/06/2017 Oristano

​Nella mattinata del 12 giugno 2017, presso il piazzale interno della Capitaneria di Porto di Oristano si è svolta la celebrazione della Giornata della Marina Militare. Le giornate celebrative delle Forze Armate, compresa quella della Marina Militare, furono istituite nel 1939 e per la Marina Militare la data del 10 giugno commemora l'impresa coraggiosa di due piccole imbarcazioni della Marina Militare che ottennero in Adriatico un risultato di guerra navale di grande importanza, sia sotto il profilo tecnico sia sul piano dell'impatto emotivo nei confronti degli avversari. L'azione avvenne nei pressi della piccola isola di Premuda, dove i MAS "15" e "21" attaccarono una potente formazione navale austriaca. La sezione dei due MAS, al comando rispettivamente del Capitano di Corvetta Luigi Rizzo e del Guardiamarina Giuseppe Aonzo, affondò all'alba del 10 giugno 1918, la corazzata "Szent Istvan" (Santo Stefano). L'azione stroncò sul nascere una pericolosa incursione che il grosso della flotta austriaca si predisponeva a compiere contro lo sbarramento antisommergibili organizzato dagli Alleati nel Canale d'Otranto, per precludere l'accesso all'Adriatico ai sommergibili tedeschi. Dopo la cerimonia dell'alza bandiera, che si è svolta in forma privata ed alla sola presenza di una piccola rappresentanza delle associazioni combattentistiche e d'arma, si è data lettura dei messaggi augurali del Presidente della Repubblica, del Ministro della Difesa e del Capo di Stato Maggiore della Difesa, mantenendo coì vive le più alte tradizioni della Forza Armata e del Corpo delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera. 

Oristano

Immagine segnaposto

Ricerca e soccorso motopesca in difficoltà all'isola di Maldiventre

Immagine segnaposto

Il Comandante Marittimo Nord di La Spezia visita gli Uffici dipendenti della Direzione Marittima di Cagliari

Immagine segnaposto

Recupero e Salvataggio di due bagnanti con attrezzatura SUP e il genitore in difficoltà

Immagine segnaposto

Area Marina Protetta – La Guardia Costiera trova 57 nasse nei fondali antistanti le rovine di Tharros