Nella pomeriggio di mercoledì 30 ottobre, dopo quattro giorni di navigazione, la motovedetta S.A.R. CP 307 in servizio presso la Capitaneria di porto – Guardia Costiera di Oristano, al Comando del 1° Maresciallo Alessandro MANCA, è giunta al porto spagnolo di Algeciras dove, per tutto il mese di novembre, parteciperà al dispositivo di contrasto dei flussi migratori irregolari  e traffici illeciti provenienti dall’Algeria e dal Marocco e diretti verso la frontiera spagnola dell’Unione Europea, nell’ambito dell’operazione “INDALO 2019”, promossa dall’Agenzia Europea “FRONTEX”.

Partita alle prime luci del 26 ottobre scorso, la motovedetta CP 307 ed il suo equipaggio di 8 militari hanno fatto tappa a Mahón, nell’isola di Minorca, Ibiza e Cartagena.

Ad attenderli nel porto di Algeciras i colleghi delle altre motovedette d'altura che partecipano alla missione “INDALO 2019”, i quali hanno portato a termine numerose e difficili operazioni di contrasto in alto mare dei traffici illeciti provenienti da Algeria e Marocco e di soccorso ad imbarcazioni o gommoni in pessime condizioni di sicurezza, con a bordo migranti irregolari.

La Guardia Costiera italiana opera senza sosta con motovedette, pattugliatori, aerei ed elicotteri assieme alle unità delle altre Marine/Corpi di Guardia Costiera e Polizia dei diversi Stati europei, nell’ambito del dispositivo aero-navale di FRONTEX, oltre che essere impegnata quotidianamente nel preminente compito di salvaguardia della vita umana nelle acque di tutti i mari che bagnano la nostra Penisola.

Alla motovedetta e a tutto il suo equipaggio auguriamo "Buon Vento" per l’intenso mese di lavoro che li aspetta.

30/10/2019 Oristano

Nella pomeriggio di mercoledì 30 ottobre, dopo quattro giorni di navigazione, la motovedetta S.A.R. CP 307 in servizio presso la Capitaneria di porto – Guardia Costiera di Oristano, al Comando del 1° Maresciallo Alessandro MANCA, è giunta al porto spagnolo di Algeciras dove, per tutto il mese di novembre, parteciperà al dispositivo di contrasto dei flussi migratori irregolari  e traffici illeciti provenienti dall’Algeria e dal Marocco e diretti verso la frontiera spagnola dell’Unione Europea, nell’ambito dell’operazione “INDALO 2019”, promossa dall’Agenzia Europea “FRONTEX”.

Partita alle prime luci del 26 ottobre scorso, la motovedetta CP 307 ed il suo equipaggio di 8 militari hanno fatto tappa a Mahón, nell’isola di Minorca, Ibiza e Cartagena.

Ad attenderli nel porto di Algeciras i colleghi delle altre motovedette d'altura che partecipano alla missione “INDALO 2019”, i quali hanno portato a termine numerose e difficili operazioni di contrasto in alto mare dei traffici illeciti provenienti da Algeria e Marocco e di soccorso ad imbarcazioni o gommoni in pessime condizioni di sicurezza, con a bordo migranti irregolari.

La Guardia Costiera italiana opera senza sosta con motovedette, pattugliatori, aerei ed elicotteri assieme alle unità delle altre Marine/Corpi di Guardia Costiera e Polizia dei diversi Stati europei, nell’ambito del dispositivo aero-navale di FRONTEX, oltre che essere impegnata quotidianamente nel preminente compito di salvaguardia della vita umana nelle acque di tutti i mari che bagnano la nostra Penisola.

Alla motovedetta e a tutto il suo equipaggio auguriamo "Buon Vento" per l’intenso mese di lavoro che li aspetta.

Oristano

Immagine segnaposto

Ricerca e soccorso motopesca in difficoltà all'isola di Maldiventre

Immagine segnaposto

Il Comandante Marittimo Nord di La Spezia visita gli Uffici dipendenti della Direzione Marittima di Cagliari

Immagine segnaposto

Recupero e Salvataggio di due bagnanti con attrezzatura SUP e il genitore in difficoltà

Immagine segnaposto

Area Marina Protetta – La Guardia Costiera trova 57 nasse nei fondali antistanti le rovine di Tharros