I week end di Agosto: il litorale oristanese presidiato dalla Guardia Costiera e dai volontari del C.I.S.O.M., che garantiranno un pronto intervento sanitario a bagnanti e diportisti in difficoltà. Il comandante della Capitaneria di Porto di Oristano, Capitano di Fregata (CP) Erminio di  NARDO e il Dott. Marco OBINU, Capo Raggruppamento Sardegna Meridionale del Corpo Italiano di Soccorso dell'Ordine di Malta, sulla base di quanto previsto dal Protocollo d'Intesa, sottoscritto a livello centrale dal Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto e dal CISOM, hanno concordato un'attività di collaborazione tecnico-operativa di assistenza e primo soccorso sanitario, da realizzare durante le attività di salvaguardia e tutela della vita umana in mare. Questa collaborazione prevede la possibilità d'impiego, a bordo di unità navali della Guardia Costiera, dei volontari della fondazione melitense: nello specifico, saranno presenti, nei giorni di maggior afflusso di turisti, due volontari, per garantire un primo soccorso sanitario ai bagnanti in difficoltà. L'accordo prevede, inoltre, che tra i due soccorritori esperti nel nuoto, vi sia un infermiere professionale con qualifica BLS-D e BTLS (Basic Trauma Life Support) e dotato di equipaggiamento rispondente a tali specializzazioni. A maggior garanzia di una pronta cooperazione operativa, i volontari dell'Ordine di Malta saranno ospitati presso i locali della Capitaneria di Porto nei fine settimana di agosto, periodo tradizionalmente caratterizzato da maggior presenza di bagnanti e diportisti lungo le coste. In questo modo essi, in caso di chiamata di emergenza, potranno essere tempestivamente imbarcati sulle motovedette della Guardia Costiera, garantendo così un rapido ed efficace intervento sanitario, durante l' attività di soccorso in mare.

11/08/2016 Oristano

I week end di Agosto: il litorale oristanese presidiato dalla Guardia Costiera e dai volontari del C.I.S.O.M., che garantiranno un pronto intervento sanitario a bagnanti e diportisti in difficoltà. Il comandante della Capitaneria di Porto di Oristano, Capitano di Fregata (CP) Erminio di  NARDO e il Dott. Marco OBINU, Capo Raggruppamento Sardegna Meridionale del Corpo Italiano di Soccorso dell'Ordine di Malta, sulla base di quanto previsto dal Protocollo d'Intesa, sottoscritto a livello centrale dal Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto e dal CISOM, hanno concordato un'attività di collaborazione tecnico-operativa di assistenza e primo soccorso sanitario, da realizzare durante le attività di salvaguardia e tutela della vita umana in mare. Questa collaborazione prevede la possibilità d'impiego, a bordo di unità navali della Guardia Costiera, dei volontari della fondazione melitense: nello specifico, saranno presenti, nei giorni di maggior afflusso di turisti, due volontari, per garantire un primo soccorso sanitario ai bagnanti in difficoltà. L'accordo prevede, inoltre, che tra i due soccorritori esperti nel nuoto, vi sia un infermiere professionale con qualifica BLS-D e BTLS (Basic Trauma Life Support) e dotato di equipaggiamento rispondente a tali specializzazioni. A maggior garanzia di una pronta cooperazione operativa, i volontari dell'Ordine di Malta saranno ospitati presso i locali della Capitaneria di Porto nei fine settimana di agosto, periodo tradizionalmente caratterizzato da maggior presenza di bagnanti e diportisti lungo le coste. In questo modo essi, in caso di chiamata di emergenza, potranno essere tempestivamente imbarcati sulle motovedette della Guardia Costiera, garantendo così un rapido ed efficace intervento sanitario, durante l' attività di soccorso in mare.

Oristano

Immagine segnaposto

Ricerca e soccorso motopesca in difficoltà all'isola di Maldiventre

Immagine segnaposto

Il Comandante Marittimo Nord di La Spezia visita gli Uffici dipendenti della Direzione Marittima di Cagliari

Immagine segnaposto

Recupero e Salvataggio di due bagnanti con attrezzatura SUP e il genitore in difficoltà

Immagine segnaposto

Area Marina Protetta – La Guardia Costiera trova 57 nasse nei fondali antistanti le rovine di Tharros