​Ogni anno il Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto, nell'ambito della pianificazione dei servizi di prevenzione e controllo delle attività turistico-balneari che, tradizionalmente, si svolgono lungo tutto il litorale italiano, lancia una campagna a livello nazionale denominata "MARE SICURO". Essa prevede un impiego capillare delle risorse umane e dei mezzi affinché, attraverso il controllo dei litorali, si possa concretamente contribuire ad una ottimale fruizione del bene "mare" complessivamente considerato e a fornire le migliori condizioni per una tranquilla vacanza degli italiani e degli stranieri che scelgono le coste della Sardegna come meta. In tale ottica la Capitaneria di porto di Oristano e l'Ufficio Circondariale Marittimo di Bosa metteranno in campo oltre 40 uomini per lo svolgimento dell'attività di Polizia Marittima e Demaniale e 7 mezzi navali (le motovedette CP 307, CP 893, CP 2101, CP 728 e il battello GC-B42 di Oristano nonché la motovedetta CP 835 e il battello GC-A63 di Bosa) che opereranno in stretta sinergia con le pattuglie a terra. L'operazione Mare Sicuro, partita oggi a livello nazionale, è stata presentata questa mattina durante lo svolgimento della "giornata della sicurezza in mare 2017", organizzata dalla sezione Sinis Golfo di Oristano della Lega navale italiana in collaborazione con la Capitaneria di porto di Oristano e la Società marine oristanesi, e proseguirà fino al prossimo 17 settembre. Il suo compito istituzionale primario sarà rappresentato dalla salvaguardia della vita umana in mare sia di bagnanti che di diportisti, scoraggiando l'inosservanza delle più elementari norme comportamentali e di sicurezza – spesso causa di incidenti con gravi conseguenze – mediante la presenza di pattuglie a terra in servizio di Polizia Marittima balneare e l'impiego delle pattuglie in mare. La campagna è stata preceduta da una "fase preparatoria" durante la quale, oltre alla pianificazione di tutte le risorse disponibili, si è voluta attivare una specifica campagna informativa nei confronti dei giovani svolgendo, nei numerosi istituti scolastici ubicati nel territorio di giurisdizione della Capitaneria di porto di Oristano, specifiche conferenze tematiche inerenti la sicurezza in mare e la salvaguardia dell'ambiente marino. Dopo aver compiuto un'attenta analisi delle criticità emerse nelle trascorse stagioni e della casistica degli incidenti avvenuti in mare, il Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto ha voluto creare un "Decalogo" delle norme che bagnanti e diportisti devono seguire ai fini della loro sicurezza. Durante le conferenze si è posta molta attenzione su tale elencazione, cercando di sensibilizzare maggiormente i giovani che, spesso, sono i primi ad essere vittime del mare. Nel ricordare l'importanza del numero blu di soccorso 1530 per tutte le emergenze in mare, si invitano tutti gli utenti del mare a consultare le regole contenute nella nuova Ordinanza di sicurezza balneare n° 25/2017 (disponibile sul web all'indirizzo http://www.guardiacostiera.gov.it/oristano/Pages/ordinanze.aspx) nonché il bollettino meteo disponibile sul sito internet dell'Aeronautica Militare www.meteoam.it ovvero divulgato sui canali radio di volta in volta comunicati tramite il canale marino VHF 16.

17/06/2017 Oristano

​Ogni anno il Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto, nell'ambito della pianificazione dei servizi di prevenzione e controllo delle attività turistico-balneari che, tradizionalmente, si svolgono lungo tutto il litorale italiano, lancia una campagna a livello nazionale denominata "MARE SICURO". Essa prevede un impiego capillare delle risorse umane e dei mezzi affinché, attraverso il controllo dei litorali, si possa concretamente contribuire ad una ottimale fruizione del bene "mare" complessivamente considerato e a fornire le migliori condizioni per una tranquilla vacanza degli italiani e degli stranieri che scelgono le coste della Sardegna come meta. In tale ottica la Capitaneria di porto di Oristano e l'Ufficio Circondariale Marittimo di Bosa metteranno in campo oltre 40 uomini per lo svolgimento dell'attività di Polizia Marittima e Demaniale e 7 mezzi navali (le motovedette CP 307, CP 893, CP 2101, CP 728 e il battello GC-B42 di Oristano nonché la motovedetta CP 835 e il battello GC-A63 di Bosa) che opereranno in stretta sinergia con le pattuglie a terra. L'operazione Mare Sicuro, partita oggi a livello nazionale, è stata presentata questa mattina durante lo svolgimento della "giornata della sicurezza in mare 2017", organizzata dalla sezione Sinis Golfo di Oristano della Lega navale italiana in collaborazione con la Capitaneria di porto di Oristano e la Società marine oristanesi, e proseguirà fino al prossimo 17 settembre. Il suo compito istituzionale primario sarà rappresentato dalla salvaguardia della vita umana in mare sia di bagnanti che di diportisti, scoraggiando l'inosservanza delle più elementari norme comportamentali e di sicurezza – spesso causa di incidenti con gravi conseguenze – mediante la presenza di pattuglie a terra in servizio di Polizia Marittima balneare e l'impiego delle pattuglie in mare. La campagna è stata preceduta da una "fase preparatoria" durante la quale, oltre alla pianificazione di tutte le risorse disponibili, si è voluta attivare una specifica campagna informativa nei confronti dei giovani svolgendo, nei numerosi istituti scolastici ubicati nel territorio di giurisdizione della Capitaneria di porto di Oristano, specifiche conferenze tematiche inerenti la sicurezza in mare e la salvaguardia dell'ambiente marino. Dopo aver compiuto un'attenta analisi delle criticità emerse nelle trascorse stagioni e della casistica degli incidenti avvenuti in mare, il Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto ha voluto creare un "Decalogo" delle norme che bagnanti e diportisti devono seguire ai fini della loro sicurezza. Durante le conferenze si è posta molta attenzione su tale elencazione, cercando di sensibilizzare maggiormente i giovani che, spesso, sono i primi ad essere vittime del mare. Nel ricordare l'importanza del numero blu di soccorso 1530 per tutte le emergenze in mare, si invitano tutti gli utenti del mare a consultare le regole contenute nella nuova Ordinanza di sicurezza balneare n° 25/2017 (disponibile sul web all'indirizzo http://www.guardiacostiera.gov.it/oristano/Pages/ordinanze.aspx) nonché il bollettino meteo disponibile sul sito internet dell'Aeronautica Militare www.meteoam.it ovvero divulgato sui canali radio di volta in volta comunicati tramite il canale marino VHF 16.

Oristano

Immagine segnaposto

Ricerca e soccorso motopesca in difficoltà all'isola di Maldiventre

Immagine segnaposto

Il Comandante Marittimo Nord di La Spezia visita gli Uffici dipendenti della Direzione Marittima di Cagliari

Immagine segnaposto

Recupero e Salvataggio di due bagnanti con attrezzatura SUP e il genitore in difficoltà

Immagine segnaposto

Area Marina Protetta – La Guardia Costiera trova 57 nasse nei fondali antistanti le rovine di Tharros