torna indietro alla pagina organizzazione

 

a)   Ufficio dell'assistente del Comandante generale del Corpo delle capitanerie di porto:

 

1^ Sezione – Coordinamento attività d'istituto:

  • coordina gli altri uffici di supporto all'organo di vertice al fine di perseguire più efficacemente gli obiettivi stabiliti dal Comandante generale;
  • assiste il Comandante generale nell'organizzazione e nello svolgimento delle attività istituzionali e di rappresentanza, coordinando, ove necessario, le attività dell'ufficio dell'ufficiale superiore addetto, dell'ufficio del cerimoniale e della segreteria particolare;
  • tratta le pratiche che il Comandante generale avoca a sé;
  • collaziona la corrispondenza alla firma e quella in visione, compresi gli appunti, al Comandante generale;
  • tratta gli incarichi affidati dal Comandante generale in qualità di Capo di Corpo;
  • cura i rapporti con gli uffici di diretta collaborazione dei Ministri dei Dicasteri per i quali il Corpo esercita attività funzionali o di collaborazione;
  • assicura il raccordo funzionale del personale destinato presso gli uffici di diretta collaborazione dei Ministeri di riferimento;
  • cura i rapporti con gli uffici di staff in ambito Forza Armata e Difesa;
  • cura i rapporti con le Istituzioni pubbliche e le organizzazioni di categoria, per gli aspetti connessi alla trattazione di questioni rilevanti.

 

b)   Ufficio dell'Ufficiale superiore addetto:

  • gestisce gli impegni e le attività del Comandante generale;
  • organizza le attività di rappresentanza del Comandante generale;
  • raccoglie le lettere e promemoria del Comandante generale dirette alle SS.AA.;
  • raccoglie le decretazioni del Comandante generale, gli appunti e le note dei reparti/uffici;
  • custodisce gli Ordini del Giorno, i decreti dirigenziali e le direttive del Comandante generale.

c)   Segreteria particolare del Comandante generale:

  • tratta la corrispondenza particolare e di cortesia del Comandante generale;
  • gestisce il centralino per le telefonate in arrivo/uscita dagli uffici dell'area del Comandante generale;
  • gestisce l'utilizzo della sala riunioni ubicata nell'area del Comandante generale;
  • redispone e cura la documentazione necessaria per la partecipazione del Comandante generale a incontri, convegni, visite e interventi di rappresentanza.

 

d)   Ufficio cerimoniale:

  • organizza le visite da parte di Autorità di vertice presso il Comando generale;
  • cura le attività protocollari connesse alla partecipazione del Comandante generale a cerimonie militari ed eventi esterni, sia nazionali che internazionali;
  • organizza cerimonie militari e civili presso la sede a cui presieda o partecipi il Comandante generale;
  • supporta altri elementi di organizzazione del Comando generale per eventuali attività protocollari connessi ad eventi di rilevanza esterna;
  • supporta le attività di rappresentanza sul territorio che vedano la partecipazione di personale del Corpo coinvolto in cerimonie e manifestazioni militari e civili.

e)   Ufficio atti normativi e parlamentari:

1^ Sezione - atti normativi:

  • analizza e valuta le problematiche di carattere giuridico di interesse del Corpo all'attenzione del Parlamento o del Governo;

  • esegue approfondimenti disposti dal Comandante generale sulle questioni giuridiche attinenti le attività istituzionali del Corpo;

  • esegue approfondimenti delle iniziative legislative di diretto interesse, seguendone l'iter istruttorio e le proposte emendative;

  • analizza e valuta, in collaborazione con la 2^ sezione, gli atti di Governo in calendario al pre-Consiglio ed al Consiglio dei Ministri;

  • raccoglie e valuta, sulla base dell'attività di analisi di fattibilità, le proposte emendative degli atti parlamentari e di Governo;

  • supporta il Reparto II nella predisposizione di proposte di atti di normazione, delineando gli elementi di merito e le occorrenti linee di elaborazione sia degli schemi che delle relazioni a corredo dei provvedimenti;

  • analizza, individua e valorizza gli aspetti salienti, che incidono e rilevano sul piano funzionale e sulle attività del Corpo, contenuti nei provvedimenti normativi, delineando, sulla base degli indirizzi fissati dal Comandante generale, le linee generali rispetto alle quali i Reparti ed Uffici, in ragione delle rispettive competenze, sviluppano iniziative e programmi;

  • sviluppa e cura i contatti con gli Organi parlamentari e di Governo, favorendo i necessari approfondimenti sulle iniziative legislative di interesse del Corpo, predisponendo ed analizzando, per gli aspetti di rilievo che riguardano le funzioni istituzionali del Corpo, proposte emendative e le necessarie osservazioni.

2^ Sezione - atti parlamentari:

  • monitora le iniziative legislative, con predisposizione e sviluppo di progetti secondo le linee di indirizzo definite dal Comandante generale;

  • raccoglie, analizza, diffonde ed archivia gli atti parlamentari di interesse per il Corpo e le relative proposte emendative;

  • verifica del calendario dei lavori parlamentari;

  • si interfaccia, con il Reparto II per gli aspetti tecnici relativi alle procedure parlamentari, per la trattazione degli atti di sindacato ispettivo che riguardano le funzioni del Corpo;

  • predisposizioni organizzative delle audizioni di personale del Corpo presso gli Organi parlamentari;

  • predisposizioni organizzative delle visite di commissioni/delegazioni parlamentari e di singoli membri del Parlamento presso il Comando generale.


f)   Ufficio legale e del contenzioso:

  • analizza e valuta, di concerto con l'ufficio atti normativi e parlamentari, sull'impatto di ogni iniziativa, proposte o situazioni rilevanti che riguardano le funzioni del Corpo;
  • seleziona, sulla base di un'analisi di fattibilità giuridica, gli interventi di ordine legale, secondo le linee di indirizzo definite dal Comandante generale;
  • analizza, di concerto con l'Ufficio atti normativi e parlamentari, le iniziative di altre amministrazioni che possono incidere sulle prerogative funzionali del Corpo e predispone i necessari atti di riscontro anche attraverso l'interessamento dei competenti Uffici legislativi;
  • analizza, valuta e sviluppa, di concerto con l'Ufficio atti normativi e parlamentari, iniziative di collaborazione istituzionale sia con le amministrazioni statali che con quelle degli enti locali;
  • partecipa, di concerto con l'Ufficio atti normativi e parlamentari, alla elaborazione di proposte di atti di normazione;
  • fornisce supporto tecnico-legale ai Reparti ovvero Uffici, in ragione delle rispettive attribuzioni, per il contenzioso amministrativo e giurisdizionale in materia di servizi d'istituto e gestione del personale, delineando le relative strategie difensive più adeguate;
  • cura le attività di consulenza tecnico-legale e di supporto nei confronti dei Reparti ovvero Uffici.

g)      Ufficio bilancio e programmazione generale e finanziaria:

1^ Sezione - pianificazione e programmazione finanziaria:

  • è responsabile della pianificazione e programmazione finanziaria del "Corpo delle Capitanerie di Porto" per tutte le spese correnti e in conto capitale sia di fabbisogno che su leggi pluriennali di spesa;

  • elabora i documenti di programmazione del Settore Investimento (Piano pluriennale di investimento Preliminare e Finale dei fondi);

  • provvede alla gestione e controllo dell'iter di approvazione dei programmi di investimento del Corpo sulle Leggi pluriennali di spesa;

  • monitora l'avanzamento dei programmi di Investimento;

  • esercita le funzioni di organo programmatore di vertice (1° livello) relativamente a tali settori ed elabora i piani di impiego annuali delle risorse finanziarie;

  • coordina l'operato e la programmazione degli organo di programmazione di 2° livello (OPL2);

  • monitora, d'intesa con l'ufficio Atti normativi e parlamentari, l'attività parlamentare e legislativa d'interesse, nonché, con gli EE.OO. interessati, tutti i provvedimenti normativi per i riflessi finanziari conseguenti, esprimendo le valutazioni di competenza;

  • provvede, nell'ambito delle attività di formazione del bilancio, alla elaborazione delle previsioni di spesa per le esigenze di rinnovamento, ammodernamento e di esercizio.

  • esercita le funzioni di controllo operativo dei fondi, di controllo della spesa e di verifica dei risultati al fine di conseguire gli obiettivi stabiliti;

  • predispone i rapporti finali di consuntivazione dell'esercizio, anche ai fini del Rendiconto generale dello Stato;

  • coordina le attività correlate al periodico svolgimento delle riunioni di coordinamento esercitando la funzione di "custodian" dell'afferente documentazione economico- finanziaria.

 

2^ Sezione - bilancio finanziario:

  • provvede alla predisposizione del bilancio del Corpo delle Capitanerie di Porto nella sua globalità;
  • predispone le necessarie azioni correttive di bilancio in corso di esercizio finanziario, quali: riassegnazione in bilancio di versamenti in entrata; variazioni compensative tra capitoli/piani gestionali; ripartizione fondi a disposizione di F.A., di funzionamento del Corpo e accise; prelevamenti dai fondi di riserva del M.E.F., reiscrizione in bilancio di residui passivi perenti, accantonamenti e disaccantonamenti di bilancio, conservazione residui di stanziamento e relativo monitoraggio;
  • partecipa alla ripartizione dei fondi speciali a disposizione del M.I.T.;
  • individua le spese strumentali comuni da effettuarsi in gestione unificata tra più centri di responsabilità del M.I.T.;
  • pone in essere le azioni necessarie per l'esercizio delle funzioni di controllo operativo dei fondi e di controllo della spesa, adottando i necessari provvedimenti in caso di mancata rispondenza con le previsioni di spesa originarie;
  • tratta gli atti relativi agli oneri discendenti dalle concertazioni e dagli adeguamenti retributivi del personale militare;
  • pone in essere le azioni necessarie per l'esercizio dell'impiego operativo dei fondi per le missioni del personale militare e per le competenze accessorie del personale militare;
  • pone in essere le azioni necessarie e mantiene i collegamenti con gli Organi di controllo e con la Corte dei Conti in materia finanziaria.

 

3^ Sezione – programmazione strategica e contabilità economica:

  • è responsabile della programmazione strategica del Corpo delle Capitanerie di Porto, formulando la bozza degli Obiettivi Operativi da recepire nella "Direttiva Generale sull' attività amministrativa e sulla gestione" a firma del Ministro delle Infrastrutture e dei trasporti, verificandone periodicamente l'andamento;

  • effettua le attività propedeutiche alla predisposizione della programmazione strategica per i programmi di pertinenza del Centro di responsabilità;

  • è responsabile dell'impostazione e della rendicontazione del bilancio secondo il sistema di contabilità economico-analitica per la Pubblica Amministrazione e della rilevazione delle attività e delle risorse impiegate dai Centri di Costo del Corpo delle Capitanerie di Porto;

  • provvede alla redazione dei periodici Budget e consuntivi economici, ai sensi della vigente normativa in materia;

  • coordina e pianifica le diverse fasi in cui si articola il ciclo della performance per quanto concerne la definizione e l'assegnazione degli obiettivi, il collegamento tra gli

  • obiettivi e le risorse, il monitoraggio costante e l'attivazione di eventuali interventi correttivi, la misurazione e valutazione della performance organizzativa;

  • coordina le previsioni, il controllo ed il monitoraggio della spesa del personale del Corpo delle Capitanerie di Porto tramite il SICO (Sistema conoscitivo del personale dipendente dalle Amministrazioni Pubbliche), con riferimento anche al Conto Annuale del personale.

 

4^ Sezione - studi e gestione di forme innovative di finanziamento:

    • è responsabile del monitoraggio costante delle attività ed azioni che possano dar luogo a forme innovative di finanziamento, tanto in ambito nazionale quanto in seno  a programmi e progetti comunitari. Partecipa ai consessi, gruppi di lavoro e tavoli tecnici ed a più ampio respiro, relativi alla materia di pertinenza. Valuta la possibilità di intrattenere contatti per esplorare nuove forme di finanziamento, coordina le azioni degli elementi di organizzazione del Corpo delle CC.P. con gli altri attori nazionali ed internazionali, armonizzando le procedure, fornendo linee guida, creando un patrimonio comune di best practice.

In tal contesto:

      1. avvia i contatti con le strutture governative e ministeriali di pertinenza in materia di progettazione comunitaria e nazionale;
      2. ricerca le informazioni necessarie per promuovere la partecipazione del Corpo ai bandi di gara (call far tender) e per rispondere agli inviti a presentare proposte (call far proposal);
      3. istruisce le richieste di finanziamento sulla base dei progetti elaborati e proposti dai singoli reparti.
      4. cura la gestione della contabilità speciale attivata presso l'IGRUE per la gestione dei fondi comunitari;
    • esprime il proprio parere sulla stipula delle convenzioni con enti pubblici e privati per la realizzazione delle finalità d'istituto, e coordina i profili economici finanziari e le conseguenti azioni di bilancio al fine dell'acquisizione delle risorse;
    • istruisce e sottopone all'approvazione del Comandante generale le autorizzazioni alla permuta di materiali o prestazioni da stipulare con soggetti pubblici e privati, in attuazione dell'articolo 4 bis, della legge dicembre 2017, n. 172;
    • fornisce supporto tecnico ed amministrativo nell'ambito di competenza.

 

5^ Sezione - controllo di gestione ed analisi della performance:

  • esercita le funzioni di controllo di gestione, di verifica dei risultati e di valutazione della performance collettiva, offrendo gli elementi ai competenti EE.OO. per adottare le necessarie azioni correttive al fine di conseguire gli obiettivi stabiliti dal Ministro delle infrastrutture e dei trasporti;

  • valorizza e coordina le attività degli EE.O.O. nell'ambito del più generale progetto governativo dello spending review, tramite il controllo delle attività, la verifica dei risultati (intermedi e finali) e le azioni di reporting estrapolati dai Sistemi Informativi in uso al Corpo;

  • individua ed aggiornare i parametri di riferimento per il controllo di gestione (indicatori di efficienza, efficacia ed economicità);
  • individua annualmente i processi impattati (linee di attività monitorate) e del loro peso ai fini della misurazione dell'efficienza;
  • procede alla rilevazione dei prodotti, delle attività e delle risorse impiegate dai Centri di Costo del Corpo;
  • redige    le    relazioni    periodiche    da    presentare    al    Comandante    generale    ed all'Organismo indipendente di valutazione
  • cura il monitoraggio dell'inserimento dei dati da parte dei competenti EE.OO. sul sistema informativo di controllo di gestione del Corpo e sugli altri sistemi informativi afferenti il controllo di gestione e le rilevazioni statistiche in uso nel ministero (SIGEST, ADES, ecc.);

  • cura i rapporti con l'ISTAT per le attività inerenti l'assolvimento degli obblighi del Corpo discendenti dall'attuazione del "Programma statistico nazionale" (PSN);

  • cura la rilevazione dei costi di gestione delle principali attività svolte dal Corpo delle Capitanerie di Porto e determina le tabelle di onerosità dei servizi resi ad enti pubblici ed ai privati;

  • cura la rilevazione dei fabbisogni informatici in uso finalizzati al controllo di gestione e la loro manutenzione evolutiva e correttiva.

h)      Ufficio affari internazionali:

1^ Sezione – relazioni internazionali:

  • cura la pianificazione e definizione annuale delle visite del Comandante generale con i suoi omologhi stranieri assicurando i contatti con la segreteria particolare e, quando richiesto, con gli Addetti militari\navali italiani ed esteri;
  • cura il supporto alla segreteria particolare del Comandante generale nella predisposizione ed esecuzione delle visite di delegazioni estere presso il Comando generale e sedi periferiche del Corpo;
  • cura la predisposizione di piani di cooperazione tecnica e incontri di staff con omologhe organizzazioni di Guardia Costiera straniere (comprese le Marine Militari), anche in coordinamento con lo Stato Maggiore Marina e lo Stato Maggiore Difesa;
  • fornisce supporto all'elaborazione di accordi internazionali;
  • fornisce supporto ai Reparti per l'attività di addestramento di personale straniero, in Italia e all'estero;
  • assicura l'analisi delle linee di attività delle Guardie Costiere dei Paesi di interesse e la conseguente predisposizione, conservazione ed aggiornamento delle "Schede Paese" relative alle Nazioni con le cui omologhe organizzazioni il Corpo intesse, a vario titolo, relazioni internazionali; a tale scopo si coordina con i Reparti e Uffici del Comando generale, al fine di reperire le informazioni pertinenti;
  • fornisce supporto al MAECI per quanto attiene i rapporti che l'UE e gli Stati membri intrattengono con l'IMO, con riferimento all'attuazione ed aggiornamento della convenzione UNCLOS;
  • fornisce supporto al MAECI (coordinatore mare della DGAP), in coordinamento con la 2^Sezione, per quanto attiene i rapporti che l'Italia intrattiene con l'UE in materia di Politica Marittima Integrata e le connesse policy relative alla Blue Economy e Blue growth.

 

2^ Sezione – politica marittima e strategia:

  • cura le relazioni con i pertinenti uffici delle Istituzioni europee, di cui studia ed analizza atti e documenti, rapportandosi, per il previsto tramite, anche con gli Uffici della Rappresentanza permanente italiana presso la Commissione europea.
  • cura l'analisi e lo studio di atti e documenti d'interesse in materia di:
  1. diritto internazionale;

  2. diritto internazionale umanitario;

  3. diritto dell'Unione Europea;

  4. politica marittima integrata dell'UE;

  5. politica di sicurezza e difesa dell'UE;

fornendo supporto specialistico per favorire l'elaborazione della posizione e delle relative linee di indirizzo del Comandante generale per l'attività internazionale del Corpo;

  • cura i rapporti con i Consiglieri diplomatici dei Dicasteri cui sono attribuite funzioni d'interesse per il Corpo;
  • assicura supporto al I Reparto per:
    1. il monitoraggio delle call per la partecipazione di personale del Corpo alle selezioni per posizioni di END e Temporary agent, segnalando gli incarichi di possibile interesse;
    2. l'individuazione e segnalazione di corsi di formazione all'estero;
    3. scambi di personale con le Guardie Costiere estere;
  • concorre insieme ai Reparti interessati a predisporre la partecipazione di personale del Corpo agli incontri/riunioni/conferenze di interesse in seno agli organismi internazionali e comunitari;
  • indottrina su norme di linguaggio ed obiettivi di interesse il personale del Corpo destinato all'estero per missioni prolungate, svolgendo opportuna azione di raccordo, unitamente ai Reparti interessati, al fine di armonizzarne le iniziative per il perseguimento delle finalità in campo internazionale del Corpo;
  • monitora l'attività svolta dal personale END, in collaborazione con i Reparti assegnatari degli esperti destinati all'estero, chiedendo report semestrali;
  • elabora ed aggiorna il "briefing generale del Corpo" in inglese ed italiano;
  • redige, al 31 dicembre di ogni anno, il Rapporto annuale delle attività internazionali svolte dall'Ufficio;
  • svolge attività di segreteria dell'Ufficio e tiene aggiornato sulla LAN dell'Ufficio il prospetto annuale "Eventi", monitorando l'esatto e puntuale adempimento degli atti prodromici e susseguenti ogni attività di rilevanza internazionale.

 

3^ Sezione – cooperazione internazionale:

  • cura le relazioni con i seguenti organismi e programmi\iniziative UE ed internazionali, di cui studia, promuove, analizza e supervisiona atti e documenti, per la partecipazione attiva ad essi da parte del Corpo e del Comando generale:
  1. Forum europeo delle funzioni di Guardia Costiera - European Coast Guard Functions Forum (ECGFF);
  2. Forum mediterraneo delle funzioni di Guardia Costiera - Mediterranean Coast Guard Functions Forum (MCGFF);
  3. interagency Cooperation on Coast Guard Functions promossa, sulla base di accordo tripartito, dalle Agenzie EMSA, EFCA e Frontex;
  4. Unione per il Mediterraneo (UpM);
  5. altri Fora, progetti ed iniziative multilaterali di interesse per il Corpo;

 

  • in coordinamento con le altre Sezioni, infine, studia ed analizza gli atti e i documenti dell'UE inerenti la Politica Marittima Integrata, la Politica di vicinato, la Politica di cooperazione internazionale, con particolare attenzione agli aspetti tecnici di competenza inerenti:
    • progetti di capacity e state building, di gemellaggio amministrativo (Twinning) e di assistenza tecnica (Taiex);
    • programmi UE di cooperazione economica e tecnica (ENI – IPA);
  • per la partecipazione attiva ad essi da parte del Corpo e del Comando generale.

 

i)        Ufficio comunicazione:

1^ Sezione – stampa e prodotti editoriali:

  • promozione e cura dei collegamenti con gli omologhi uffici dei Ministeri difesa, infrastrutture e trasporti, ambiente e tutela del territorio, politiche agricole e forestali e altri Dicasteri per i quali il Corpo svolge attività istituzionali nonché di Forza Armata;
  • sviluppo e cura dei contatti con gli Organi di informazione per la divulgazione;
    cura dei rapporti con i Comitati di redazione delle riviste specializzate nei settori militari e marittimo;
    predisposizione della rassegna stampa e dell'inoltro agli uffici competenti degli articoli di relativo interesse;
    selezione e raccolta degli articoli di stampa concernenti gli eventi più significativi e le azioni di merito compiute dal personale del Corpo;
    redazione di periodici informativi sull'attività del Corpo.

2^ Sezione – immagine e promozione:

  • partecipazione a rassegne, mostre e convegni;
  • informazione, documentazione e propaganda sull'attività del Corpo;
  • gestione del laboratorio fotografico;
  • collaborazione    con    l'Ufficio    dell'Assistente    del    Comandante    generale    per    lo svolgimento, per quanto di competenza, di attività connesse al cerimoniale.

3^ Sezione – social media:

  • programmazione di piani di comunicazione social per gli evento di rilievo del Corpo;

  • pianificazione di "Campagne social" nei vari periodi dell'anno per raccontare i compiti istituzionali del Corpo offrendo utili consigli;

  • realizzazione di post social, sulle pagine Facebook – Twitter - Instagram del Corpo, finalizzati a valorizzare attività operative svolte nei Comandi Territoriali ed attività che si svolgono presso il Comando generale;

  • realizzazione post emozionali nelle ricorrenze più importanti (festa del papà, festa della mamma, festa della donna, ecc…);

  • valorizzazione delle attività più rilevanti del Corpo con la pubblicazione di notizie ed immagini sul sito web istituzionale;

  • analisi dei like e dei followers ricevuti per singoli post per una migliore strategia di comunicazione digitale;

  • monitoraggio dei profili social del Corpo e dei personaggi pubblici di attinenza.

4^ Sezione – storica:

  • raccolta e valorizzazione del materiale di interesse storico riguardante il Corpo;
  • raccolta e valorizzazione del materiale di interesse storico relativo al settore del trasporto marittimo e dei porti;
  • promozione della collaborazione con l'ufficio storico della F.A..

 

5^ Sezione – relazioni con il pubblico:

  • svolge compiti di informazione, di garanzia di accesso ai servizi, di ascolto delle esigenze degli utenti, di promozione dell'innovazione e della semplificazione, nonché di verifica della soddisfazione del cittadino rispetto all'erogazione dei servizi stessi;
  • effettua uno screening giornaliero delle e-mail in ingresso sulla posta elettronica istituzionale, rispondendo a quelle di interesse per competenza;
  • svolge attività di coordinamento con gli URP dei comandi periferici e con quelli di altre organizzazioni/amministrazioni.

6^ Sezione – marketing:

  • pianifica progetti di prodotti redazionali, social e pubblicitari analizzando i dati di mercato, effettuando un'analisi di benchmarking su strategie commerciali e marketing della concorrenza, effettuando un'analisi delle opportunità e dei rischi per il lancio di prodotti/servizi, stabilendo anche i mezzi, i tempi e le modalità di sviluppo del piano gestendo le relazioni con il V Reparto e l'UPB;
  • monitora l'andamento del progetto (monitorare l'andamento del piano, analizzare i risultati a fronte degli obiettivi prefissati, valutare efficacia ed efficienza per il miglioramento del prodotto/servizio, attuare correttivi eventuali);
  • realizza sinergie con sponsor e partener per valorizzare e rafforzare l'identità istituzionale;
  • in caso di permute, tutela l'immagine del Corpo nella scelta dei contratti di permuta.

 

j)     Nucleo speciale d'intervento (NSI):

1^ Sezione – acquisizione ed elaborazione dati ed informazioni:

  • ricerca e selezione di notizie, dati e informazioni, nonché monitoraggio di fenomeni e situazioni correlate alle materie di interesse, per operare le necessarie analisi e verifiche per l'avvio e sviluppo di filoni d'indagine per la repressione di attività illecite;

  • elaborazione delle notizie acquisite, predisponendo un apposito archivio con il supporto e la collaborazione dei reparti interessati e gestione delle notizie finalizzate all'azione di controllo ed accertamento;

  • cura di contatti e rapporti di collaborazione al fine di acquisire elementi informativi utili per l'esercizio delle attività d'indagine e di monitoraggio di fenomeni rilevanti.

 

2^ Sezione – operazioni:

  • programmazione e pianificazione degli interventi specialistici ovvero predisposizione e attuazione di programmi di intervento in relazione alla complessità e al necessario differimento delle diverse fasi operative anche attraverso il supporto e il raccordo con i reparti interessati nonché con l'ufficio legale e del contenzioso;
  • supporto ai comandi periferici del Corpo in relazione ad operazioni investigative complesse, mantenendo rapporti diretti con il Direttore marittimo competente al fine di permettere allo stesso di operare, laddove necessario, il raccordo tra i più componenti operative presenti nella zona marittima;
  • compimento, su direttiva del Comandante generale, di attività operative di verifica e accertamento nelle materie allo stesso attribuite, assicurando, in particolare, gli interventi specialistici su iniziativa dello stesso Co.ge., su richiesta dell'Autorità giudiziaria ovvero di altre istituzioni nonché da parte dei comandi periferici del Corpo; l'attività operativa comprende anche le conferenti azioni investigative ed il compimento dei relativi atti di polizia giudiziaria, nell'ambito dei compiti d'istituto;
  • attività di supporto, in stretta collaborazione, all'Autorità giudiziaria che assume la direzione delle indagini, in relazione ad ipotesi di reato riconducibili nelle materie di competenza, salvo specifica attività delegata;
  • supporto nei confronti dell'Autorità giudiziaria e delle altre istituzioni al fine di fornire il necessario contributo tecnico specialistico nelle materie di competenza.