TITOLO: LA CAPITANERIA INCONTRA IL COMPARTO PESCA DELLA GIURISDIZIONE ED ILLUSTRA LA NUOVE DISPOSIZIONI IN MATERIA IN VIGORE DA AGOSTO 2016.

 

Il giorno 07 ottobre la Capitaneria di porto di Monfalcone ha incontrato i rappresentanti dei vari operatori della filiera pesca (pescatori, mercati ittici di Grado e Marano Lagunare, grossisti e commercianti delle provincie di Udine e Gorizia) al fine di illustrare i principali contenuti della Legge 154/2016, entrata in vigore a fine agosto scorso, che ha introdotto importanti novità in materia di pesca marittima.

In particolare l'articolo 39 della nuova Legge, ha innovato  il Decreto Legislativo 9 gennaio 2012 n. 4 nella parte relativa alle sanzioni in materia di pesca e acquacoltura, ove a fronte di una generale depenalizzazione delle fattispecie si è avuto un notevole inasprimento delle sanzioni amministrative.

Nel corso dell'incontro, delle novità di rilievo, sono stati approfonditi i seguenti aspetti:

  • Depenalizzazione delle infrazioni commesse per la cattura e commercializzazione di prodotti ittici di taglia inferiore alla taglia minima di riferimento per la conservazione. la fonte normativa in esame prevede – in tali circostanze – una progressione della gravità dell'illecito commesso con sanzioni amministrative ed accessorie crescenti, in funzione del quantitativo di sottomisura catturato;
  • Introduzione del criterio di proporzionalità ed inasprimento delle sanzioni per la pesca sportiva, con la finalità di evitare che nei ristoranti od altri esercizi commerciali siano acquistati, conservati  e somministrati prodotti senza alcuna tracciabilità, ovvero senza le previste informazioni circa la corretta denominazione, la provenienza e le modalità di pesca;
  • Inasprimento delle sanzioni riguardanti il  tonno rosso ed il pesce spada;
  • Introduzione del sistema a punti anche per i pescatori subacquei professionali con modalità e procedure che saranno definite con apposito decreto del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali;
  • Introduzione della sospensione dell'esercizio commerciale da 5 a 10 giorni in relazione alle violazioni sulla pesca sportiva.

 

L'evento rientra nell'ordinaria attività di prevenzione degli illeciti che da sempre la Capitaneria di porto di Monfalcone attua nei confronti di tutti gli operatori interessati alla filiera della pesca (dalla cattura al consumatore finale) ed è stato un utile momento di confronto durante il quale il Comandante della Capitaneria – Capitano di Fregata Pasquale DI GIOIA – ha ribadito il costante impegno che la Guardia Costiera assicura per la tutela del consumatore finale e della risorsa ittica e che solo attraverso una consapevole condivisione è possibile raggiungere tale fondamentale obiettivo.

10/10/2016 Monfalcone Eventi

TITOLO: LA CAPITANERIA INCONTRA IL COMPARTO PESCA DELLA GIURISDIZIONE ED ILLUSTRA LA NUOVE DISPOSIZIONI IN MATERIA IN VIGORE DA AGOSTO 2016.

 

Il giorno 07 ottobre la Capitaneria di porto di Monfalcone ha incontrato i rappresentanti dei vari operatori della filiera pesca (pescatori, mercati ittici di Grado e Marano Lagunare, grossisti e commercianti delle provincie di Udine e Gorizia) al fine di illustrare i principali contenuti della Legge 154/2016, entrata in vigore a fine agosto scorso, che ha introdotto importanti novità in materia di pesca marittima.

In particolare l'articolo 39 della nuova Legge, ha innovato  il Decreto Legislativo 9 gennaio 2012 n. 4 nella parte relativa alle sanzioni in materia di pesca e acquacoltura, ove a fronte di una generale depenalizzazione delle fattispecie si è avuto un notevole inasprimento delle sanzioni amministrative.

Nel corso dell'incontro, delle novità di rilievo, sono stati approfonditi i seguenti aspetti:

  • Depenalizzazione delle infrazioni commesse per la cattura e commercializzazione di prodotti ittici di taglia inferiore alla taglia minima di riferimento per la conservazione. la fonte normativa in esame prevede – in tali circostanze – una progressione della gravità dell'illecito commesso con sanzioni amministrative ed accessorie crescenti, in funzione del quantitativo di sottomisura catturato;
  • Introduzione del criterio di proporzionalità ed inasprimento delle sanzioni per la pesca sportiva, con la finalità di evitare che nei ristoranti od altri esercizi commerciali siano acquistati, conservati  e somministrati prodotti senza alcuna tracciabilità, ovvero senza le previste informazioni circa la corretta denominazione, la provenienza e le modalità di pesca;
  • Inasprimento delle sanzioni riguardanti il  tonno rosso ed il pesce spada;
  • Introduzione del sistema a punti anche per i pescatori subacquei professionali con modalità e procedure che saranno definite con apposito decreto del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali;
  • Introduzione della sospensione dell'esercizio commerciale da 5 a 10 giorni in relazione alle violazioni sulla pesca sportiva.

 

L'evento rientra nell'ordinaria attività di prevenzione degli illeciti che da sempre la Capitaneria di porto di Monfalcone attua nei confronti di tutti gli operatori interessati alla filiera della pesca (dalla cattura al consumatore finale) ed è stato un utile momento di confronto durante il quale il Comandante della Capitaneria – Capitano di Fregata Pasquale DI GIOIA – ha ribadito il costante impegno che la Guardia Costiera assicura per la tutela del consumatore finale e della risorsa ittica e che solo attraverso una consapevole condivisione è possibile raggiungere tale fondamentale obiettivo.

Eventi

Immagine segnaposto

Visita Ministro Salvini

Immagine segnaposto

IL DIRETTORE MARITTIMO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA VISITA LA CAPITANERIA DI PORTO DI MONFALCONE

Immagine segnaposto

Cambio al vertice della Capitaneria di porto di di Monfalcone

Immagine segnaposto

Compartimento di Monfalcone: visita del Comandante del Comando Marittimo Nord

Monfalcone

Immagine segnaposto

Visita Ministro Salvini

Immagine segnaposto

IL DIRETTORE MARITTIMO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA VISITA LA CAPITANERIA DI PORTO DI MONFALCONE

Immagine segnaposto

Cambio al vertice della Capitaneria di porto di di Monfalcone

Immagine segnaposto

Incendio in zona Duino - Guardia Costiera di Monfalcone porta in salvo 9 persone bloccate dal fumo e dai roghi