Dopo dodici giorni di fermo, la motonave Ibla, di bandiera Belize, con equipaggio siriano a bordo, è stata rilasciata.

La nave era stata detenuta il 10 novembre scorso a seguito di una ispezione a cura del nucleo “Port State Control” della Capitaneria di Porto di Monfalcone, in occasione della quale erano state accertate gravi deficienze tali da compromettere la sicura navigazione dell’unita’ stessa.

In particolare e’ stata riscontrata una falla in sala macchine (con relativa via d’acqua) dovuta a corrosione dello scafo tamponata con mezzi di fortuna da parte dell’equipaggio che, dolosamente, non si adoperava per la sua definitiva riparazione secondo quanto previsto dai regolamenti tecnici di classe oltre che dai buoni principi dell’arte marinaresca.

Nonostante tale importante deficienza strutturale, il personale di bordo intraprendeva l’ordinaria navigazione anche svolgendo viaggi importanti durante l’ultimo dei quali l’unita’ veniva impegnata in un trasporto di sale industriale imbarcato nel porto di Sousse in Tunisia e successivamente sbarcato nello scalo monfalconese.

Solo a seguito di una riparazione provvisoria svolta da parte di ditte specialistiche del settore, la nave è stata autorizzata a compiere un singolo da viaggio Dall’italia al Montenegro al fine dell’immissione nel bacino per le necessarie manutenzioni definitive.

Il comandante e gli ufficiali di bordo sono stati denunciati all’autorità’ giudiziaria per reati in materia di sicurezza della navigazione.

I nuclei “Port State Control” della Guardia Costiera italiana effettuano ispezioni a bordo delle navi straniere che scalano i porti nazionali per verificare il rispetto delle convenzioni internazionali in materia di sicurezza della navigazione, antinquinamento e sicurezza del lavoro a bordo.

25/11/2015 Monfalcone Eventi

Dopo dodici giorni di fermo, la motonave Ibla, di bandiera Belize, con equipaggio siriano a bordo, è stata rilasciata.

La nave era stata detenuta il 10 novembre scorso a seguito di una ispezione a cura del nucleo “Port State Control” della Capitaneria di Porto di Monfalcone, in occasione della quale erano state accertate gravi deficienze tali da compromettere la sicura navigazione dell’unita’ stessa.

In particolare e’ stata riscontrata una falla in sala macchine (con relativa via d’acqua) dovuta a corrosione dello scafo tamponata con mezzi di fortuna da parte dell’equipaggio che, dolosamente, non si adoperava per la sua definitiva riparazione secondo quanto previsto dai regolamenti tecnici di classe oltre che dai buoni principi dell’arte marinaresca.

Nonostante tale importante deficienza strutturale, il personale di bordo intraprendeva l’ordinaria navigazione anche svolgendo viaggi importanti durante l’ultimo dei quali l’unita’ veniva impegnata in un trasporto di sale industriale imbarcato nel porto di Sousse in Tunisia e successivamente sbarcato nello scalo monfalconese.

Solo a seguito di una riparazione provvisoria svolta da parte di ditte specialistiche del settore, la nave è stata autorizzata a compiere un singolo da viaggio Dall’italia al Montenegro al fine dell’immissione nel bacino per le necessarie manutenzioni definitive.

Il comandante e gli ufficiali di bordo sono stati denunciati all’autorità’ giudiziaria per reati in materia di sicurezza della navigazione.

I nuclei “Port State Control” della Guardia Costiera italiana effettuano ispezioni a bordo delle navi straniere che scalano i porti nazionali per verificare il rispetto delle convenzioni internazionali in materia di sicurezza della navigazione, antinquinamento e sicurezza del lavoro a bordo.

Eventi

Immagine segnaposto

Visita Ministro Salvini

Immagine segnaposto

IL DIRETTORE MARITTIMO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA VISITA LA CAPITANERIA DI PORTO DI MONFALCONE

Immagine segnaposto

Cambio al vertice della Capitaneria di porto di di Monfalcone

Immagine segnaposto

Compartimento di Monfalcone: visita del Comandante del Comando Marittimo Nord

Monfalcone

Immagine segnaposto

Visita Ministro Salvini

Immagine segnaposto

IL DIRETTORE MARITTIMO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA VISITA LA CAPITANERIA DI PORTO DI MONFALCONE

Immagine segnaposto

Cambio al vertice della Capitaneria di porto di di Monfalcone

Immagine segnaposto

Incendio in zona Duino - Guardia Costiera di Monfalcone porta in salvo 9 persone bloccate dal fumo e dai roghi