​Nel pomeriggio della giornata odierna, martedì 13 ottobre, il personale della Capitaneria di Porto e della Compagnia dei Carabinieri di Molfetta è stato impegnato nell'attività di recupero di uomo a mare nei pressi del Lungomare Colonna di Molfetta.

L'uomo, un molfettese di circa 40 anni, si è lanciato in mare, con addosso i vestiti e le scarpe, per  motivi personali ricollegabili alla difficile situazione familiare in cui ha detto di trovarsi.

La segnalazione è pervenuta presso la sala operativa della Capitaneria di Molfetta alle ore 17.00 circa e ha fatto scattare le operazioni di soccorso che hanno visto l'intervento di due mezzi nautici della Guardia Costiera e due mezzi via terra. Inoltre sul posto sono anche intervenuti i Carabinieri, la Polizia municipale ed una ambulanza del 118. La persona si trovava in acqua ad una distanza di circa 50 metri dalla costa e si mostrava in uno stato di forte agitazione psichica, inveendo contro le Istituzioni pubbliche.

I nostri militari, che si sono avvicinati all'uomo via mare, hanno tentato dal principio di calmarlo e lo hanno invitato ad uscire dall'acqua ma questi perseverava nel rimanere in quella posizione e chiedeva insistentemente di vedere i suoi bambini affidati ad una casa-famiglia di un paese limitrofo.

I tentativi per convincere l'uomo sono andati avanti per oltre due ore finché lo stesso, in evidente stato di ipotermia e di confusione mentale, appariva sempre più in pericolo di vita, iniziando a perdere le forze e dando iniziali segni di perdita di conoscenza. È stata pertanto presa la decisione di intervenire e di riportarlo a terra in ogni modo possibile. Così due sottufficiali a bordo del gommone che gli era più prossimo, unitamente al Comandante della Stazione dei Carabinieri di Molfetta, si sono lanciati in mare e lo hanno afferrato. L'uomo ha tentato di divincolarsi, ma grazie alla tenacia, al coraggio, alla forza dei militari è stato bloccato e condotto a terra, ove immediatamente è stato preso in consegna dagli altri militari della Capitaneria e dai Carabinieri ed è stato affidato alle cure del 118.

Si è in questo modo conclusa l'operazione di recupero dell'uomo, resa particolarmente difficile  oltre che dalla caparbietà della persona che non voleva rientrare a riva, anche dalla temperatura dell'acqua in questo periodo.

14/10/2015 Molfetta

​Nel pomeriggio della giornata odierna, martedì 13 ottobre, il personale della Capitaneria di Porto e della Compagnia dei Carabinieri di Molfetta è stato impegnato nell'attività di recupero di uomo a mare nei pressi del Lungomare Colonna di Molfetta.

L'uomo, un molfettese di circa 40 anni, si è lanciato in mare, con addosso i vestiti e le scarpe, per  motivi personali ricollegabili alla difficile situazione familiare in cui ha detto di trovarsi.

La segnalazione è pervenuta presso la sala operativa della Capitaneria di Molfetta alle ore 17.00 circa e ha fatto scattare le operazioni di soccorso che hanno visto l'intervento di due mezzi nautici della Guardia Costiera e due mezzi via terra. Inoltre sul posto sono anche intervenuti i Carabinieri, la Polizia municipale ed una ambulanza del 118. La persona si trovava in acqua ad una distanza di circa 50 metri dalla costa e si mostrava in uno stato di forte agitazione psichica, inveendo contro le Istituzioni pubbliche.

I nostri militari, che si sono avvicinati all'uomo via mare, hanno tentato dal principio di calmarlo e lo hanno invitato ad uscire dall'acqua ma questi perseverava nel rimanere in quella posizione e chiedeva insistentemente di vedere i suoi bambini affidati ad una casa-famiglia di un paese limitrofo.

I tentativi per convincere l'uomo sono andati avanti per oltre due ore finché lo stesso, in evidente stato di ipotermia e di confusione mentale, appariva sempre più in pericolo di vita, iniziando a perdere le forze e dando iniziali segni di perdita di conoscenza. È stata pertanto presa la decisione di intervenire e di riportarlo a terra in ogni modo possibile. Così due sottufficiali a bordo del gommone che gli era più prossimo, unitamente al Comandante della Stazione dei Carabinieri di Molfetta, si sono lanciati in mare e lo hanno afferrato. L'uomo ha tentato di divincolarsi, ma grazie alla tenacia, al coraggio, alla forza dei militari è stato bloccato e condotto a terra, ove immediatamente è stato preso in consegna dagli altri militari della Capitaneria e dai Carabinieri ed è stato affidato alle cure del 118.

Si è in questo modo conclusa l'operazione di recupero dell'uomo, resa particolarmente difficile  oltre che dalla caparbietà della persona che non voleva rientrare a riva, anche dalla temperatura dell'acqua in questo periodo.

Molfetta

Immagine segnaposto

ordinanza fermo 2016

Immagine segnaposto

In vista del Ferragosto, la Guardia Costiera di Molfetta intensifica l'attività e offre consigli utili per una balneazione sicura

Immagine segnaposto

L'ALTRAMOLFETTA: Nuovo comparto produttivo pesca. Visita al mercato ittico