La Guardia Costiera di Livorno ha sorpreso un peschereccio della marineria di Porto Santo Stefano all'interno delle acque protette dell'Isola di Giannutri dove la pesca a strascico è vietata perché zona destinata al ripopolamento delle specie ittiche. I militari della sala operativa, attraverso i sistemi satellitari di monitoraggio e di tracciamento automatico del traffico navale in dotazione, hanno notato l'imbarcazione in navigazione a bassa velocità nella cosiddetta zona 2 dell'isola, che i pescherecci a strascico possono attraversare purché a velocità non inferiore a 7 nodi. Il Comandante del peschereccio è stato sanzionato con una multa di duemila euro.

Gli stessi sistemi satellitari di monitoraggio hanno consentito, la scorsa settimana, di sanzionare un altro peschereccio a strascico che aveva disattivato il sistema automatico di identificazione e localizzazione di bordo (AIS), proprio in prossimità di un'altra zona di mare interdetta, all'isola del Giglio, rendendo l'unità non visibile ai sistemi di controllo.

Anche mediante queste tecnologie oramai di uso comune da parte della Guardia Costiera, prosegue l'azione di vigilanza e custodia dell'area marittima e costiera del Parco nazionale dell'Arcipelago toscano, a tutela dell'ambiente e delle specie itttiche.

12/05/2020 Livorno Eventi

La Guardia Costiera di Livorno ha sorpreso un peschereccio della marineria di Porto Santo Stefano all'interno delle acque protette dell'Isola di Giannutri dove la pesca a strascico è vietata perché zona destinata al ripopolamento delle specie ittiche. I militari della sala operativa, attraverso i sistemi satellitari di monitoraggio e di tracciamento automatico del traffico navale in dotazione, hanno notato l'imbarcazione in navigazione a bassa velocità nella cosiddetta zona 2 dell'isola, che i pescherecci a strascico possono attraversare purché a velocità non inferiore a 7 nodi. Il Comandante del peschereccio è stato sanzionato con una multa di duemila euro.

Gli stessi sistemi satellitari di monitoraggio hanno consentito, la scorsa settimana, di sanzionare un altro peschereccio a strascico che aveva disattivato il sistema automatico di identificazione e localizzazione di bordo (AIS), proprio in prossimità di un'altra zona di mare interdetta, all'isola del Giglio, rendendo l'unità non visibile ai sistemi di controllo.

Anche mediante queste tecnologie oramai di uso comune da parte della Guardia Costiera, prosegue l'azione di vigilanza e custodia dell'area marittima e costiera del Parco nazionale dell'Arcipelago toscano, a tutela dell'ambiente e delle specie itttiche.

Eventi

Immagine segnaposto

Cambio al Comando della Direzione Marittima di Livorno

Immagine segnaposto

Natante in difficoltà – tratte in salvo le cinque persone a bordo

Immagine segnaposto

Operazione FRONTIERE TRACCIABILI - Sequestrate 3 tonnellate di prodotti ittici

Immagine segnaposto

SEASUBSAREX 2020. Esercitazione complessa aeronavale di ricerca e soccorso in mare al largo di Livorno

Livorno

Immagine segnaposto

Cambio al Comando della Direzione Marittima di Livorno

Immagine segnaposto

Natante in difficoltà – tratte in salvo le cinque persone a bordo

Immagine segnaposto

Operazione FRONTIERE TRACCIABILI - Sequestrate 3 tonnellate di prodotti ittici

Immagine segnaposto

SEASUBSAREX 2020. Esercitazione complessa aeronavale di ricerca e soccorso in mare al largo di Livorno