GRANDI manovre in mare per testare la sinergia tra gli angeli del soccorso col pensiero al disa­stro delia Concordia. E! accaduto ieri, nella rada interna, con la si­mulazione del recupero dei nau­fraghi di un traghetto e, questo l'aspetto innovativo rispetto a precedenti esercitazioni, del primo trattamento sanitario in mare, nel posto medico avanzato allestito nell'area della  Capitaneria di Por­to. E' stata questa a coordinare le operazioni.  Imponente la partecipazione degli  operatori del pron­to intervento, oltre alla Guardia Costiera: Vigili del Fuoco, Poli­zia, Marina Militare. Servizio 118 e Croce Rossa Italiana, oltre alle società Navigazione Golfo dei Po­eti  - che ha messo a disposizione un proprio traghetto - e Sepor per le  attività di disinquinamento. Osservatori speciali alcuni studenti del Nautico. «Pianificata nei detta­gli attraverso i tavoli tecnici tenu­tisi in Capitaneria di Porto, l'eser­citazione è stata finalizzata ad im­plementare le procedure di coope­razione tra le autorità e soggetti coinvolti in caso di emergenze in mare con un elevato numero di persone, presenza di diversi feriti e concomitanti emergenze dì na­tura tecnico-ambientale: dall'ab­bandono nave, all'aerocooperazio­ne, dall'incendio a bordo, alle attività di contenimento e bonifica degli inquinamenti marini,  spie­ga il Capo Servizio Operativo del­la Capitaneria di Porto della Spe­zia, il Capitano di Fregata Riccar­do Cavarra, in cabina di regia.  In­somma: un disastro virtuale. A fa­re le 'veci' di nave sinistrata, un mototraghetto della Navigazione Golfo dei Poeti alle prese con una falla provocata dalla collisione con un corpo semisommerso e un incendio indotto. Tanti i feriti. Per loro scattano i soccorsi in ma­re coordinati  dalia Sala Operativa della Capitaneria. In azione tre vedette della Guardia Costiera, una dei Vigili del Fuoco, due gommo­ni della Marina, due acquascooter del Cnes. Linea telefonica bollen­te col 118 che, stante l'elevato nu­mero di feriti, oltre ai suo persona­le mette in pista, per l'attività di triage, anche i militi della Cri. L'emergenza è grossa. I passegge­ri del traghetto vengono evacuati a bordo di una zattera di salvatag­gio: già lì i primi soccorsi sanitari e le procedure di triage. I Vigili del Fuoco, intanto, spengono l'incendio e tampona­no la falla. In volo anche un elicot­tero della Guardia Costiera di Sar­zana per il recupero di un marina­io gravemente ustionato e il trasfe­rimento al centro specializzato di Genova. I feriti sbarcati vengono affidati alle prime cure nel PMA di banchina e successivamente trasferiti ai Pronto Soccorso del Sant'Andrea. Tutto fila liscio, tra determinazione operativa, plausi e scongiuri delle 'cavie' che si so­no prestati a recitare la parte dei naufraghi. «Nei prossimi giorni - conclude Cavarra -  svolgeremo un'analisi critica dell'operazione; ma la prima impressione è di un'eccellente sinergia».

30/10/2014 La Spezia Eventi

 

GRANDI manovre in mare per testare la sinergia tra gli angeli del soccorso col pensiero al disa­stro delia Concordia. E! accaduto ieri, nella rada interna, con la si­mulazione del recupero dei nau­fraghi di un traghetto e, questo l'aspetto innovativo rispetto a precedenti esercitazioni, del primo trattamento sanitario in mare, nel posto medico avanzato allestito nell'area della  Capitaneria di Por­to. E' stata questa a coordinare le operazioni.  Imponente la partecipazione degli  operatori del pron­to intervento, oltre alla Guardia Costiera: Vigili del Fuoco, Poli­zia, Marina Militare. Servizio 118 e Croce Rossa Italiana, oltre alle società Navigazione Golfo dei Po­eti  - che ha messo a disposizione un proprio traghetto - e Sepor per le  attività di disinquinamento. Osservatori speciali alcuni studenti del Nautico. «Pianificata nei detta­gli attraverso i tavoli tecnici tenu­tisi in Capitaneria di Porto, l'eser­citazione è stata finalizzata ad im­plementare le procedure di coope­razione tra le autorità e soggetti coinvolti in caso di emergenze in mare con un elevato numero di persone, presenza di diversi feriti e concomitanti emergenze dì na­tura tecnico-ambientale: dall'ab­bandono nave, all'aerocooperazio­ne, dall'incendio a bordo, alle attività di contenimento e bonifica degli inquinamenti marini,  spie­ga il Capo Servizio Operativo del­la Capitaneria di Porto della Spe­zia, il Capitano di Fregata Riccar­do Cavarra, in cabina di regia.  In­somma: un disastro virtuale. A fa­re le 'veci' di nave sinistrata, un mototraghetto della Navigazione Golfo dei Poeti alle prese con una falla provocata dalla collisione con un corpo semisommerso e un incendio indotto. Tanti i feriti. Per loro scattano i soccorsi in ma­re coordinati  dalia Sala Operativa della Capitaneria. In azione tre vedette della Guardia Costiera, una dei Vigili del Fuoco, due gommo­ni della Marina, due acquascooter del Cnes. Linea telefonica bollen­te col 118 che, stante l'elevato nu­mero di feriti, oltre ai suo persona­le mette in pista, per l'attività di triage, anche i militi della Cri. L'emergenza è grossa. I passegge­ri del traghetto vengono evacuati a bordo di una zattera di salvatag­gio: già lì i primi soccorsi sanitari e le procedure di triage. I Vigili del Fuoco, intanto, spengono l'incendio e tampona­no la falla. In volo anche un elicot­tero della Guardia Costiera di Sar­zana per il recupero di un marina­io gravemente ustionato e il trasfe­rimento al centro specializzato di Genova. I feriti sbarcati vengono affidati alle prime cure nel PMA di banchina e successivamente trasferiti ai Pronto Soccorso del Sant'Andrea. Tutto fila liscio, tra determinazione operativa, plausi e scongiuri delle 'cavie' che si so­no prestati a recitare la parte dei naufraghi. «Nei prossimi giorni - conclude Cavarra -  svolgeremo un'analisi critica dell'operazione; ma la prima impressione è di un'eccellente sinergia».

Eventi

Immagine segnaposto

PISCINA NATURALE DI PORTOVENERE 30 LUGLIO 2022

Immagine segnaposto

LA GUARDIA COSTIERA CELEBRA IL 157° ANNIVERSARIO DELLA SUA FONDAZIONE

Immagine segnaposto

“La Spezia: intervento lampo sventa affondamento di uno yacht di 22 mt ed il conseguente inquinamento in mare. Nessun ferito."

Immagine segnaposto

CONSEGNA DI MEDAGLIE COMMEMORATIVE IN DATA 09 GIUGNO 2022 IN CAPITANERIA DI PORTO DELLA SPEZIA

La Spezia

Immagine segnaposto

PISCINA NATURALE DI PORTOVENERE 30 LUGLIO 2022

Immagine segnaposto

MIPAAF-SEGRETERIA-PROT. N. 0248725 DEL 03.06.2022 - DECRETO PER IL SOSTEGNO FINANZIARIO D.M. N. 149546 DEL 31.03.2022

Immagine segnaposto

LA GUARDIA COSTIERA CELEBRA IL 157° ANNIVERSARIO DELLA SUA FONDAZIONE

Immagine segnaposto

ATTIVITA’ CONGIUNTA SULLE SPIAGGE LIBERE DEL COMUNE DI LERICI