​AL TERMINE della visita al cantiere della Variante alla Strada Statale 1 per l'accesso all'Hub portuale della Spezia, il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Graziano Delrio ha voluto fare visita alla Capitaneria di porto della Spezia, dove è stato accolto dal Comandante Capitano di Vascello Enrico Castioni, dal Direttore Marittimo della Liguria Ammiraglio Vincenzo Melone e dall'Ammiraglio Giovanni Pettorino. Presenti all'incontro anche il prefetto Mauro Lubatti e il presidente dell'Ap Lorenzo Forcieri. Il ministro ha visitato la sala operativa, dove il comandante Castioni ha illustrato l'impegno quotidiano della Guardia Costiera nella complessa e multiforme realtà provinciale, evidenziando i diversi ambiti in cui la Capitaneria spezzina si pone come esempio di eccellenza a livello nazionale, a partire proprio dal settore operativo, in cui è attivo uno dei primi Centri Vts italiani per il controllo del traffico marittimo e che ha visto prendere il via la sperimentazione nazionale del "pre-clearing" per lo sdoganamento anticipato delle merci in mare; «esempi di come la Capitaneria sintetizzi il concetto di sicurezza produttiva – ha detto Castioni – coniugando la salvaguardia della vita umana in mare e dei traffici marittimi con l'esigenza di competitività di un settore sempre più trainante dell'economia nazionale». Anche l'ammiraglio Melone ha voluto sottolineare l'efficace attività del comando spezzino, «paradigma della principale peculiarità del Corpo delle Capitanerie, che ci vede integrati nella realtà in cui operiamo». IL MINISTRO ha mostrato grande interesse e ammirazione per l'attività della sala operativa, volendo approfondire alcuni aspetti del monitoraggio del traffico marittimo e della sperimentazione pre-clearing. L'incontro è poi proseguito con un'escursione portuale a bordo di una motovedetta, durante la quale il ministro ha potuto apprezzare la straordinaria coesistenza armoniosa delle differenti attività che caratterizzano il Golfo: dal porto commerciale – tra i più sicuri e competitivi del Mediterraneo – alla ricchezza delle risorse ittiche, dalle rinomate località costiere ad un ambiente marino tra i più ricchi e belli del Paese, all'arsenale militare. Il ministro non ha voluto mancare l'incontro con tutto il personale della Capitaneria: «Siete l'esempio – ha detto – della lunga tradizione, della grande professionalità, della capacità di risposta e dell'insostituibile ruolo che la Guardia costiera garantisce quotidianamente ad un Paese che ha nel bene mare, che voi presidiate, una delle sue più preziose risorse».

23/09/2015 La Spezia

​AL TERMINE della visita al cantiere della Variante alla Strada Statale 1 per l'accesso all'Hub portuale della Spezia, il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Graziano Delrio ha voluto fare visita alla Capitaneria di porto della Spezia, dove è stato accolto dal Comandante Capitano di Vascello Enrico Castioni, dal Direttore Marittimo della Liguria Ammiraglio Vincenzo Melone e dall'Ammiraglio Giovanni Pettorino. Presenti all'incontro anche il prefetto Mauro Lubatti e il presidente dell'Ap Lorenzo Forcieri. Il ministro ha visitato la sala operativa, dove il comandante Castioni ha illustrato l'impegno quotidiano della Guardia Costiera nella complessa e multiforme realtà provinciale, evidenziando i diversi ambiti in cui la Capitaneria spezzina si pone come esempio di eccellenza a livello nazionale, a partire proprio dal settore operativo, in cui è attivo uno dei primi Centri Vts italiani per il controllo del traffico marittimo e che ha visto prendere il via la sperimentazione nazionale del "pre-clearing" per lo sdoganamento anticipato delle merci in mare; «esempi di come la Capitaneria sintetizzi il concetto di sicurezza produttiva – ha detto Castioni – coniugando la salvaguardia della vita umana in mare e dei traffici marittimi con l'esigenza di competitività di un settore sempre più trainante dell'economia nazionale». Anche l'ammiraglio Melone ha voluto sottolineare l'efficace attività del comando spezzino, «paradigma della principale peculiarità del Corpo delle Capitanerie, che ci vede integrati nella realtà in cui operiamo». IL MINISTRO ha mostrato grande interesse e ammirazione per l'attività della sala operativa, volendo approfondire alcuni aspetti del monitoraggio del traffico marittimo e della sperimentazione pre-clearing. L'incontro è poi proseguito con un'escursione portuale a bordo di una motovedetta, durante la quale il ministro ha potuto apprezzare la straordinaria coesistenza armoniosa delle differenti attività che caratterizzano il Golfo: dal porto commerciale – tra i più sicuri e competitivi del Mediterraneo – alla ricchezza delle risorse ittiche, dalle rinomate località costiere ad un ambiente marino tra i più ricchi e belli del Paese, all'arsenale militare. Il ministro non ha voluto mancare l'incontro con tutto il personale della Capitaneria: «Siete l'esempio – ha detto – della lunga tradizione, della grande professionalità, della capacità di risposta e dell'insostituibile ruolo che la Guardia costiera garantisce quotidianamente ad un Paese che ha nel bene mare, che voi presidiate, una delle sue più preziose risorse».

La Spezia

Immagine segnaposto

PISCINA NATURALE DI PORTOVENERE 30 LUGLIO 2022

Immagine segnaposto

MIPAAF-SEGRETERIA-PROT. N. 0248725 DEL 03.06.2022 - DECRETO PER IL SOSTEGNO FINANZIARIO D.M. N. 149546 DEL 31.03.2022

Immagine segnaposto

LA GUARDIA COSTIERA CELEBRA IL 157° ANNIVERSARIO DELLA SUA FONDAZIONE

Immagine segnaposto

ATTIVITA’ CONGIUNTA SULLE SPIAGGE LIBERE DEL COMUNE DI LERICI