Una delegazione composta dall’equipaggio della Motovedetta “GRAVONA P610” della Gendarmeria francese, giunta presso il porto di La Maddalena il 24 settembre scorso e ormeggiata presso il molo militare “EX GRUPNUL”, nella mattinata mercoledì è stata accolta dal Capo del Compartimento Marittimo di La Maddalena, Capitano di Fregata (CP) Gabriele BONAGUIDI e dal suo staff che, dopo i saluti di rito, ha illustrato ai militari francesi il ruolo ed i principali compiti svolti dal Corpo delle Capitanerie di porto - Guardia Costiera con particolare riferimento alle dipendenze dai vari dicasteri nonché alle specifiche competenze quali la disciplina e vigilanza sulle attività marittime portuali, la salvaguardia della vita umana in mare, la sicurezza della navigazione e del trasporto marittimo, la vigilanza sull’intera filiera della pesca e la tutela dell’ambiente e dell’ecosistema marino.
Il Colonello Jean-Guillaume REMY, Comandante del Raggruppamento della Gendarmeria Marittima del Mediterraneo, ringraziando dell’occasione, ha rappresentato le principali attività e i compiti svolti dai militari francesi, illustrando i propri ambiti di competenza territoriali, le attività di polizia giudiziaria espletate con particolare riferimento ai servizi svolti nei contesti territoriali di frontiera marittima quale le bocche di Bonifacio, evidenziando l’importanza di una cooperazione reciproca da parte delle forze di Polizia dei rispettivi paesi, manifestando una piena collaborazione sia in per quanto riguarda gli illeciti e violazioni di natura strettamente criminosa e di pubblica sicurezza sia nel campo della vigilanza sulle attività marittime quali la sicurezza della navigazione, l’ambiente e la vigilanza sulla filiera della pesca marittima.
All’incontro tenutosi presso la sala riunioni del Comando, hanno partecipato anche i rappresentanti delle locali Forze dell’Ordine.
Successivamente, la delegazione è stata condotta presso il centro operativo di Guardia Vecchia, sede della Sala Operativa e del centro VTS della Guardia Costiera di La Maddalena, dove sono stati illustrati alla delegazione i vari sistemi di monitoraggio e controllo del traffico marittimo con particolare riferimento al delicato transito all’interno delle Bocche di Bonifacio (Vessel Traffic Service – Servizio di assistenza al traffico marittimo), nonché l’importante ruolo della locale Autorità Marittima nella gestione e coordinamento dei soccorsi in mare all’interno dell’ampia area di giurisdizione (Search and Rescue Area).
26/09/2019 La Maddalena Eventi

Una delegazione composta dall’equipaggio della Motovedetta “GRAVONA P610” della Gendarmeria francese, giunta presso il porto di La Maddalena il 24 settembre scorso e ormeggiata presso il molo militare “EX GRUPNUL”, nella mattinata mercoledì è stata accolta dal Capo del Compartimento Marittimo di La Maddalena, Capitano di Fregata (CP) Gabriele BONAGUIDI e dal suo staff che, dopo i saluti di rito, ha illustrato ai militari francesi il ruolo ed i principali compiti svolti dal Corpo delle Capitanerie di porto - Guardia Costiera con particolare riferimento alle dipendenze dai vari dicasteri nonché alle specifiche competenze quali la disciplina e vigilanza sulle attività marittime portuali, la salvaguardia della vita umana in mare, la sicurezza della navigazione e del trasporto marittimo, la vigilanza sull’intera filiera della pesca e la tutela dell’ambiente e dell’ecosistema marino.
Il Colonello Jean-Guillaume REMY, Comandante del Raggruppamento della Gendarmeria Marittima del Mediterraneo, ringraziando dell’occasione, ha rappresentato le principali attività e i compiti svolti dai militari francesi, illustrando i propri ambiti di competenza territoriali, le attività di polizia giudiziaria espletate con particolare riferimento ai servizi svolti nei contesti territoriali di frontiera marittima quale le bocche di Bonifacio, evidenziando l’importanza di una cooperazione reciproca da parte delle forze di Polizia dei rispettivi paesi, manifestando una piena collaborazione sia in per quanto riguarda gli illeciti e violazioni di natura strettamente criminosa e di pubblica sicurezza sia nel campo della vigilanza sulle attività marittime quali la sicurezza della navigazione, l’ambiente e la vigilanza sulla filiera della pesca marittima.
All’incontro tenutosi presso la sala riunioni del Comando, hanno partecipato anche i rappresentanti delle locali Forze dell’Ordine.
Successivamente, la delegazione è stata condotta presso il centro operativo di Guardia Vecchia, sede della Sala Operativa e del centro VTS della Guardia Costiera di La Maddalena, dove sono stati illustrati alla delegazione i vari sistemi di monitoraggio e controllo del traffico marittimo con particolare riferimento al delicato transito all’interno delle Bocche di Bonifacio (Vessel Traffic Service – Servizio di assistenza al traffico marittimo), nonché l’importante ruolo della locale Autorità Marittima nella gestione e coordinamento dei soccorsi in mare all’interno dell’ampia area di giurisdizione (Search and Rescue Area).

Eventi

Immagine segnaposto

AFFONDA UNITA’ DA DIPORTO CON SEDICI PERSONE A BORDO OPERAZIONE DI SOCCORSO DELLA GUARDIA COSTIERA DI LA MADDALENA

Immagine segnaposto

OPERAZIONI DI SOCCORSO DELLA GUARDIA COSTIERA DI LA MADDALENA

Immagine segnaposto

INTERVENTO DELLA GUARDIA COSTIERA DI LA MADDALENA SULLA SPIAGGIA DEL CAVALIERI NELL’ISOLA DI BUDELLI

Immagine segnaposto

BASTA DANNI NELLA SPIAGGIA DEL CAVALIERI

La Maddalena

Immagine segnaposto

IL COMANDANTE MARITTIMO NORD IN VISITA ALLA SEDE DELLA GUARDIA COSTIERA DI LA MADDALENA

Immagine segnaposto

INTERVENTO DELLA GUARDIA COSTIERA PER LIBERARE IL DEMANIO MARITTIMO OCCUPATO SENZA TITOLO

Immagine segnaposto

PARTITA L’OPERAZIONE MARE SICURO 2022 DELLA GUARDIA COSTIERA DI LA MADDALENA

Immagine segnaposto

LIBERATA TARTARUGA MARINA A CALA PORTESE