​Nell'ambito di un'attività programmata di controllo finalizzata alla prevenzione di reati ambientali, ed al contrasto degli scarichi abusivi e degli illeciti commessi in danno al pubblico demanio marittimo lungo il litorale costiero di giurisdizione, gli uomini della Guardia Costiera di Ischia hanno accertato che presso una residenza privata sita nel Comune di Forio veniva attivato uno scarico di reflui domestici o ad essi assimilabili direttamente in mare senza la prevista autorizzazione ambientale allo scarico.

Al proprietario dell'abitazione è stata comminata una sanzione amministrativa di euro 12,000.

Si ricorda che ai sensi del vigente Testo Unico Ambientale tutti gli scarichi devono essere autorizzati.

L'art. 133 del D.LGS. 152/2006 prevede infatti che: "Chiunque apra o comunque effettui scarichi di acque reflue domestiche o di reti fognarie, servite o meno da impianti pubblici di depurazione, senza l'autorizzazione di cui all'articolo 124, oppure continui ad effettuare o mantenere detti scarichi dopo che l'autorizzazione sia stata sospesa o revocata, è punito con la sanzione amministrativa da seimila euro a sessantamila euro."

Ulteriori accertamenti su altri scarichi domestici individuati sono in corso.

22/08/2016 Ischia

​Nell'ambito di un'attività programmata di controllo finalizzata alla prevenzione di reati ambientali, ed al contrasto degli scarichi abusivi e degli illeciti commessi in danno al pubblico demanio marittimo lungo il litorale costiero di giurisdizione, gli uomini della Guardia Costiera di Ischia hanno accertato che presso una residenza privata sita nel Comune di Forio veniva attivato uno scarico di reflui domestici o ad essi assimilabili direttamente in mare senza la prevista autorizzazione ambientale allo scarico.

Al proprietario dell'abitazione è stata comminata una sanzione amministrativa di euro 12,000.

Si ricorda che ai sensi del vigente Testo Unico Ambientale tutti gli scarichi devono essere autorizzati.

L'art. 133 del D.LGS. 152/2006 prevede infatti che: "Chiunque apra o comunque effettui scarichi di acque reflue domestiche o di reti fognarie, servite o meno da impianti pubblici di depurazione, senza l'autorizzazione di cui all'articolo 124, oppure continui ad effettuare o mantenere detti scarichi dopo che l'autorizzazione sia stata sospesa o revocata, è punito con la sanzione amministrativa da seimila euro a sessantamila euro."

Ulteriori accertamenti su altri scarichi domestici individuati sono in corso.

Ischia

Immagine segnaposto

INCENDIO SU UN’IMBARCAZIONE DA DIPORTO IN NAVIGAZIONE TRA ISCHIA E VENTOTENE, SALVI GLI OCCUPANTI

Immagine segnaposto

ALLA DERIVA SUL MATERASSINO, TRATTI IN SALVO 3 BAMBINI DALLA GUARDIA COSTIERA

Immagine segnaposto

Il Comandante Generale interviene nella tappa ischitana di “Mediterraneo da remare”

Immagine segnaposto

Il Comandante Generale visita i Comandi territoriali della Guardia Costiera di Ischia