Tartaruga malata al largo

L'operazione per salvarla

 

L'amore per la natura e lo spirito d'iniziativa di una

coppia di diportiste; la telefonata al 1530, il centralino

d'emergenza della Guardia costiera; la catena di soccorso

che ha visto l'intervento dell'equipaggio del Corsara

e dell'associazione Delfini del Ponente: tutti elementi

che hanno contribuito al salvataggio di un esemplare di

tartaruga marina «caretta caretta». L'esemplare, del

peso di quasi mezzo quintale e della lunghezza di poco

meno di un metro, è stato notato mentre annaspava a circa

5 miglia al largo di Imperia.

Come si è appurato poi,la tartaruga era affetta da

una grave forma di polmoniteche richiedeva cure immediate.

Se non recuperata in tempo sarebbe morta.

L'animale, portato a riva, è stato affidato a personale

dell'acquario di Genova giunto appositamente dal

capoluogo ligure. La tartaruga è stata simpaticamente ribattezzata

«Vangelina» come gesto di gratitudine nei confronti delle due giovani

marinaie, Valentina e Angela, che hanno contribuito al

successo dell'operazione di recupero e di salvataggio.

Commentano al Comando provinciale della Guardia

costiera: «L'intervento è stato reso possibile grazie a

un'azione solidale e coordinata ». MAu.vEz. —

30/06/2021 Scelta n. 1

Tartaruga malata al largo

L'operazione per salvarla

 

L'amore per la natura e lo spirito d'iniziativa di una

coppia di diportiste; la telefonata al 1530, il centralino

d'emergenza della Guardia costiera; la catena di soccorso

che ha visto l'intervento dell'equipaggio del Corsara

e dell'associazione Delfini del Ponente: tutti elementi

che hanno contribuito al salvataggio di un esemplare di

tartaruga marina «caretta caretta». L'esemplare, del

peso di quasi mezzo quintale e della lunghezza di poco

meno di un metro, è stato notato mentre annaspava a circa

5 miglia al largo di Imperia.

Come si è appurato poi,la tartaruga era affetta da

una grave forma di polmoniteche richiedeva cure immediate.

Se non recuperata in tempo sarebbe morta.

L'animale, portato a riva, è stato affidato a personale

dell'acquario di Genova giunto appositamente dal

capoluogo ligure. La tartaruga è stata simpaticamente ribattezzata

«Vangelina» come gesto di gratitudine nei confronti delle due giovani

marinaie, Valentina e Angela, che hanno contribuito al

successo dell'operazione di recupero e di salvataggio.

Commentano al Comando provinciale della Guardia

costiera: «L'intervento è stato reso possibile grazie a

un'azione solidale e coordinata ». MAu.vEz. —

Scelta n. 1

Immagine segnaposto

Titoli-Professionali-Marittimi-sessione-di-Ottobre 2022

Immagine segnaposto

Manifestazione di interesse per servizio di Medico Competente ai sensi del D.Lgs 81 2008, per Capitaneria di Porto Imperia

Immagine segnaposto

ESAMI-PER-IL-CONSEGUIMENTO-DEI-CERTIFICATI-DI-ADDESTRAMENTO MAGGIO 2022

Immagine segnaposto

Titoli Professionale Marittimi