Saranno consegnati lunedì i lavori per il dragaggio del porto. Terminata la lunga e delicata parte burocratica e fatte passare prima la stagione turistica e poi le feste natalizie e di fine-inizio d'anno, finalmente la Regione può dare il via all'importante intervento che, compreso l'analogo intervento che sarà fatto a Porto Casoni di Lignano, costerà complessivamente 1 milione e 300 mila euro. In ogni caso si può calcolare che l'intervento di Grado possa costare oltre 800 mila euro. Non è un intervento risolutivo che interessa tutto il porto, ma mai in precedenza si era intervenuti. La situazione è grave, anche nei giorni scorsi le scene con le batele che sono adagiate sul fango anziché galleggiare, non sono mancate. Tanto che i turisti giunti nell’isola per visitare i presepi, oltre che a fotografare le opere, non hanno mancato di scattare immagini insolite. Un fatto che non si ripeterà più dopo l’intervento che sta per iniziare poiché lo scavo livellerà il fondale. Tre sono i punti molto critici e solo questi al momento saranno interessati all’intervento. Riva San Vito –Piazza Marinai d’Italia, sarà  il primo ad essere interessato. Toccherà poi all’angolo fra riva Camperio e via Manzoni. Infine il tratto del canale del porto, all’incirca dall’altezza della Trattoria al Pescatore fino a dopo il mercato ittico. Si calcola che saranno dragati complessivamente 2.500 metri cubi di sedimenti. Considerato l’intervento programmato e inderogabile, navi passeggeri e da diporto e pescherecci dovranno essere spostati. Questo obbligo sarà stabilito ufficialmente dall’Ufficio Circondariale Marittimo di Grado che emetterà specifiche ordinanze. I lavori saranno eseguiti dalla Opemar di Latisana che si è aggiudicata la gara d’appalto della Regione che dovrebbe concludere l’intervento nell’arco di 25 giorni. La consegna dei lavori sarà fatta domani pomeriggio, alle 14 proprio nella zona del porto alla presenza dell’assessore regionale Maria Grazia Santoro e del direttore centrale  delle Infrastrutture , Mobilità, Pianificazione territoriale e Lavori Pubblici, Magda Uliana. Saranno presenti il commissario straordinario al Comune, Claudio Kovatsch e il Comandante di Circomare, Ottavio Cilio e altre autorità locali a significare l’importanza dell’intervento che la Regione sta per far eseguire e che interessa quello che è definito il cuore pulsante della città poiché il porto è un vero e proprio rifugio che si trova a ridosso del centro storico e dei viali turistici. Vi è da dire che per questo intervento c’erano state pressanti sollecitazioni anche da parte della passata amministrazione comunale e anche qualcuna di quelle precedenti s’era interessata a tal riguardo. Lunedì inizia, dunque, l’operazione dragaggio del porto. In realtà domani ci sarà solamente la consegna ufficiale dei lavori. Poi la ditta dovrà portare in porto  i mezzi necessari per eseguire l’intervento che concretamente potrebbe iniziare verso la fine della prossima settimana o all’inizio di quella successiva.

12/01/2016 Grado Eventi

Saranno consegnati lunedì i lavori per il dragaggio del porto. Terminata la lunga e delicata parte burocratica e fatte passare prima la stagione turistica e poi le feste natalizie e di fine-inizio d'anno, finalmente la Regione può dare il via all'importante intervento che, compreso l'analogo intervento che sarà fatto a Porto Casoni di Lignano, costerà complessivamente 1 milione e 300 mila euro. In ogni caso si può calcolare che l'intervento di Grado possa costare oltre 800 mila euro. Non è un intervento risolutivo che interessa tutto il porto, ma mai in precedenza si era intervenuti. La situazione è grave, anche nei giorni scorsi le scene con le batele che sono adagiate sul fango anziché galleggiare, non sono mancate. Tanto che i turisti giunti nell’isola per visitare i presepi, oltre che a fotografare le opere, non hanno mancato di scattare immagini insolite. Un fatto che non si ripeterà più dopo l’intervento che sta per iniziare poiché lo scavo livellerà il fondale. Tre sono i punti molto critici e solo questi al momento saranno interessati all’intervento. Riva San Vito –Piazza Marinai d’Italia, sarà  il primo ad essere interessato. Toccherà poi all’angolo fra riva Camperio e via Manzoni. Infine il tratto del canale del porto, all’incirca dall’altezza della Trattoria al Pescatore fino a dopo il mercato ittico. Si calcola che saranno dragati complessivamente 2.500 metri cubi di sedimenti. Considerato l’intervento programmato e inderogabile, navi passeggeri e da diporto e pescherecci dovranno essere spostati. Questo obbligo sarà stabilito ufficialmente dall’Ufficio Circondariale Marittimo di Grado che emetterà specifiche ordinanze. I lavori saranno eseguiti dalla Opemar di Latisana che si è aggiudicata la gara d’appalto della Regione che dovrebbe concludere l’intervento nell’arco di 25 giorni. La consegna dei lavori sarà fatta domani pomeriggio, alle 14 proprio nella zona del porto alla presenza dell’assessore regionale Maria Grazia Santoro e del direttore centrale  delle Infrastrutture , Mobilità, Pianificazione territoriale e Lavori Pubblici, Magda Uliana. Saranno presenti il commissario straordinario al Comune, Claudio Kovatsch e il Comandante di Circomare, Ottavio Cilio e altre autorità locali a significare l’importanza dell’intervento che la Regione sta per far eseguire e che interessa quello che è definito il cuore pulsante della città poiché il porto è un vero e proprio rifugio che si trova a ridosso del centro storico e dei viali turistici. Vi è da dire che per questo intervento c’erano state pressanti sollecitazioni anche da parte della passata amministrazione comunale e anche qualcuna di quelle precedenti s’era interessata a tal riguardo. Lunedì inizia, dunque, l’operazione dragaggio del porto. In realtà domani ci sarà solamente la consegna ufficiale dei lavori. Poi la ditta dovrà portare in porto  i mezzi necessari per eseguire l’intervento che concretamente potrebbe iniziare verso la fine della prossima settimana o all’inizio di quella successiva.

Eventi

Immagine segnaposto

Porto navigabile con il dragaggio

Immagine segnaposto

Brillamento ordigno_articolo

Immagine segnaposto

Fumo dal motore in barca - due sloveni intossicati

Grado

Immagine segnaposto

Porto navigabile con il dragaggio

Immagine segnaposto

Schianto sulle rocce a Porto Buso, ferito gravemente un diportista

Immagine segnaposto

Fumo dal motore in barca - due sloveni intossicati