TUTELA DEL PAESAGGIO A PORTO CESAREO: LA GUARDIA COSTIERA INTERROMPE OPERAZIONI DI LIVELLAMENTO NON AUTORIZZATE. POSTO SOTTO SEQUESTRO IL MEZZO UTILIZZATO.

Nella giornata del 25 giugno i militari della Guardia Costiera di Gallipoli unitamente al personale dell'Ufficio Locale marittimo di Porto Cesareo appartenenti al Nucleo Operativo di polizia ambientale della Direzione Marittima di Bari hanno riscontrato in un'area demaniale marittima presso Porto Cesareo l'effettuazione di lavori non autorizzati di livellamento dell'arenile mediante lo spostamento di sabbia con un mezzo meccanico tipo Bobcat.

Le operazioni illecite venivano svolte alle prime luci dell'alba nell'area di pertinenza di uno stabilimento balneare, avente una estensione pari a 420 mq circa. Tale sito, posto a ridosso del mare, rientra nei territori tutelati per legge in quanto all'interno dell'Area Marina Protetta e Sito di Interesse Comunitario.

I militari intervenuti hanno proceduto al sequestro del mezzo meccanico impiegato per lo svolgimento dei lavori ed al contestuale deferimento all'Autorità Giudiziaria dei responsabili della ditta esecutrice e del titolare dello stabilimento per le ipotesi di reato di deturpamento di bellezze naturali ed esecuzione di lavori in assenza della prevista autorizzazione paesaggistica.

Gallipoli, 26 giugno 2019

26/06/2019 Gallipoli Eventi

TUTELA DEL PAESAGGIO A PORTO CESAREO: LA GUARDIA COSTIERA INTERROMPE OPERAZIONI DI LIVELLAMENTO NON AUTORIZZATE. POSTO SOTTO SEQUESTRO IL MEZZO UTILIZZATO.

Nella giornata del 25 giugno i militari della Guardia Costiera di Gallipoli unitamente al personale dell'Ufficio Locale marittimo di Porto Cesareo appartenenti al Nucleo Operativo di polizia ambientale della Direzione Marittima di Bari hanno riscontrato in un'area demaniale marittima presso Porto Cesareo l'effettuazione di lavori non autorizzati di livellamento dell'arenile mediante lo spostamento di sabbia con un mezzo meccanico tipo Bobcat.

Le operazioni illecite venivano svolte alle prime luci dell'alba nell'area di pertinenza di uno stabilimento balneare, avente una estensione pari a 420 mq circa. Tale sito, posto a ridosso del mare, rientra nei territori tutelati per legge in quanto all'interno dell'Area Marina Protetta e Sito di Interesse Comunitario.

I militari intervenuti hanno proceduto al sequestro del mezzo meccanico impiegato per lo svolgimento dei lavori ed al contestuale deferimento all'Autorità Giudiziaria dei responsabili della ditta esecutrice e del titolare dello stabilimento per le ipotesi di reato di deturpamento di bellezze naturali ed esecuzione di lavori in assenza della prevista autorizzazione paesaggistica.

Gallipoli, 26 giugno 2019

Eventi

Immagine segnaposto

SEQUESTRATI 1000 RICCI DI MARE E SANZIONATO UN PESCATORE SPORTIVO A TORRE CESAREA

Immagine segnaposto

IL PREFETTO MARIA ROSA TRIO IN VISITA ALLA CAPITANERIA DI GALLIPOLI

Immagine segnaposto

IL PROCURATORE GENERALE DELLA REPUBBLICA PRESSO LA CORTE D’ APPELLO DI LECCE, DOTT. ANTONIO MARUCCIA, VISITA LA CAPITANERIA DI PORTO DI GALLIPOLI

Immagine segnaposto

Operazione “GARGANO NOSTRUM” nel settore della mitilicoltura

Gallipoli

Immagine segnaposto

IL PREFETTO MARIA ROSA TRIO IN VISITA ALLA CAPITANERIA DI GALLIPOLI

Immagine segnaposto

IL PROCURATORE GENERALE DELLA REPUBBLICA PRESSO LA CORTE D’ APPELLO DI LECCE, DOTT. ANTONIO MARUCCIA, VISITA LA CAPITANERIA DI PORTO DI GALLIPOLI

Immagine segnaposto

Operazione “GARGANO NOSTRUM” nel settore della mitilicoltura

Immagine segnaposto

BAGNANTE SOCCORSO DALLA GUARDIA COSTIERA