SOCCORSI DUE DIPORTISTI

Dalla Sala Operativa della Capitaneria di porto di Gallipoli sono stati coordinati due soccorsi, quasi contestuali, che hanno visto l'impiego in totale di tre motovedette ed un battello pneumatico della Guardia Costiera, nonché un battello veloce della Sezione Navale della Guardia di Finanza di Gallipoli.

Il primo evento in ordine temporale, scattato a seguito di segnalazione dei familiari del presunto disperso, ha dato il via alle ricerche di una persona di sesso maschile residente a Porto Cesareo, allontanatasi dalla cittadina cesarina a bordo dell'imbarcazione del padre. Il soggetto di cui si erano perse le tracce, oltre a non essere rientrato prima del tramonto presso la propria abitazione, risultava da diverse ore non raggiungibile telefonicamente, elementi questi che avevano fatto impensierire gli stessi familiari che avevano deciso di denunciare l'accaduto presso la Stazione Carabinieri di Porto Cesareo.

 Le motovedette partite da Gallipoli e Santa Maria di Leuca hanno pattugliato per oltre tre ore tutto il litorale che va da Santa Maria al Bagno fino a Porto Cesareo, intercettando il diportista di cui era stata denunciata la scomparsa, nei pressi del litorale prospicente la località Sant'Isidoro,  e scortandolo fino al porto di Porto Cesareo.

Il secondo intervento, che ha visto nuovamente l'impiego di  due motovedette ed un battello pneumatico della Guardia Costiera, è iniziato a seguito di una chiamata sul numero d'emergenza 1530, effettuata direttamente dal conduttore di un piccolo natante da diporto, incagliatosi nei pressi del lato nord dell'Isola di Sant'Andrea del Comune di Gallipoli.

Il diportista, che peraltro aveva iniziato ad accusare un leggero stato di ipotermia, è stato recuperato a bordo del battello pneumatico in dotazione alla Capitaneria di porto di Gallipoli ed è stato condotto in porto per essere affidato alle cure del personale medico e paramedico del 118, preventivamente allertato dalla Guardia Costiera.

Gallipoli, 25.11.2017

26/11/2017 Gallipoli Eventi

SOCCORSI DUE DIPORTISTI

Dalla Sala Operativa della Capitaneria di porto di Gallipoli sono stati coordinati due soccorsi, quasi contestuali, che hanno visto l'impiego in totale di tre motovedette ed un battello pneumatico della Guardia Costiera, nonché un battello veloce della Sezione Navale della Guardia di Finanza di Gallipoli.

Il primo evento in ordine temporale, scattato a seguito di segnalazione dei familiari del presunto disperso, ha dato il via alle ricerche di una persona di sesso maschile residente a Porto Cesareo, allontanatasi dalla cittadina cesarina a bordo dell'imbarcazione del padre. Il soggetto di cui si erano perse le tracce, oltre a non essere rientrato prima del tramonto presso la propria abitazione, risultava da diverse ore non raggiungibile telefonicamente, elementi questi che avevano fatto impensierire gli stessi familiari che avevano deciso di denunciare l'accaduto presso la Stazione Carabinieri di Porto Cesareo.

 Le motovedette partite da Gallipoli e Santa Maria di Leuca hanno pattugliato per oltre tre ore tutto il litorale che va da Santa Maria al Bagno fino a Porto Cesareo, intercettando il diportista di cui era stata denunciata la scomparsa, nei pressi del litorale prospicente la località Sant'Isidoro,  e scortandolo fino al porto di Porto Cesareo.

Il secondo intervento, che ha visto nuovamente l'impiego di  due motovedette ed un battello pneumatico della Guardia Costiera, è iniziato a seguito di una chiamata sul numero d'emergenza 1530, effettuata direttamente dal conduttore di un piccolo natante da diporto, incagliatosi nei pressi del lato nord dell'Isola di Sant'Andrea del Comune di Gallipoli.

Il diportista, che peraltro aveva iniziato ad accusare un leggero stato di ipotermia, è stato recuperato a bordo del battello pneumatico in dotazione alla Capitaneria di porto di Gallipoli ed è stato condotto in porto per essere affidato alle cure del personale medico e paramedico del 118, preventivamente allertato dalla Guardia Costiera.

Gallipoli, 25.11.2017

Eventi

Immagine segnaposto

Operazione “GARGANO NOSTRUM” nel settore della mitilicoltura

Immagine segnaposto

BAGNANTE SOCCORSO DALLA GUARDIA COSTIERA

Immagine segnaposto

SEQUESTRATE ATTREZZATURE BALNEARI E LIBERATI 4550 MQ DI SPIAGGIA LIBERA

Immagine segnaposto

TORRE DELL’ORSO E BAIA DEI TURCHI - ACCERTATA OCCUPAZIONE ABUSIVA DI SUOLO DEMANIALE MARITTIMO DESTINATO ALLA BALNEAZIONE

Gallipoli

Immagine segnaposto

Operazione “GARGANO NOSTRUM” nel settore della mitilicoltura

Immagine segnaposto

BAGNANTE SOCCORSO DALLA GUARDIA COSTIERA

Immagine segnaposto

SEQUESTRATE ATTREZZATURE BALNEARI E LIBERATI 4550 MQ DI SPIAGGIA LIBERA

Immagine segnaposto

TORRE DELL’ORSO E BAIA DEI TURCHI - ACCERTATA OCCUPAZIONE ABUSIVA DI SUOLO DEMANIALE MARITTIMO DESTINATO ALLA BALNEAZIONE