SEQUESTRO DI 1.600 MQ DI UNA DARSENA A GALLIPOLI

Nella giornata di ieri i militari della Guardia Costiera di Gallipoli hanno proceduto al sequestro di parte di una struttura adibita al rimessaggio delle imbarcazioni sita nella Città Bella. Durante i controlli sono emerse diverse irregolarità concernenti i lavori di riqualificazione e recupero funzionale delle strutture in concessione al titolare . Nel particolare i militari hanno accertato come lo stoccaggio dei materiali provenienti dalla operazioni di realizzazione di un   bacino da adibire all'alaggio delle imbarcazioni, unitamente a quelli provenienti dall'escavo dei fondali adiacenti al molo foraneo in concessione, fossero stoccati in maniera non conforme alla normativa in vigore in materia ambientale.   Oltretutto è emerso come parte dei lavori eseguiti non fosse provvista dei titoli demaniali/edilizi autorizzativi e come a seguito dei lavori di escavo effettuati in prossimità del ciglio del molo foraneo, lo stesso risulterebbe pericolante in più punti e quindi inagibile all'attracco delle imbarcazioni da diporto. Altre irregolarità riguarderebbero gli impianti idrici ed elettrici asserviti all'area demaniale marittima utilizzata per il rimessaggio delle imbarcazioni. Gli stessi sarebbero sprovvisti dei titoli autorizzativi demaniali e edilizi. Deferiti all'Autorità Giudiziaria il titolare della Ditta unitamente al Direttore dei lavori e al Titolare della ditta esecutrice.

GALLIPOLI 23.03.2017

23/03/2017 Gallipoli Eventi

SEQUESTRO DI 1.600 MQ DI UNA DARSENA A GALLIPOLI

Nella giornata di ieri i militari della Guardia Costiera di Gallipoli hanno proceduto al sequestro di parte di una struttura adibita al rimessaggio delle imbarcazioni sita nella Città Bella. Durante i controlli sono emerse diverse irregolarità concernenti i lavori di riqualificazione e recupero funzionale delle strutture in concessione al titolare . Nel particolare i militari hanno accertato come lo stoccaggio dei materiali provenienti dalla operazioni di realizzazione di un   bacino da adibire all'alaggio delle imbarcazioni, unitamente a quelli provenienti dall'escavo dei fondali adiacenti al molo foraneo in concessione, fossero stoccati in maniera non conforme alla normativa in vigore in materia ambientale.   Oltretutto è emerso come parte dei lavori eseguiti non fosse provvista dei titoli demaniali/edilizi autorizzativi e come a seguito dei lavori di escavo effettuati in prossimità del ciglio del molo foraneo, lo stesso risulterebbe pericolante in più punti e quindi inagibile all'attracco delle imbarcazioni da diporto. Altre irregolarità riguarderebbero gli impianti idrici ed elettrici asserviti all'area demaniale marittima utilizzata per il rimessaggio delle imbarcazioni. Gli stessi sarebbero sprovvisti dei titoli autorizzativi demaniali e edilizi. Deferiti all'Autorità Giudiziaria il titolare della Ditta unitamente al Direttore dei lavori e al Titolare della ditta esecutrice.

GALLIPOLI 23.03.2017

Eventi

Immagine segnaposto

IL PREFETTO MARIA ROSA TRIO IN VISITA ALLA CAPITANERIA DI GALLIPOLI

Immagine segnaposto

IL PROCURATORE GENERALE DELLA REPUBBLICA PRESSO LA CORTE D’ APPELLO DI LECCE, DOTT. ANTONIO MARUCCIA, VISITA LA CAPITANERIA DI PORTO DI GALLIPOLI

Immagine segnaposto

Operazione “GARGANO NOSTRUM” nel settore della mitilicoltura

Immagine segnaposto

BAGNANTE SOCCORSO DALLA GUARDIA COSTIERA

Gallipoli

Immagine segnaposto

IL PREFETTO MARIA ROSA TRIO IN VISITA ALLA CAPITANERIA DI GALLIPOLI

Immagine segnaposto

IL PROCURATORE GENERALE DELLA REPUBBLICA PRESSO LA CORTE D’ APPELLO DI LECCE, DOTT. ANTONIO MARUCCIA, VISITA LA CAPITANERIA DI PORTO DI GALLIPOLI

Immagine segnaposto

Operazione “GARGANO NOSTRUM” nel settore della mitilicoltura

Immagine segnaposto

BAGNANTE SOCCORSO DALLA GUARDIA COSTIERA