​SEQUESTRI DA PARTE  DELLA  GUARDIA  COSTIERA DI GALLIPOLI LUNGO IL DEMANIO MARITTIMO

Si è da poco  conclusa l'attività di polizia svolta dai militari della Guardia Costiera di Gallipoli che ha portato, nella giornata di ieri, al sequestro di alcune opere realizzate sul demanio marittimo in assenza delle previste autorizzazioni.

A seguito di un complesso iter di indagine avviato al fine di verificare alcune opere realizzate da privati lungo la fascia demaniale marittima in località "Padula Bianca", i militari della Guardia Costiera di Gallipoli hanno accertato la presenza di ottantacinque metri lineari circa di recinzione metallica, alta circa un metro e sessanta centimetri, sostenuta da paletti in ferro verticali infissi nel terreno, due cancelli scorrevoli ed un  palo in legno alto circa quattro metri. Le suddette  opere erano state  realizzate senza le previste concessioni ed autorizzazioni, in modo  difforme da quanto previsto dalle pertinenti norme regionali ed in modo  da costituire un impedimento fisico al pubblico accesso alla retrostante fascia demaniale marittima.

Nel corso della medesima operazione i militari hanno altresì sequestrato un'area di circa trenta metri quadrati di pubblico demanio occupata abusivamente.

Il  trasgressore è stato deferito  alla  competente Autorità  Giudiziaria  per violazione delle pertinenti norme del Codice della Navigazione.

Gallipoli, 11 marzo 2017

11/03/2017 Gallipoli Eventi

​SEQUESTRI DA PARTE  DELLA  GUARDIA  COSTIERA DI GALLIPOLI LUNGO IL DEMANIO MARITTIMO

Si è da poco  conclusa l'attività di polizia svolta dai militari della Guardia Costiera di Gallipoli che ha portato, nella giornata di ieri, al sequestro di alcune opere realizzate sul demanio marittimo in assenza delle previste autorizzazioni.

A seguito di un complesso iter di indagine avviato al fine di verificare alcune opere realizzate da privati lungo la fascia demaniale marittima in località "Padula Bianca", i militari della Guardia Costiera di Gallipoli hanno accertato la presenza di ottantacinque metri lineari circa di recinzione metallica, alta circa un metro e sessanta centimetri, sostenuta da paletti in ferro verticali infissi nel terreno, due cancelli scorrevoli ed un  palo in legno alto circa quattro metri. Le suddette  opere erano state  realizzate senza le previste concessioni ed autorizzazioni, in modo  difforme da quanto previsto dalle pertinenti norme regionali ed in modo  da costituire un impedimento fisico al pubblico accesso alla retrostante fascia demaniale marittima.

Nel corso della medesima operazione i militari hanno altresì sequestrato un'area di circa trenta metri quadrati di pubblico demanio occupata abusivamente.

Il  trasgressore è stato deferito  alla  competente Autorità  Giudiziaria  per violazione delle pertinenti norme del Codice della Navigazione.

Gallipoli, 11 marzo 2017

Eventi

Immagine segnaposto

IL PREFETTO MARIA ROSA TRIO IN VISITA ALLA CAPITANERIA DI GALLIPOLI

Immagine segnaposto

IL PROCURATORE GENERALE DELLA REPUBBLICA PRESSO LA CORTE D’ APPELLO DI LECCE, DOTT. ANTONIO MARUCCIA, VISITA LA CAPITANERIA DI PORTO DI GALLIPOLI

Immagine segnaposto

Operazione “GARGANO NOSTRUM” nel settore della mitilicoltura

Immagine segnaposto

BAGNANTE SOCCORSO DALLA GUARDIA COSTIERA

Gallipoli

Immagine segnaposto

IL PREFETTO MARIA ROSA TRIO IN VISITA ALLA CAPITANERIA DI GALLIPOLI

Immagine segnaposto

IL PROCURATORE GENERALE DELLA REPUBBLICA PRESSO LA CORTE D’ APPELLO DI LECCE, DOTT. ANTONIO MARUCCIA, VISITA LA CAPITANERIA DI PORTO DI GALLIPOLI

Immagine segnaposto

Operazione “GARGANO NOSTRUM” nel settore della mitilicoltura

Immagine segnaposto

BAGNANTE SOCCORSO DALLA GUARDIA COSTIERA