SEQUESTRATE RETI DA PESCA E PRODOTTO ITTICO DONATO IN BENEFICIENZA

Nel corso di due distinte operazioni di polizia marittima i militari del Capitaneria di porto di Gallipoli hanno posto sotto sequestro due reti da pesca.

Nella prima operazione, gli ispettori pesca sono intervenuti sia via mare per mezzo di un battello pneumatico sia via terra, sorprendendo in località Torre Lapillo del Comune di Porto Cesareo, all'interno della Zona "C" dell'Area Marina Protetta, un pescatore sportivo intento a calare un attrezzo non consentito per tale tipologia di pesca, ovvero una reta da posta della lunghezza di circa 400 metri. Per tale illecito, l'intero attrezzo da pesca è stato  posto  sotto  sequestro ed  al  trasgressore è  stata  comminata una sanzione amministrativa dell'importo pari a 1.000 euro.

Nella seconda operazione,  dei pescatori professionisti sono stati sorpresi ad effettuare l'attività di pesca utilizzando una rete da posta della lunghezza di circa 150 metri che era stata calata all'interno di uno specchio acqueo asservito ad un cantiere nautico di Gallipoli e quindi in una zona vietata a qualsiasi tipologia di pesca. Al Comandante dell'unità è stata comminata una sanzione di euro 4.000 oltre all'assegnazione di 7 punti nonché il sequestro dell'attrezzo utilizzato e del prodotto ittico, il quale,  dopo essere stato verificato dal personale medico veterinario dell'Asl di Gallipoli sotto il profilo della sicurezza alimentare, è stato donato ad una locale mensa per le persone bisognose.

Infine, sempre nell'ambito dei controlli lungo la filiera della pesca, è stato sanzionato il titolare di un ristorante di Gallipoli, con una sanzione pari a 1.500 euro ed il sequestro di circa 5 kg specie ittiche varie, in quanto detenute senza alcun documento in grado di attestarne la tracciabilità

Gallipoli, 19.10.2017

19/10/2017 Gallipoli Eventi

SEQUESTRATE RETI DA PESCA E PRODOTTO ITTICO DONATO IN BENEFICIENZA

Nel corso di due distinte operazioni di polizia marittima i militari del Capitaneria di porto di Gallipoli hanno posto sotto sequestro due reti da pesca.

Nella prima operazione, gli ispettori pesca sono intervenuti sia via mare per mezzo di un battello pneumatico sia via terra, sorprendendo in località Torre Lapillo del Comune di Porto Cesareo, all'interno della Zona "C" dell'Area Marina Protetta, un pescatore sportivo intento a calare un attrezzo non consentito per tale tipologia di pesca, ovvero una reta da posta della lunghezza di circa 400 metri. Per tale illecito, l'intero attrezzo da pesca è stato  posto  sotto  sequestro ed  al  trasgressore è  stata  comminata una sanzione amministrativa dell'importo pari a 1.000 euro.

Nella seconda operazione,  dei pescatori professionisti sono stati sorpresi ad effettuare l'attività di pesca utilizzando una rete da posta della lunghezza di circa 150 metri che era stata calata all'interno di uno specchio acqueo asservito ad un cantiere nautico di Gallipoli e quindi in una zona vietata a qualsiasi tipologia di pesca. Al Comandante dell'unità è stata comminata una sanzione di euro 4.000 oltre all'assegnazione di 7 punti nonché il sequestro dell'attrezzo utilizzato e del prodotto ittico, il quale,  dopo essere stato verificato dal personale medico veterinario dell'Asl di Gallipoli sotto il profilo della sicurezza alimentare, è stato donato ad una locale mensa per le persone bisognose.

Infine, sempre nell'ambito dei controlli lungo la filiera della pesca, è stato sanzionato il titolare di un ristorante di Gallipoli, con una sanzione pari a 1.500 euro ed il sequestro di circa 5 kg specie ittiche varie, in quanto detenute senza alcun documento in grado di attestarne la tracciabilità

Gallipoli, 19.10.2017

Eventi

Immagine segnaposto

SEQUESTRATI 1000 RICCI DI MARE E SANZIONATO UN PESCATORE SPORTIVO A TORRE CESAREA

Immagine segnaposto

IL PREFETTO MARIA ROSA TRIO IN VISITA ALLA CAPITANERIA DI GALLIPOLI

Immagine segnaposto

IL PROCURATORE GENERALE DELLA REPUBBLICA PRESSO LA CORTE D’ APPELLO DI LECCE, DOTT. ANTONIO MARUCCIA, VISITA LA CAPITANERIA DI PORTO DI GALLIPOLI

Immagine segnaposto

Operazione “GARGANO NOSTRUM” nel settore della mitilicoltura

Gallipoli

Immagine segnaposto

IL PREFETTO MARIA ROSA TRIO IN VISITA ALLA CAPITANERIA DI GALLIPOLI

Immagine segnaposto

IL PROCURATORE GENERALE DELLA REPUBBLICA PRESSO LA CORTE D’ APPELLO DI LECCE, DOTT. ANTONIO MARUCCIA, VISITA LA CAPITANERIA DI PORTO DI GALLIPOLI

Immagine segnaposto

Operazione “GARGANO NOSTRUM” nel settore della mitilicoltura

Immagine segnaposto

BAGNANTE SOCCORSO DALLA GUARDIA COSTIERA