GUARDIA  COSTIERA  OTRANTO:     SEQUESTRATE  TRE  RETI  DA PESCA ED 1 QUINTALE DI PRODOTTO ITTICO.

Senza sosta l'attività di verifica e controllo delle attività da pesca operate in spregio alle vigenti normative di settore poste a tutela dell'ambiente ed alla salvaguardia dello stock ittico.

Nel corso di una specifica e pianificata attività di vigilanza, gli uomini della Guardia Costiera idruntina nella giornata di venerdì 27 luglio hanno proceduto a sottoporre ad ispezione tre pescherecci a strascico scalanti il porto di Otranto.

In particolare i militari della guardia costiera hanno riscontrato a bordo delle tre unità da pesca reti a strascico non consentite aventi una misura di maglia inferiore al minimo consentito in violazione delle norme nazionali e comunitarie disciplinati gli attrezzi da pesca. L'impiego di tali attrezzi costituisce difatti un vero e proprio attentato al delicato equilibrio eco- sistemico della zona di  mare interessata, da  cui  consegue il depauperamento delle risorse ittiche.

Si è provveduto quindi al sequestro degli attrezzi non conformi con contestuale  sanzione  amministrativa pari  a  6000  euro.  Il  prodotto  ittico rinvenuto, immediatamente sottoposto a sequestro, a seguito del giudizio d'idoneità al consumo umano espresso dal competente servizio veterinario dell'ASL, è stato devoluto a due organizzazioni di beneficienza operanti sul territorio idruntino.

L'attività in questione si inserisce in una più ampia attività di controllo del territorio che giornalmente vede impegnati i militari della guardia costiera affinché sia garantita la difesa dell'ambiente e dell'ecosistema marino a tutela quindi del relativo stock ittico nonché del consumatore finale.

Gallipoli, 27 luglio 2019

27/07/2019 Gallipoli Eventi

GUARDIA  COSTIERA  OTRANTO:     SEQUESTRATE  TRE  RETI  DA PESCA ED 1 QUINTALE DI PRODOTTO ITTICO.

Senza sosta l'attività di verifica e controllo delle attività da pesca operate in spregio alle vigenti normative di settore poste a tutela dell'ambiente ed alla salvaguardia dello stock ittico.

Nel corso di una specifica e pianificata attività di vigilanza, gli uomini della Guardia Costiera idruntina nella giornata di venerdì 27 luglio hanno proceduto a sottoporre ad ispezione tre pescherecci a strascico scalanti il porto di Otranto.

In particolare i militari della guardia costiera hanno riscontrato a bordo delle tre unità da pesca reti a strascico non consentite aventi una misura di maglia inferiore al minimo consentito in violazione delle norme nazionali e comunitarie disciplinati gli attrezzi da pesca. L'impiego di tali attrezzi costituisce difatti un vero e proprio attentato al delicato equilibrio eco- sistemico della zona di  mare interessata, da  cui  consegue il depauperamento delle risorse ittiche.

Si è provveduto quindi al sequestro degli attrezzi non conformi con contestuale  sanzione  amministrativa pari  a  6000  euro.  Il  prodotto  ittico rinvenuto, immediatamente sottoposto a sequestro, a seguito del giudizio d'idoneità al consumo umano espresso dal competente servizio veterinario dell'ASL, è stato devoluto a due organizzazioni di beneficienza operanti sul territorio idruntino.

L'attività in questione si inserisce in una più ampia attività di controllo del territorio che giornalmente vede impegnati i militari della guardia costiera affinché sia garantita la difesa dell'ambiente e dell'ecosistema marino a tutela quindi del relativo stock ittico nonché del consumatore finale.

Gallipoli, 27 luglio 2019

Eventi

Immagine segnaposto

SEQUESTRATI 1000 RICCI DI MARE E SANZIONATO UN PESCATORE SPORTIVO A TORRE CESAREA

Immagine segnaposto

IL PREFETTO MARIA ROSA TRIO IN VISITA ALLA CAPITANERIA DI GALLIPOLI

Immagine segnaposto

IL PROCURATORE GENERALE DELLA REPUBBLICA PRESSO LA CORTE D’ APPELLO DI LECCE, DOTT. ANTONIO MARUCCIA, VISITA LA CAPITANERIA DI PORTO DI GALLIPOLI

Immagine segnaposto

Operazione “GARGANO NOSTRUM” nel settore della mitilicoltura

Gallipoli

Immagine segnaposto

IL PREFETTO MARIA ROSA TRIO IN VISITA ALLA CAPITANERIA DI GALLIPOLI

Immagine segnaposto

IL PROCURATORE GENERALE DELLA REPUBBLICA PRESSO LA CORTE D’ APPELLO DI LECCE, DOTT. ANTONIO MARUCCIA, VISITA LA CAPITANERIA DI PORTO DI GALLIPOLI

Immagine segnaposto

Operazione “GARGANO NOSTRUM” nel settore della mitilicoltura

Immagine segnaposto

BAGNANTE SOCCORSO DALLA GUARDIA COSTIERA