Rischia di annegare dopo essersi ribaltato con la canoa. Salvato in extremis dagli uomini della Guardia Costiera.

Nel pomeriggio del 25 aprile 2021, alle ore 16:30 circa, presso la sala operativa della Guardia Costiera di Otranto giungeva una segnalazione telefonica relativa ad un piccolo natante in difficoltà al largo del tratto di costa antistante la località San Cataldo di Lecce, precisamente nello specchio acqueo antistante lo stabilimento balneare Lido Ponticello, il quale, a causa delle condizioni del mare in repentino peggioramento, risultava in difficoltà di rientro.

Immediatamente venivano attivate le procedure di soccorso con l’invio in zona dei militari del dipendente Ufficio Locale Marittimo di San Cataldo e della M/V CP 844 dislocata a nord del sorgitore leccese.

Giunti sul posto, i militari dell’Ufficio Locale Marittimo di San Cataldo, allertati dalle urla di aiuto del soggetto in difficoltà ad una distanza di circa 150 metri dalla costa, valutata la necessità di intervenire immediatamente a causa dell’imminente pericolo per l’incolumità del malcapitato, provvedevano a requisire un piccolo natante reperito nelle vicinanze..

Raggiunto il diportista, aggrappato alla propria canoa ed ormai allo stremo delle forze, lo stesso veniva recuperato a bordo del mezzo, portato a terra in stato di coscienza sebbene fortemente provato e quindi assistito dal personale del 118, giunto nel frattempo sul posto.

L’uomo, quarantenne e di nazionalità filippina ma residente nel capoluogo salentino, in evidente stato di ipotermia, veniva successivamente trasportato presso l’ospedale di Lecce per le cure e gli accertamenti del caso.

In relazione a quanto successo, l’occasione è quanto mai utile per raccomandare a tutti gli utenti la massima prudenza in tutte quelle attività connesse all’uso del mare, il rispetto delle norme di sicurezza e soprattutto l’utilizzo delle dotazioni di sicurezza.

Gallipoli, 26.04.2021

26/04/2021 Gallipoli Eventi

Rischia di annegare dopo essersi ribaltato con la canoa. Salvato in extremis dagli uomini della Guardia Costiera.

Nel pomeriggio del 25 aprile 2021, alle ore 16:30 circa, presso la sala operativa della Guardia Costiera di Otranto giungeva una segnalazione telefonica relativa ad un piccolo natante in difficoltà al largo del tratto di costa antistante la località San Cataldo di Lecce, precisamente nello specchio acqueo antistante lo stabilimento balneare Lido Ponticello, il quale, a causa delle condizioni del mare in repentino peggioramento, risultava in difficoltà di rientro.

Immediatamente venivano attivate le procedure di soccorso con l’invio in zona dei militari del dipendente Ufficio Locale Marittimo di San Cataldo e della M/V CP 844 dislocata a nord del sorgitore leccese.

Giunti sul posto, i militari dell’Ufficio Locale Marittimo di San Cataldo, allertati dalle urla di aiuto del soggetto in difficoltà ad una distanza di circa 150 metri dalla costa, valutata la necessità di intervenire immediatamente a causa dell’imminente pericolo per l’incolumità del malcapitato, provvedevano a requisire un piccolo natante reperito nelle vicinanze..

Raggiunto il diportista, aggrappato alla propria canoa ed ormai allo stremo delle forze, lo stesso veniva recuperato a bordo del mezzo, portato a terra in stato di coscienza sebbene fortemente provato e quindi assistito dal personale del 118, giunto nel frattempo sul posto.

L’uomo, quarantenne e di nazionalità filippina ma residente nel capoluogo salentino, in evidente stato di ipotermia, veniva successivamente trasportato presso l’ospedale di Lecce per le cure e gli accertamenti del caso.

In relazione a quanto successo, l’occasione è quanto mai utile per raccomandare a tutti gli utenti la massima prudenza in tutte quelle attività connesse all’uso del mare, il rispetto delle norme di sicurezza e soprattutto l’utilizzo delle dotazioni di sicurezza.

Gallipoli, 26.04.2021

Eventi

Immagine segnaposto

Operazione “GARGANO NOSTRUM” nel settore della mitilicoltura

Immagine segnaposto

BAGNANTE SOCCORSO DALLA GUARDIA COSTIERA

Immagine segnaposto

SEQUESTRATE ATTREZZATURE BALNEARI E LIBERATI 4550 MQ DI SPIAGGIA LIBERA

Immagine segnaposto

TORRE DELL’ORSO E BAIA DEI TURCHI - ACCERTATA OCCUPAZIONE ABUSIVA DI SUOLO DEMANIALE MARITTIMO DESTINATO ALLA BALNEAZIONE

Gallipoli

Immagine segnaposto

Operazione “GARGANO NOSTRUM” nel settore della mitilicoltura

Immagine segnaposto

BAGNANTE SOCCORSO DALLA GUARDIA COSTIERA

Immagine segnaposto

SEQUESTRATE ATTREZZATURE BALNEARI E LIBERATI 4550 MQ DI SPIAGGIA LIBERA

Immagine segnaposto

TORRE DELL’ORSO E BAIA DEI TURCHI - ACCERTATA OCCUPAZIONE ABUSIVA DI SUOLO DEMANIALE MARITTIMO DESTINATO ALLA BALNEAZIONE