DUE SEQUESTRI TRA GALLIPOLI E SALVE: RESTITUITI ALLA PUBBLICA FRUIZIONE 630 METRI QUADRATI CIRCA DI PUBBLICO DEMANIO MARITTIMO

Continua il monitoraggio del pubblico demanio marittimo da parte della Guardia Costiera di Gallipoli unitamente ai dipendenti Uffici dislocati lungo tutta la costa jonica e finalizzati alla verifica della legittimità delle occupazioni delle aree demaniali destinate alla libera fruizione. Sono stati effettuati tra i Comuni di Gallipoli e di Salve due sequestri di cui uno a carico di una struttura balneare sita in località Padula Bianca del Comune di Gallipoli ed un altro a carico di un noleggiatore di ombrelloni e sdraio.

Nel Comune di Gallipoli i militari della Guardia Costiera, durante un controllo presso una locale struttura balneare, hanno accertato, ad opera del titolare, l'avvenuta occupazione di circa 560 (cinquecentosessanta) metri quadrati in più rispetto a quelli in regolare concessione demaniale marittima.  In  aggiunta  i  militari  hanno  accertato  la  realizzazione  non  autorizzata  di  una struttura  in  legno adibita  ad  uso  deposito,  il  posizionamento  di  casse  musicali  e  pali  di illuminazione su supporti posizionati direttamente sulla spiaggia. Le suddette opere sono state sequestrate, il titolare della struttura è stato deferito alla competente Autorità Giudiziaria e sono stati liberati e restituiti alla pubblica fruizione circa 580 (cinquecentottanta) metri quadrati di pubblico demanio marittimo.

Nel Comune di Salve, invece, i militari della Guardia Costiera di Santa Maria di Leuca hanno proceduto, a carico di un noleggiatore, al sequestro di ombrelloni e sdraio che erano stati illecitamente posizionati dallo stesso sulla spiaggia libera sottraendola, di fatto, alla pubblica fruizione.

L'area illecitamente occupata, pari a circa 50 (cinquanta) metri quadrati di pubblico demanio, è stata pertanto liberata e restituita alla pubblica fruizione.

Gallipoli 19.07.2018

19/07/2018 Gallipoli Eventi

DUE SEQUESTRI TRA GALLIPOLI E SALVE: RESTITUITI ALLA PUBBLICA FRUIZIONE 630 METRI QUADRATI CIRCA DI PUBBLICO DEMANIO MARITTIMO

Continua il monitoraggio del pubblico demanio marittimo da parte della Guardia Costiera di Gallipoli unitamente ai dipendenti Uffici dislocati lungo tutta la costa jonica e finalizzati alla verifica della legittimità delle occupazioni delle aree demaniali destinate alla libera fruizione. Sono stati effettuati tra i Comuni di Gallipoli e di Salve due sequestri di cui uno a carico di una struttura balneare sita in località Padula Bianca del Comune di Gallipoli ed un altro a carico di un noleggiatore di ombrelloni e sdraio.

Nel Comune di Gallipoli i militari della Guardia Costiera, durante un controllo presso una locale struttura balneare, hanno accertato, ad opera del titolare, l'avvenuta occupazione di circa 560 (cinquecentosessanta) metri quadrati in più rispetto a quelli in regolare concessione demaniale marittima.  In  aggiunta  i  militari  hanno  accertato  la  realizzazione  non  autorizzata  di  una struttura  in  legno adibita  ad  uso  deposito,  il  posizionamento  di  casse  musicali  e  pali  di illuminazione su supporti posizionati direttamente sulla spiaggia. Le suddette opere sono state sequestrate, il titolare della struttura è stato deferito alla competente Autorità Giudiziaria e sono stati liberati e restituiti alla pubblica fruizione circa 580 (cinquecentottanta) metri quadrati di pubblico demanio marittimo.

Nel Comune di Salve, invece, i militari della Guardia Costiera di Santa Maria di Leuca hanno proceduto, a carico di un noleggiatore, al sequestro di ombrelloni e sdraio che erano stati illecitamente posizionati dallo stesso sulla spiaggia libera sottraendola, di fatto, alla pubblica fruizione.

L'area illecitamente occupata, pari a circa 50 (cinquanta) metri quadrati di pubblico demanio, è stata pertanto liberata e restituita alla pubblica fruizione.

Gallipoli 19.07.2018

Eventi

Immagine segnaposto

Operazione “GARGANO NOSTRUM” nel settore della mitilicoltura

Immagine segnaposto

BAGNANTE SOCCORSO DALLA GUARDIA COSTIERA

Immagine segnaposto

SEQUESTRATE ATTREZZATURE BALNEARI E LIBERATI 4550 MQ DI SPIAGGIA LIBERA

Immagine segnaposto

TORRE DELL’ORSO E BAIA DEI TURCHI - ACCERTATA OCCUPAZIONE ABUSIVA DI SUOLO DEMANIALE MARITTIMO DESTINATO ALLA BALNEAZIONE

Gallipoli

Immagine segnaposto

Operazione “GARGANO NOSTRUM” nel settore della mitilicoltura

Immagine segnaposto

BAGNANTE SOCCORSO DALLA GUARDIA COSTIERA

Immagine segnaposto

SEQUESTRATE ATTREZZATURE BALNEARI E LIBERATI 4550 MQ DI SPIAGGIA LIBERA

Immagine segnaposto

TORRE DELL’ORSO E BAIA DEI TURCHI - ACCERTATA OCCUPAZIONE ABUSIVA DI SUOLO DEMANIALE MARITTIMO DESTINATO ALLA BALNEAZIONE