PORTO CESAREO, LA GUARDIA COSTIERA SEQUESTRA RICCI DI MARE PESCATI IN AREA MARINA PROTETTA

Nel corso delle giornate del 21 e del 22 febbraio i militari della Guardia Costiera  di  Gallipoli     unitamente  al  personale  dell'  Ufficio  Locale marittimo di Torre Cesarea e della Stazione Carabinieri di Porto Cesareo hanno sequestrato circa 2.600 ricci di mare, raccolti da alcuni pescatori di frodo nella zona C (Zona di Riserva Parziale) dell'Area Marina Protetta di Porto cesareo.

La  suddetta  attività  di  pesca  veniva  effettuata  giovedì  21  da  un pescatore sportivo  locale ed il 22 da 3 pescatori sportivi originari di Barletta, che utilizzavano anche degli attrezzi non consentiti. Pertanto per ogni pescatore è stata elevata una sanzione amministrativa pari a quattromila euro. Sia il prodotto  ittico  che gli attrezzi da pesca utilizzati sono stati posti sotto sequestro.

Tale attività di contrasto della pesca di frodo è stata resa possibile anche grazie al monitoraggio effettuato tramite il sistema di videosorveglianza in dotazione al Consorzio dell'Area Marina.

I ricci di mare, riconosciuti in stato vitale dal personale veterinario dell'A.S.L., intervenuto su chiamata dei militari, sono stati rigettati in mare sia nella giornata di giovedì che di venerdì.

Gallipoli, 23/02/2019

23/02/2019 Gallipoli Eventi

PORTO CESAREO, LA GUARDIA COSTIERA SEQUESTRA RICCI DI MARE PESCATI IN AREA MARINA PROTETTA

Nel corso delle giornate del 21 e del 22 febbraio i militari della Guardia Costiera  di  Gallipoli     unitamente  al  personale  dell'  Ufficio  Locale marittimo di Torre Cesarea e della Stazione Carabinieri di Porto Cesareo hanno sequestrato circa 2.600 ricci di mare, raccolti da alcuni pescatori di frodo nella zona C (Zona di Riserva Parziale) dell'Area Marina Protetta di Porto cesareo.

La  suddetta  attività  di  pesca  veniva  effettuata  giovedì  21  da  un pescatore sportivo  locale ed il 22 da 3 pescatori sportivi originari di Barletta, che utilizzavano anche degli attrezzi non consentiti. Pertanto per ogni pescatore è stata elevata una sanzione amministrativa pari a quattromila euro. Sia il prodotto  ittico  che gli attrezzi da pesca utilizzati sono stati posti sotto sequestro.

Tale attività di contrasto della pesca di frodo è stata resa possibile anche grazie al monitoraggio effettuato tramite il sistema di videosorveglianza in dotazione al Consorzio dell'Area Marina.

I ricci di mare, riconosciuti in stato vitale dal personale veterinario dell'A.S.L., intervenuto su chiamata dei militari, sono stati rigettati in mare sia nella giornata di giovedì che di venerdì.

Gallipoli, 23/02/2019

Eventi

Immagine segnaposto

SEQUESTRATI 1000 RICCI DI MARE E SANZIONATO UN PESCATORE SPORTIVO A TORRE CESAREA

Immagine segnaposto

IL PREFETTO MARIA ROSA TRIO IN VISITA ALLA CAPITANERIA DI GALLIPOLI

Immagine segnaposto

IL PROCURATORE GENERALE DELLA REPUBBLICA PRESSO LA CORTE D’ APPELLO DI LECCE, DOTT. ANTONIO MARUCCIA, VISITA LA CAPITANERIA DI PORTO DI GALLIPOLI

Immagine segnaposto

Operazione “GARGANO NOSTRUM” nel settore della mitilicoltura

Gallipoli

Immagine segnaposto

IL PREFETTO MARIA ROSA TRIO IN VISITA ALLA CAPITANERIA DI GALLIPOLI

Immagine segnaposto

IL PROCURATORE GENERALE DELLA REPUBBLICA PRESSO LA CORTE D’ APPELLO DI LECCE, DOTT. ANTONIO MARUCCIA, VISITA LA CAPITANERIA DI PORTO DI GALLIPOLI

Immagine segnaposto

Operazione “GARGANO NOSTRUM” nel settore della mitilicoltura

Immagine segnaposto

BAGNANTE SOCCORSO DALLA GUARDIA COSTIERA