Nella giornata odierna, nell'ambito dell'Operazione "Mare Sicuro", il personale militare del Compartimento marittimo di Gallipoli ha svolto una serie di mirati interventi che hanno consentito di restituire al pubblico uso n.3 aree demaniali per un totale di 1400 mq che risultavano abusivamente occupate, in quanto utilizzate in maniera esclusiva  senza alcun titolo concessorio e/o autorizzativo.

In particolare, alle prime ore del mattino gli uomini della Guardia Costiera di Gallipoli, in località Torre San Giovanni di Ugento, hanno accertato l'abusiva occupazione di un'area demaniale marittima adiacente ad uno stabilimento balneare. Il proprietario dello stabilimento balneare aveva, di fatto, aumentato l'area demaniale in concessione, occupando abusivamente circa 1.280 mq di spiaggi libera. 74 ombrelloni e 148 lettini sono stati posti sotto sequestro e il titolare dello stabilimento balneare è stato deferito alla competente  Autorità  Giudiziaria.  Il  tratto  di  litorale  abusivamente  occupato  è  stato restituito, nell'immediatezza, alla libera fruizione dei cittadini.

Analoga attività di sequestro è stata effettuata  sia dal personale dell'Ufficio Locale Marittimo di San Cataldo, in località Spiaggia bella, che dal personale dell'Ufficio Locale Marittimo di Torre Cesarea, in località Punta Prosciutto. In entrambi i casi  i soggetti che si erano "impossessati" di una parte della spiaggia libera erano due noleggiatori di attrezzature balneari, che avevano posizionato le loro attrezzature senza che ci fossero 9 ombrelloni e 22 lettini, al deferimento all'Autorità giudiziaria dei due soggetti e alla restituzione alla libera fruizione di 100 mq di spiaggia.

Sempre nell'ambito dei controlli sul litorale, il personale dell'Ufficio Locale Marittimo di Santa Maria di Leuca ha posto sotto sequestro una serie di pedane realizzate da ignoti abusivamente e collocate sul litorale di Patù in località Pozzo Pasulo. I soggetti, non ancora noti, hanno realizzato in maniera autonoma una discesa a mare occupando circa 30 mq di arenile in assenza di qualsivoglia titolo concessorio e autorizzativo.

Complessivamente sono state deferite in data odierna alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Lecce n.3 soggetti, posti sotto sequestro penale n. 83 ombrelloni e n.170 lettini e restituite alla libera fruizione circa 1.400 mq. di spiaggia libera.

Il comandante della Capitaneria di porto di Gallipoli, Capitano di Vascello (CP) Enrico MACRI', nell'assicurare che i controlli continueranno incessantemente durante tutta la stagione estiva, sensibilizza - con l'occasione  - tutti gli operatori del settore turistico-balneare e i fruitori del mare al rispetto delle norme sulla gestione delle aree demaniali marittime previste dal Codice della Navigazione e di quelle collegate di cui alle Ordinanze balneari della Regione Puglia e della Capitaneria di Porto di Gallipoli. In particolare, si rammenta che l'utilizzo esclusivo di pubblico demanio marittimo è subordinato al possesso di idoneo titolo autorizzativo demaniale.

"Per informazioni il personale della Capitaneria di porto è sempre disponibile al numero 0833266862 mentre in caso di emergenza è necessario contattare il numero 'blu' per le emergenze in mare 1530 attivo 24 ore su 24″.

GALLIPOLI, 21.07.2020