ISPRA E GUARDIA COSTIERA A TUTELA DEL GABBIANO CORSO A RISCHIO ESTINZIONE

Ricercatori e studiosi  dell'Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) di Ozzano Emilia, hanno condotto, con il supporto logistico di militari e mezzi navali della Capitaneria di porto di Gallipoli, il monitoraggio  delle  colonie  di  Gabbiani  Corso  che  hanno  scelto  quali luoghi privilegiati per nidificare, due note aree prospicienti le acque gallipoline ovvero l'Isola di Sant'Andrea e lo Scoglio del Campo.

Le attività scientifiche condotte in questi giorni dagli studiosi, hanno confermato l'indiscutibile pregio naturalistico delle coste salentine, proprio per l'habitat che possono offrire a questa specie di gabbiano a rischio di estinzione, la cui conservazione rappresenta una priorità per l'intero Mediterraneo.

Tali attività, autorizzate dall'Autorità di gestione del Parco Naturale Regionale dell'Isola di Sant'Andrea e litorale di Punta Pizzo ed espletate sotto la supervisione di militari del Reparto Operativo della Direzione Marittima di Bari, hanno previsto anche il marcaggio di cinque individui di Gabbiano Corso, con GPS-Loggers miniaturizzati, che consentiranno di seguire in tempo quasi reale gli spostamenti giornalieri e stagionali degli individui marcati.

Analoghe indagini in atto in altre colonie riproduttive italiane di gabbiani corso, stanno fornendo dati inediti sulle aree utilizzate da questa specie protetta nei diversi periodi dell'anno, fra le coste dell'Italia e quelle del Nord Africa.

Tali informazioni sono peraltro cruciali per il Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare al fine di definire le aree a mare importanti per l'avifauna in ambito della Marine Strategy.

GALLIPOLI, 03.05.17

03/05/2017 Gallipoli Eventi

ISPRA E GUARDIA COSTIERA A TUTELA DEL GABBIANO CORSO A RISCHIO ESTINZIONE

Ricercatori e studiosi  dell'Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) di Ozzano Emilia, hanno condotto, con il supporto logistico di militari e mezzi navali della Capitaneria di porto di Gallipoli, il monitoraggio  delle  colonie  di  Gabbiani  Corso  che  hanno  scelto  quali luoghi privilegiati per nidificare, due note aree prospicienti le acque gallipoline ovvero l'Isola di Sant'Andrea e lo Scoglio del Campo.

Le attività scientifiche condotte in questi giorni dagli studiosi, hanno confermato l'indiscutibile pregio naturalistico delle coste salentine, proprio per l'habitat che possono offrire a questa specie di gabbiano a rischio di estinzione, la cui conservazione rappresenta una priorità per l'intero Mediterraneo.

Tali attività, autorizzate dall'Autorità di gestione del Parco Naturale Regionale dell'Isola di Sant'Andrea e litorale di Punta Pizzo ed espletate sotto la supervisione di militari del Reparto Operativo della Direzione Marittima di Bari, hanno previsto anche il marcaggio di cinque individui di Gabbiano Corso, con GPS-Loggers miniaturizzati, che consentiranno di seguire in tempo quasi reale gli spostamenti giornalieri e stagionali degli individui marcati.

Analoghe indagini in atto in altre colonie riproduttive italiane di gabbiani corso, stanno fornendo dati inediti sulle aree utilizzate da questa specie protetta nei diversi periodi dell'anno, fra le coste dell'Italia e quelle del Nord Africa.

Tali informazioni sono peraltro cruciali per il Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare al fine di definire le aree a mare importanti per l'avifauna in ambito della Marine Strategy.

GALLIPOLI, 03.05.17

Eventi

Immagine segnaposto

Operazione “GARGANO NOSTRUM” nel settore della mitilicoltura

Immagine segnaposto

BAGNANTE SOCCORSO DALLA GUARDIA COSTIERA

Immagine segnaposto

SEQUESTRATE ATTREZZATURE BALNEARI E LIBERATI 4550 MQ DI SPIAGGIA LIBERA

Immagine segnaposto

TORRE DELL’ORSO E BAIA DEI TURCHI - ACCERTATA OCCUPAZIONE ABUSIVA DI SUOLO DEMANIALE MARITTIMO DESTINATO ALLA BALNEAZIONE

Gallipoli

Immagine segnaposto

Operazione “GARGANO NOSTRUM” nel settore della mitilicoltura

Immagine segnaposto

BAGNANTE SOCCORSO DALLA GUARDIA COSTIERA

Immagine segnaposto

SEQUESTRATE ATTREZZATURE BALNEARI E LIBERATI 4550 MQ DI SPIAGGIA LIBERA

Immagine segnaposto

TORRE DELL’ORSO E BAIA DEI TURCHI - ACCERTATA OCCUPAZIONE ABUSIVA DI SUOLO DEMANIALE MARITTIMO DESTINATO ALLA BALNEAZIONE