EVACUAZIONE MEDICA  AL LARGO DI OTRANTO

Durante la mattinata odierna è stata effettuata un'evacuazione medica dal personale dell'Ufficio Circondariale Marittimo di Otranto a favore di un marittimo di nazionalità italiana imbarcato su un peschereccio, che è stato colto da un malore mentre era in navigazione per una battuta di pesca a circa 14 miglia al traverso di Tricase.

Dopo aver ricevuto la segnalazione direttamente dal Comandante del motopeschereccio, la Sala Operativa della Guardia Costiera di Otranto ha disposto l'impiego della motovedetta SAR CP 809, segnalando contestualmente l'accaduto alla centrale del Servizio di Emergenza ed Urgenza Sanitaria 118 di Lecce.

Le  operazioni  di  trasbordo  del  membro  dell'equipaggio  colto  da  malore,  si  sono rivelate non tanto agevoli a causa delle condizioni meteo marine in zona non particolarmente favorevoli (onde alte circa 1 mt e venti fino a 15 nodi).

Non appena giunto in porto, l'equipaggio della motovedetta coadiuvato dai militari della Guardia Costiera di Otranto, ha affidato il marittimo al personale sanitario del 118 presente in banchina per il prosieguo del protocollo sanitario.

Nell'ambito dei controlli sulla filiera della pesca, i militari della Guardia Costiera di Gallipoli hanno posto sotto  sequestro circa 400 esemplari di riccio di mare, che erano esposti alla vendita senza essere in possesso della documentazione attestante la rintracciabilità. Il prodotto ittico, il cui stato vitale è stato certificato dal servizio veterinario dell'ASL di Lecce, è stato rigettato in mare mentre al trasgressore è stata comminata una sanzione amministrativa dell'importo pari a 1.500.

Gallipoli, 19.02.2018

19/02/2018 Gallipoli Eventi

EVACUAZIONE MEDICA  AL LARGO DI OTRANTO

Durante la mattinata odierna è stata effettuata un'evacuazione medica dal personale dell'Ufficio Circondariale Marittimo di Otranto a favore di un marittimo di nazionalità italiana imbarcato su un peschereccio, che è stato colto da un malore mentre era in navigazione per una battuta di pesca a circa 14 miglia al traverso di Tricase.

Dopo aver ricevuto la segnalazione direttamente dal Comandante del motopeschereccio, la Sala Operativa della Guardia Costiera di Otranto ha disposto l'impiego della motovedetta SAR CP 809, segnalando contestualmente l'accaduto alla centrale del Servizio di Emergenza ed Urgenza Sanitaria 118 di Lecce.

Le  operazioni  di  trasbordo  del  membro  dell'equipaggio  colto  da  malore,  si  sono rivelate non tanto agevoli a causa delle condizioni meteo marine in zona non particolarmente favorevoli (onde alte circa 1 mt e venti fino a 15 nodi).

Non appena giunto in porto, l'equipaggio della motovedetta coadiuvato dai militari della Guardia Costiera di Otranto, ha affidato il marittimo al personale sanitario del 118 presente in banchina per il prosieguo del protocollo sanitario.

Nell'ambito dei controlli sulla filiera della pesca, i militari della Guardia Costiera di Gallipoli hanno posto sotto  sequestro circa 400 esemplari di riccio di mare, che erano esposti alla vendita senza essere in possesso della documentazione attestante la rintracciabilità. Il prodotto ittico, il cui stato vitale è stato certificato dal servizio veterinario dell'ASL di Lecce, è stato rigettato in mare mentre al trasgressore è stata comminata una sanzione amministrativa dell'importo pari a 1.500.

Gallipoli, 19.02.2018

Eventi

Immagine segnaposto

Operazione “GARGANO NOSTRUM” nel settore della mitilicoltura

Immagine segnaposto

BAGNANTE SOCCORSO DALLA GUARDIA COSTIERA

Immagine segnaposto

SEQUESTRATE ATTREZZATURE BALNEARI E LIBERATI 4550 MQ DI SPIAGGIA LIBERA

Immagine segnaposto

TORRE DELL’ORSO E BAIA DEI TURCHI - ACCERTATA OCCUPAZIONE ABUSIVA DI SUOLO DEMANIALE MARITTIMO DESTINATO ALLA BALNEAZIONE

Gallipoli

Immagine segnaposto

Operazione “GARGANO NOSTRUM” nel settore della mitilicoltura

Immagine segnaposto

BAGNANTE SOCCORSO DALLA GUARDIA COSTIERA

Immagine segnaposto

SEQUESTRATE ATTREZZATURE BALNEARI E LIBERATI 4550 MQ DI SPIAGGIA LIBERA

Immagine segnaposto

TORRE DELL’ORSO E BAIA DEI TURCHI - ACCERTATA OCCUPAZIONE ABUSIVA DI SUOLO DEMANIALE MARITTIMO DESTINATO ALLA BALNEAZIONE