CONTROLLI  LUNGO LA FILIERA ITTICA IN TUTTA LA PROVINCIA DA PARTE  DELLA GUARDIA COSTIERA

Nella settimana appena trascorsa i  militari della Guardia Costiera hanno svolto controlli  a tappeto presso esercizi  di  vendita  al dettaglio e centri  di grande distribuzione  al  fine  di  verificare  la  regolarità  del  prodotto ittico messo in vendita al pubblico.

Le attività di controllo, che si sono svolte in diversi paesi del Salento, tra cui Maglie, Otranto, Parabita, Porto  Cesareo e Gallipoli, hanno portato all'elevazione di  sanzioni  amministrative  pari  a settemilacinquecento euro ed al sequestro amministrativo di circa otto  chilogrammi di tranci di pesce spada, di circa nove chilogrammi di totani e di una serie di vasetti contenenti polpa di riccio, per confezionare i quali erano stati raccolti più di trecento echinodermi.

Le principali violazioni accertate dai militari sul territorio durante la settimana hanno riguardato la detenzione di prodotti ittici, presso gli esecrcizi commerciali ispezionati, privi di tracciabilità. In un  caso sono state inoltre individuate   delle   partite   di   pescato,   proveniente   dalla   pesca   non professionale, messe in vendita al pubblico, attività non  consentita dalla normativa di settore. Il prodotto ittico in questione, riconosciuto idoneo al consumo umano da parte del medico veterinario dell'A.S.L. chiamato ad intervenire dai militari, è stato donato in beneficienza.

Durante un'altra operazione di polizia, infine, la Guardia Costiera, congiuntemente  a personale  medico  veterinario  della  competente A.S.L., ha posto sotto sequestro penale un retino contenente un trancio di pesce spada di circa sei chilogrammi che, analogamente ad una partita di totani sequestrata  appena  un  mese fa,  era immerso  nello  specchio  d'acqua dell'area   portuale   di   Porto    Cesareo  in   evidente   stato   di   cattiva conservazione,  violazione  di  natura penale  accertata e riferita  all'Autorità Giudiziaria.

La   Guardia   Costiera   invita   i    consumatori   a  consultare   sempre  le informazioni sul prodotto ittico acquistato sulle relative etichette, al fine di conoscerne la provenienza, il  metodo di produzione e le altre indicazioni obbligatorie previste dalla normativa comunitaria e nazionale di settore.

Gallipoli, 12 marzo 2017

12/03/2017 Gallipoli Eventi

CONTROLLI  LUNGO LA FILIERA ITTICA IN TUTTA LA PROVINCIA DA PARTE  DELLA GUARDIA COSTIERA

Nella settimana appena trascorsa i  militari della Guardia Costiera hanno svolto controlli  a tappeto presso esercizi  di  vendita  al dettaglio e centri  di grande distribuzione  al  fine  di  verificare  la  regolarità  del  prodotto ittico messo in vendita al pubblico.

Le attività di controllo, che si sono svolte in diversi paesi del Salento, tra cui Maglie, Otranto, Parabita, Porto  Cesareo e Gallipoli, hanno portato all'elevazione di  sanzioni  amministrative  pari  a settemilacinquecento euro ed al sequestro amministrativo di circa otto  chilogrammi di tranci di pesce spada, di circa nove chilogrammi di totani e di una serie di vasetti contenenti polpa di riccio, per confezionare i quali erano stati raccolti più di trecento echinodermi.

Le principali violazioni accertate dai militari sul territorio durante la settimana hanno riguardato la detenzione di prodotti ittici, presso gli esecrcizi commerciali ispezionati, privi di tracciabilità. In un  caso sono state inoltre individuate   delle   partite   di   pescato,   proveniente   dalla   pesca   non professionale, messe in vendita al pubblico, attività non  consentita dalla normativa di settore. Il prodotto ittico in questione, riconosciuto idoneo al consumo umano da parte del medico veterinario dell'A.S.L. chiamato ad intervenire dai militari, è stato donato in beneficienza.

Durante un'altra operazione di polizia, infine, la Guardia Costiera, congiuntemente  a personale  medico  veterinario  della  competente A.S.L., ha posto sotto sequestro penale un retino contenente un trancio di pesce spada di circa sei chilogrammi che, analogamente ad una partita di totani sequestrata  appena  un  mese fa,  era immerso  nello  specchio  d'acqua dell'area   portuale   di   Porto    Cesareo  in   evidente   stato   di   cattiva conservazione,  violazione  di  natura penale  accertata e riferita  all'Autorità Giudiziaria.

La   Guardia   Costiera   invita   i    consumatori   a  consultare   sempre  le informazioni sul prodotto ittico acquistato sulle relative etichette, al fine di conoscerne la provenienza, il  metodo di produzione e le altre indicazioni obbligatorie previste dalla normativa comunitaria e nazionale di settore.

Gallipoli, 12 marzo 2017

Eventi

Immagine segnaposto

Operazione “GARGANO NOSTRUM” nel settore della mitilicoltura

Immagine segnaposto

BAGNANTE SOCCORSO DALLA GUARDIA COSTIERA

Immagine segnaposto

SEQUESTRATE ATTREZZATURE BALNEARI E LIBERATI 4550 MQ DI SPIAGGIA LIBERA

Immagine segnaposto

TORRE DELL’ORSO E BAIA DEI TURCHI - ACCERTATA OCCUPAZIONE ABUSIVA DI SUOLO DEMANIALE MARITTIMO DESTINATO ALLA BALNEAZIONE

Gallipoli

Immagine segnaposto

Operazione “GARGANO NOSTRUM” nel settore della mitilicoltura

Immagine segnaposto

BAGNANTE SOCCORSO DALLA GUARDIA COSTIERA

Immagine segnaposto

SEQUESTRATE ATTREZZATURE BALNEARI E LIBERATI 4550 MQ DI SPIAGGIA LIBERA

Immagine segnaposto

TORRE DELL’ORSO E BAIA DEI TURCHI - ACCERTATA OCCUPAZIONE ABUSIVA DI SUOLO DEMANIALE MARITTIMO DESTINATO ALLA BALNEAZIONE