CONTROLLI E SEQUESTRI CONTRO LA PESCA DI FRODO

I militari della Guardia Costiera di Gallipoli nell'ottica di garantire lo sfruttamento sostenibile delle risorse alieutiche provenienti dal mare, sta operando contro la pesca di frodo con particolare riferimento a quella perpetrata nell'Area marina Protetta di Porto Cesareo.

Le attività di polizia condotte in mare e a terra hanno consentito di sequestrare circa 600 esemplari di riccio di mare non sottoposti a verifiche sanitarie e non transitati per alcun centro di spedizione ed una rete da posta all'interno della Zona" A" di riserva integrale dell'Area Marina Protetta di Porto Cesareo.

Nel primo caso, oltre al sequestro del prodotto ittico che è stato successivamente rigettato  in  mare  in  quanto  ancora  in  stato  vitale,  sono  state  comminate  ai  due venditori ambulanti sanzioni amministrative per un totale di 8.000 euro.

Nella seconda tipologia di accertamento, grazie all'ausilio del sistema di videosorveglianza attestato presso il Consorzio di Gestione dell'Area Marina Protetta in parola, i militari della Guardia Costiera di Gallipoli hanno recuperato e sequestrato una rete da posta, peraltro non segnalata, che di fatto chiudeva una piccola insenatura sita all'interno della zona di riserva integrale dell'Area Marina Protetta ove non è consentita alcuna tipologia di attività antropica o di sfruttamento delle risorse marine. Di questa seconda attività sono tuttora in corso le attività di identificazione del trasgressore.

È stato altresì deferito all'Autorità Giudiziaria il conduttore di una imbarcazione da diporto che transitava nella predetta riserva integrale violando le disposizioni poste a tutela delle aree marine protette e contenute nella legge quadro di riferimento.

Gallipoli, 15.01.2018

15/01/2018 Gallipoli Eventi

CONTROLLI E SEQUESTRI CONTRO LA PESCA DI FRODO

I militari della Guardia Costiera di Gallipoli nell'ottica di garantire lo sfruttamento sostenibile delle risorse alieutiche provenienti dal mare, sta operando contro la pesca di frodo con particolare riferimento a quella perpetrata nell'Area marina Protetta di Porto Cesareo.

Le attività di polizia condotte in mare e a terra hanno consentito di sequestrare circa 600 esemplari di riccio di mare non sottoposti a verifiche sanitarie e non transitati per alcun centro di spedizione ed una rete da posta all'interno della Zona" A" di riserva integrale dell'Area Marina Protetta di Porto Cesareo.

Nel primo caso, oltre al sequestro del prodotto ittico che è stato successivamente rigettato  in  mare  in  quanto  ancora  in  stato  vitale,  sono  state  comminate  ai  due venditori ambulanti sanzioni amministrative per un totale di 8.000 euro.

Nella seconda tipologia di accertamento, grazie all'ausilio del sistema di videosorveglianza attestato presso il Consorzio di Gestione dell'Area Marina Protetta in parola, i militari della Guardia Costiera di Gallipoli hanno recuperato e sequestrato una rete da posta, peraltro non segnalata, che di fatto chiudeva una piccola insenatura sita all'interno della zona di riserva integrale dell'Area Marina Protetta ove non è consentita alcuna tipologia di attività antropica o di sfruttamento delle risorse marine. Di questa seconda attività sono tuttora in corso le attività di identificazione del trasgressore.

È stato altresì deferito all'Autorità Giudiziaria il conduttore di una imbarcazione da diporto che transitava nella predetta riserva integrale violando le disposizioni poste a tutela delle aree marine protette e contenute nella legge quadro di riferimento.

Gallipoli, 15.01.2018

Eventi

Immagine segnaposto

Operazione “GARGANO NOSTRUM” nel settore della mitilicoltura

Immagine segnaposto

BAGNANTE SOCCORSO DALLA GUARDIA COSTIERA

Immagine segnaposto

SEQUESTRATE ATTREZZATURE BALNEARI E LIBERATI 4550 MQ DI SPIAGGIA LIBERA

Immagine segnaposto

TORRE DELL’ORSO E BAIA DEI TURCHI - ACCERTATA OCCUPAZIONE ABUSIVA DI SUOLO DEMANIALE MARITTIMO DESTINATO ALLA BALNEAZIONE

Gallipoli

Immagine segnaposto

Operazione “GARGANO NOSTRUM” nel settore della mitilicoltura

Immagine segnaposto

BAGNANTE SOCCORSO DALLA GUARDIA COSTIERA

Immagine segnaposto

SEQUESTRATE ATTREZZATURE BALNEARI E LIBERATI 4550 MQ DI SPIAGGIA LIBERA

Immagine segnaposto

TORRE DELL’ORSO E BAIA DEI TURCHI - ACCERTATA OCCUPAZIONE ABUSIVA DI SUOLO DEMANIALE MARITTIMO DESTINATO ALLA BALNEAZIONE