Abusiva occupazione di pubblico demanio marittimo e realizzazione di innovazioni e variazioni non autorizzate in locali Torre Rinalda del Comune di Lecce (LE)

Nella mattinata del 24 luglio i militari dell'Ufficio Locale Marittimo – Guardia Costiera di San Cataldo di Lecce, impegnati in attività di controllo sul corretto uso del  pubblico demanio marittimo e sulla sicurezza  della  balneazione,  hanno  provveduto  allo  sgombero,  con  contestuale  restituzione  al pubblico uso, di un'area demaniale marittima della superficie totale pari a mq. 1810, sito in località Torre Rinalda del Comune di Lecce, suddivisa in n. 2 aree separate poste ai confini di un tratto di arenile in concessione adibito a stabilimento balneare, la quale risultava abusivamente occupata mediante l'installazione di circa 163 ombrelloni e 326 lettini da parte del titolare del citato stabilimento balneare ed utilizzata in esclusiva dalla clientela ospite di un noto camping locale.

Al trasgressore, veniva inoltre contestata la realizzazione di innovazioni non autorizzate in area demaniale marittima  non  in  concessione e  la  realizzazione di  variazioni  d'uso  non  autorizzate all'interno dell'area demaniale marittima regolarmente concessa.

Le attrezzature balneari, rimosse nell'immediato su disposizione dell'Autorità Giudiziaria, venivano successivamente impiegate all'interno di un'adiacente area demaniale, regolarmente concessa con licenza al responsabile degli abusi, ma non utilizzata a tal fine.

In esito all'attività di controllo, i militari procedevano al deferimento del responsabile presso l'Autorità Giudiziaria, comminando altresì una sanzione amministrativa pecuniaria dell'importo pari ad euro 1032,00 per  l'inosservanza delle  norme inerenti la  corretta segnalazione del  limite delle acque destinate alla balneazione e delle disposizioni inerenti la corretta dotazione dei presidi di primo soccorso, come indicate all'interno dell'Ordinanza di Sicurezza Balneare n. 22/2019, emessa in data 17.04.2019 dall'Ufficio Circondariale Marittimo di Otranto.

L'attività in parola rientra nell'ambito della più vasta azione di vigilanza e controllo che la Guardia Costiera espleta senza soluzione di continuità, a tutela dell'ecosistema marino e costiero, al controllo sul corretto uso del demanio marittimo ed a tutela della sicurezza della balneazione.

Gallipoli, 25.07.2019

25/07/2019 Gallipoli Eventi

Abusiva occupazione di pubblico demanio marittimo e realizzazione di innovazioni e variazioni non autorizzate in locali Torre Rinalda del Comune di Lecce (LE)

Nella mattinata del 24 luglio i militari dell'Ufficio Locale Marittimo – Guardia Costiera di San Cataldo di Lecce, impegnati in attività di controllo sul corretto uso del  pubblico demanio marittimo e sulla sicurezza  della  balneazione,  hanno  provveduto  allo  sgombero,  con  contestuale  restituzione  al pubblico uso, di un'area demaniale marittima della superficie totale pari a mq. 1810, sito in località Torre Rinalda del Comune di Lecce, suddivisa in n. 2 aree separate poste ai confini di un tratto di arenile in concessione adibito a stabilimento balneare, la quale risultava abusivamente occupata mediante l'installazione di circa 163 ombrelloni e 326 lettini da parte del titolare del citato stabilimento balneare ed utilizzata in esclusiva dalla clientela ospite di un noto camping locale.

Al trasgressore, veniva inoltre contestata la realizzazione di innovazioni non autorizzate in area demaniale marittima  non  in  concessione e  la  realizzazione di  variazioni  d'uso  non  autorizzate all'interno dell'area demaniale marittima regolarmente concessa.

Le attrezzature balneari, rimosse nell'immediato su disposizione dell'Autorità Giudiziaria, venivano successivamente impiegate all'interno di un'adiacente area demaniale, regolarmente concessa con licenza al responsabile degli abusi, ma non utilizzata a tal fine.

In esito all'attività di controllo, i militari procedevano al deferimento del responsabile presso l'Autorità Giudiziaria, comminando altresì una sanzione amministrativa pecuniaria dell'importo pari ad euro 1032,00 per  l'inosservanza delle  norme inerenti la  corretta segnalazione del  limite delle acque destinate alla balneazione e delle disposizioni inerenti la corretta dotazione dei presidi di primo soccorso, come indicate all'interno dell'Ordinanza di Sicurezza Balneare n. 22/2019, emessa in data 17.04.2019 dall'Ufficio Circondariale Marittimo di Otranto.

L'attività in parola rientra nell'ambito della più vasta azione di vigilanza e controllo che la Guardia Costiera espleta senza soluzione di continuità, a tutela dell'ecosistema marino e costiero, al controllo sul corretto uso del demanio marittimo ed a tutela della sicurezza della balneazione.

Gallipoli, 25.07.2019

Eventi

Immagine segnaposto

Operazione “GARGANO NOSTRUM” nel settore della mitilicoltura

Immagine segnaposto

BAGNANTE SOCCORSO DALLA GUARDIA COSTIERA

Immagine segnaposto

SEQUESTRATE ATTREZZATURE BALNEARI E LIBERATI 4550 MQ DI SPIAGGIA LIBERA

Immagine segnaposto

TORRE DELL’ORSO E BAIA DEI TURCHI - ACCERTATA OCCUPAZIONE ABUSIVA DI SUOLO DEMANIALE MARITTIMO DESTINATO ALLA BALNEAZIONE

Gallipoli

Immagine segnaposto

Operazione “GARGANO NOSTRUM” nel settore della mitilicoltura

Immagine segnaposto

BAGNANTE SOCCORSO DALLA GUARDIA COSTIERA

Immagine segnaposto

SEQUESTRATE ATTREZZATURE BALNEARI E LIBERATI 4550 MQ DI SPIAGGIA LIBERA

Immagine segnaposto

TORRE DELL’ORSO E BAIA DEI TURCHI - ACCERTATA OCCUPAZIONE ABUSIVA DI SUOLO DEMANIALE MARITTIMO DESTINATO ALLA BALNEAZIONE