Alle ore 10,15 circa di questa mattina, tramite il numero di emrgenza in mare 1530 giungeva alla sala operativa della Guardia Costiera di Gaeta la richiesta di soccorso da parte di un’unità da pesca di Formia, di lunghezza circa 10 metri,  in procinto di affondare  a circa 2,5 miglia da Punta dello Stendardo a Gaeta, con una persona a bordo.

La sala operativa della Guardia Costiera inviava sul posto la motovedetta  CP 856 specializzata nella Ricerca e Soccorso in mare , il B94 ed il GC A68 unità veloci impegnate in servizio di pattugliamento in  mare, rispettivamente della Capitaneria di Porto di Gaeta e dell’ Ufficio Locale Marittimo di Formia. Sotto il coordinamento della sala operativa della Guardia Costiera di Gaeta, i mezzi individuavano il peschereccio ormai semiaffondato a causa dell’enorme quantità d’acqua imbarcata. Giungeva in zona anche un’altra unità da pesca  per partecipare alle operazioni di soccorso.  La motovedetta CP 856, messo in salvo il malcapitato pescatore (sessantenne di Formia),  tentava con mezzi di aspirazione acqua (pompa barellabile in dotazione alla motovedetta) di riportare in galleggiamento l’unità da pesca , ma ogni tentativo risultava vano a causa delle ormai condizioni critiche dell’unità, che dopo qualche minuto  affondava su un fondale di profondità circa 43 metri.

Il pescatore, in buono stato di salute sebbene molto provato per l’accaduto, veniva trasportato a bordo della motovedetta CP 856 in Capitaneria di Porto per gli accertamenti di rito.

Sono in corso indagini della Guardia Costiera, per ricostruire la dinamica dell’incidente.

28/06/2014 Gaeta

Alle ore 10,15 circa di questa mattina, tramite il numero di emrgenza in mare 1530 giungeva alla sala operativa della Guardia Costiera di Gaeta la richiesta di soccorso da parte di un’unità da pesca di Formia, di lunghezza circa 10 metri,  in procinto di affondare  a circa 2,5 miglia da Punta dello Stendardo a Gaeta, con una persona a bordo.

La sala operativa della Guardia Costiera inviava sul posto la motovedetta  CP 856 specializzata nella Ricerca e Soccorso in mare , il B94 ed il GC A68 unità veloci impegnate in servizio di pattugliamento in  mare, rispettivamente della Capitaneria di Porto di Gaeta e dell’ Ufficio Locale Marittimo di Formia. Sotto il coordinamento della sala operativa della Guardia Costiera di Gaeta, i mezzi individuavano il peschereccio ormai semiaffondato a causa dell’enorme quantità d’acqua imbarcata. Giungeva in zona anche un’altra unità da pesca  per partecipare alle operazioni di soccorso.  La motovedetta CP 856, messo in salvo il malcapitato pescatore (sessantenne di Formia),  tentava con mezzi di aspirazione acqua (pompa barellabile in dotazione alla motovedetta) di riportare in galleggiamento l’unità da pesca , ma ogni tentativo risultava vano a causa delle ormai condizioni critiche dell’unità, che dopo qualche minuto  affondava su un fondale di profondità circa 43 metri.

Il pescatore, in buono stato di salute sebbene molto provato per l’accaduto, veniva trasportato a bordo della motovedetta CP 856 in Capitaneria di Porto per gli accertamenti di rito.

Sono in corso indagini della Guardia Costiera, per ricostruire la dinamica dell’incidente.

Gaeta

Immagine segnaposto

GAETA - Bomba a bordo di una nave ormeggiata al Pontile Petroli del porto di Gaeta, ma è un’esercitazione - 18-12-2020

Immagine segnaposto

Gaeta - Santa Barbara 2020

Immagine segnaposto

Gaeta - controlli sulla filiera della pesca - 03-12-2020

Immagine segnaposto

GAETA - Sequestri su filiera della pesca e tutela demanio marittimo - 29-10-2020