Ultimate le operazioni di brillamento dei residuati bellici rinvenuti nel golfo di Gaeta

Nella giornata odierna, su incarico dalla Prefettura di Latina, il personale specializzato della Marina Militare, Comando Raggruppamento Incursori "Teseo Tesei", Gruppo Operativo Subacquei Nucleo S.D.A.I. di Napoli, ha ultimato le operazioni di brillamento dei residuati bellici rinvenuti a Gaeta lo scorso 6 maggio.

I residuati, rinvenuti ad una distanza di circa 40 metri dalla scogliera del lungomare di Gaeta, sono stati trasferiti per il successivo brillamento in un'area sicura precedentemente individuata.

Le operazioni di trasferimento sono state opportunamente supportate dalla motovedetta CP724 della Guardia Costiera di Gaeta, che ha assicurato, altresì, il rispetto delle prescrizioni indicate nelle specifiche Ordinanze di interdizione delle aree interessate dal rinvenimento e dalle operazioni.

I residuati, risalenti alla 2^ Guerra Mondiale, all'esito di una più attenta opera di bonifica condotta dal suddetto personale specializzato del Nucleo SDAI di COMSUBIN, sono consistiti in n. 2 proiettili di grosso calibro (155 mm), n. 2 mine anticarro di fattura inglese e n. 1 bomba da mortaio da 81 mm.

Il brillamento è avvenuto al largo di Punta dello Stendardo del porto di Gaeta, ad una distanza ed una profondità adeguate a garantire la sicurezza delle operazioni e a tutelare l'ambiente marino.

Al fine di preservare la fauna locale, inoltre, il brillamento è stato preceduto da una mini carica di allertamento.

 

Gaeta, lì 13.05.2022

13/05/2022 Gaeta

Ultimate le operazioni di brillamento dei residuati bellici rinvenuti nel golfo di Gaeta

Nella giornata odierna, su incarico dalla Prefettura di Latina, il personale specializzato della Marina Militare, Comando Raggruppamento Incursori "Teseo Tesei", Gruppo Operativo Subacquei Nucleo S.D.A.I. di Napoli, ha ultimato le operazioni di brillamento dei residuati bellici rinvenuti a Gaeta lo scorso 6 maggio.

I residuati, rinvenuti ad una distanza di circa 40 metri dalla scogliera del lungomare di Gaeta, sono stati trasferiti per il successivo brillamento in un'area sicura precedentemente individuata.

Le operazioni di trasferimento sono state opportunamente supportate dalla motovedetta CP724 della Guardia Costiera di Gaeta, che ha assicurato, altresì, il rispetto delle prescrizioni indicate nelle specifiche Ordinanze di interdizione delle aree interessate dal rinvenimento e dalle operazioni.

I residuati, risalenti alla 2^ Guerra Mondiale, all'esito di una più attenta opera di bonifica condotta dal suddetto personale specializzato del Nucleo SDAI di COMSUBIN, sono consistiti in n. 2 proiettili di grosso calibro (155 mm), n. 2 mine anticarro di fattura inglese e n. 1 bomba da mortaio da 81 mm.

Il brillamento è avvenuto al largo di Punta dello Stendardo del porto di Gaeta, ad una distanza ed una profondità adeguate a garantire la sicurezza delle operazioni e a tutelare l'ambiente marino.

Al fine di preservare la fauna locale, inoltre, il brillamento è stato preceduto da una mini carica di allertamento.

 

Gaeta, lì 13.05.2022

Gaeta

Immagine segnaposto

Esplosione e sversamento di idrocarburi nel porto di Gaeta, ma è un’esercitazione della Guardia Costiera - 30-05-22

Immagine segnaposto

Incendio a bordo- due diportisti salvati dalla Guardia Costiera - 26-05-22

Immagine segnaposto

Guardia costiera, la visita del direttore regionale sul litorale pontino - 25-05-22