I prossimi giorni saranno caratterizzati dal picco di massima affluenza di bagnanti e diportisti in mare e sulle spiagge, anche lungo le coste catanzaresi e crotonesi di competenza della Capitaneria di porto di Crotone e dell'Ufficio circondariale marittimo di Soverato, che si estendono per quasi 200 km, da Guardavalle a Crucoli.

La Guardia Costiera intensificherà pertanto le attività di monitoraggio e controllo nell'ambito dell'operazione "Mare Sicuro 2021", per regolare e assicurare la tranquilla fruizione delle spiagge e del mare, oltre che a tutela dell'ambiente marino, con particolare riguardo alla qualità delle acque di balneazione, al rispetto della regolamentazione vigente nell'Area marina protetta "Capo Rizzuto" e al Parco marino regionale "Baia di Soverato".

Un consuntivo parziale dell'attività svolta dall'inizio della stagione balneare, parla già di 27 persone, tra diportisti e bagnanti, soccorsi e salvati dalla Guardia Costiera, nel corso di 14 distinte operazioni, e numerose altre attività sono state svolte in assistenza a diportisti e bagnanti, a mare ed a terra, durante i normali pattugliamenti. Cresciuti, nell'ultimo periodo, anche gli interventi lungo il litorale per tutelare le numerose tartarughe giunte sulle nostre spiagge per la nidificazione.

Purtroppo, sono ancora molte le condotte illecite rilevate, sanzionate con oltre 60 mila euro di pene pecuniarie, soprattutto riconducibili all'inottemperanza alle prescrizioni dell'ordinanza di sicurezza balneare e dell'ordinanza di sicurezza della navigazione che regolamenta l'uso di unità da diporto, ed in particolare alla condotta irregolare di acquascooter, all'attività di pesca abusiva, al transito di unità da diporto in zone vietate alla navigazione e alla mancanza delle dotazioni di sicurezza presso le strutture balneari, oltre che per problematiche ambientali connesse a scarichi fognari abusivi.

Ammontano invece a 15 gli illeciti penali rilevati e 13 i soggetti deferiti all'Autorità giudiziaria, per violazioni in campo demaniale e ambientale. Sino ad oggi, sono stati sgomberati e restituiti alla libera fruizione della collettività quasi 21 mila metri quadrati di spiaggia, occupata abusivamente.

L'attività della Guardia Costiera proseguirà quindi, con inalterata intensità, fino al termine della stagione balneare, continuando anche a sensibilizzare ed esortare gli utenti del mare e delle spiagge ai comportamenti più consoni a una loro piacevole e non deleteria fruizione. Si ricorda, ad esempio, che è  pericoloso  effettuare  il  bagno fuori dalla zona riservata alla balneazione (per cui è opportuno segnalarsi), e che le unità da diporto devono tenere una velocità appropriata in ogni circostanza, soprattutto quella minima di governo in entrata ed uscita dai corridoi di lancio e in prossimità delle zone riservate alla balneazione, e devono evitare di attraversare le zone a particolare tutela ambientale (zone A) dell'Area marina protetta "Capo Rizzuto".

La Guardia Costiera chiede la collaborazione di tutti i cittadini al fine di segnalare qualsiasi problematica di sicurezza e ambientale, chiamando la sala operativa della Capitaneria di porto di Crotone o anche gli altri Uffici marittimi dislocati a Soverato, Catanzaro Lido e Cirò Marina, nonché rivolgendosi al personale del presidio stagionale aperto presso Le Castella, nel comune di Isola Capo Rizzuto. Per emergenze in mare è sempre contattabile, in ogni caso, il numero blu "1530".

11/08/2021 Crotone

I prossimi giorni saranno caratterizzati dal picco di massima affluenza di bagnanti e diportisti in mare e sulle spiagge, anche lungo le coste catanzaresi e crotonesi di competenza della Capitaneria di porto di Crotone e dell'Ufficio circondariale marittimo di Soverato, che si estendono per quasi 200 km, da Guardavalle a Crucoli.

La Guardia Costiera intensificherà pertanto le attività di monitoraggio e controllo nell'ambito dell'operazione "Mare Sicuro 2021", per regolare e assicurare la tranquilla fruizione delle spiagge e del mare, oltre che a tutela dell'ambiente marino, con particolare riguardo alla qualità delle acque di balneazione, al rispetto della regolamentazione vigente nell'Area marina protetta "Capo Rizzuto" e al Parco marino regionale "Baia di Soverato".

Un consuntivo parziale dell'attività svolta dall'inizio della stagione balneare, parla già di 27 persone, tra diportisti e bagnanti, soccorsi e salvati dalla Guardia Costiera, nel corso di 14 distinte operazioni, e numerose altre attività sono state svolte in assistenza a diportisti e bagnanti, a mare ed a terra, durante i normali pattugliamenti. Cresciuti, nell'ultimo periodo, anche gli interventi lungo il litorale per tutelare le numerose tartarughe giunte sulle nostre spiagge per la nidificazione.

Purtroppo, sono ancora molte le condotte illecite rilevate, sanzionate con oltre 60 mila euro di pene pecuniarie, soprattutto riconducibili all'inottemperanza alle prescrizioni dell'ordinanza di sicurezza balneare e dell'ordinanza di sicurezza della navigazione che regolamenta l'uso di unità da diporto, ed in particolare alla condotta irregolare di acquascooter, all'attività di pesca abusiva, al transito di unità da diporto in zone vietate alla navigazione e alla mancanza delle dotazioni di sicurezza presso le strutture balneari, oltre che per problematiche ambientali connesse a scarichi fognari abusivi.

Ammontano invece a 15 gli illeciti penali rilevati e 13 i soggetti deferiti all'Autorità giudiziaria, per violazioni in campo demaniale e ambientale. Sino ad oggi, sono stati sgomberati e restituiti alla libera fruizione della collettività quasi 21 mila metri quadrati di spiaggia, occupata abusivamente.

L'attività della Guardia Costiera proseguirà quindi, con inalterata intensità, fino al termine della stagione balneare, continuando anche a sensibilizzare ed esortare gli utenti del mare e delle spiagge ai comportamenti più consoni a una loro piacevole e non deleteria fruizione. Si ricorda, ad esempio, che è  pericoloso  effettuare  il  bagno fuori dalla zona riservata alla balneazione (per cui è opportuno segnalarsi), e che le unità da diporto devono tenere una velocità appropriata in ogni circostanza, soprattutto quella minima di governo in entrata ed uscita dai corridoi di lancio e in prossimità delle zone riservate alla balneazione, e devono evitare di attraversare le zone a particolare tutela ambientale (zone A) dell'Area marina protetta "Capo Rizzuto".

La Guardia Costiera chiede la collaborazione di tutti i cittadini al fine di segnalare qualsiasi problematica di sicurezza e ambientale, chiamando la sala operativa della Capitaneria di porto di Crotone o anche gli altri Uffici marittimi dislocati a Soverato, Catanzaro Lido e Cirò Marina, nonché rivolgendosi al personale del presidio stagionale aperto presso Le Castella, nel comune di Isola Capo Rizzuto. Per emergenze in mare è sempre contattabile, in ogni caso, il numero blu "1530".

Crotone

Immagine segnaposto

Soccorso della Guardia Costiera ad un peschereccio con 339 migranti a bordo

Immagine segnaposto

SEQUESTRATI OLTRE 300 CHILI DI TONNO ROSSO E ALALUNGA

Immagine segnaposto

Soccorsi 77 migranti dalla Guardia Costiera di Crotone