Ammonta a 4000 euro la pesante sanzione amministrativa comminata ad un cittadino crotonese sorpreso dai militari della Capitaneria di porto a pescare esemplari di riccio di mare lungo il litorale della città pitagorica.

Il 55nne era intento a pulire con cura i preziosi echinodermi al fine di riempire dei vasetti che, con ogni probabilità, sarebbero poi stati venduti per trarne illecito profitto.

Il litorale, storicamente riconosciuto quale inestimabile bene ambientale e caratterizzato da un prezioso ecosistema marino, di cui i ricci di mare ne costituiscono un valore aggiunto, oggi più che mai necessita di una accurata preservazione al fine di evitare che l'attività antropica, ed a maggior ragione quella non autorizzata, ne provochi un repentino ed incontrastabile declino.

E' proprio al fine di tutelare l'ecosistema marino che il prodotto ittico ancora vivo, a seguito di sequestro, è stato rigettato in mare.

L'attenzione della Capitaneria di Porto - Guardia Costiera, riservata alla tutela delle risorse ittiche attraverso mirati servizi di sorveglianza, che sono rivolti anche alla repressione della pesca illegale del riccio di mare è sempre alta. Pesca che, si rammenta, è consentita solo nei limiti di 50 unità per persona, e al di fuori dei mesi di maggio e giugno, in cui permane il divieto assoluto di cattura.

27/05/2019 Crotone

Ammonta a 4000 euro la pesante sanzione amministrativa comminata ad un cittadino crotonese sorpreso dai militari della Capitaneria di porto a pescare esemplari di riccio di mare lungo il litorale della città pitagorica.

Il 55nne era intento a pulire con cura i preziosi echinodermi al fine di riempire dei vasetti che, con ogni probabilità, sarebbero poi stati venduti per trarne illecito profitto.

Il litorale, storicamente riconosciuto quale inestimabile bene ambientale e caratterizzato da un prezioso ecosistema marino, di cui i ricci di mare ne costituiscono un valore aggiunto, oggi più che mai necessita di una accurata preservazione al fine di evitare che l'attività antropica, ed a maggior ragione quella non autorizzata, ne provochi un repentino ed incontrastabile declino.

E' proprio al fine di tutelare l'ecosistema marino che il prodotto ittico ancora vivo, a seguito di sequestro, è stato rigettato in mare.

L'attenzione della Capitaneria di Porto - Guardia Costiera, riservata alla tutela delle risorse ittiche attraverso mirati servizi di sorveglianza, che sono rivolti anche alla repressione della pesca illegale del riccio di mare è sempre alta. Pesca che, si rammenta, è consentita solo nei limiti di 50 unità per persona, e al di fuori dei mesi di maggio e giugno, in cui permane il divieto assoluto di cattura.

Crotone

Immagine segnaposto

Capitaneria di porto, il Comandante Generale in visita a Crotone

Immagine segnaposto

Guardia Costiera e Polizia Stradale sequestrano oltre mezza tonnellata di Bianchetto

Immagine segnaposto

Pesca di frodo - Guardia Costiera sequestra 150 chili di bianchetto

Immagine segnaposto

Elevate sanzioni amministrative per complessivi 10.000 Euro nel corso di una operazione della Guardia Costiera