La nave "Bourgon Argos" di "Medici senza frontiere" ha attraccato questa mattina al porto di Crotone.

A bordo 601 migranti provenienti dalla fascia sub sahariana dell'Africa che sono stati salvati al largo della Libia, mentre si trovavano a bordo di tre gommoni.

A bordo della nave anche cinque donne incinte, di cui due prossime al parto e 18 bambini tra accompagnati e non accompagnati.

I bambini non accompagnati, sono stati ospitati nel crotonese.

I 601 migranti soccorsi dalla nave di Medici senza Frontiere sono stati recuperati mentre si trovavano a bordo di tre distinti gommoni.

Domani mattina, sempre nel porto di Crotone, è attesa un'altra nave Msf, la Dignity One con a bordo altri 326 migranti soccorsi dall'imbarcazione dell'organizzazione internazionale di volontariato.

Le operazioni di sbarco sono state pianificate dalla Prefettura pitagorica ed eseguite dal personale della Capitaneria di porto di Crotone coadiuvate dalle forze dell'ordine in collaborazione con le associazioni di volontariato ed i sanitari del 118. I migranti, terminate le operazioni di sbarco e le prime procedure di identificazione, sono stati trasferiti in vari centri in base al Piano di riparto stabilito dal Ministero dell'Interno.

28/06/2016 Porto di Crotone

La nave "Bourgon Argos" di "Medici senza frontiere" ha attraccato questa mattina al porto di Crotone.

A bordo 601 migranti provenienti dalla fascia sub sahariana dell'Africa che sono stati salvati al largo della Libia, mentre si trovavano a bordo di tre gommoni.

A bordo della nave anche cinque donne incinte, di cui due prossime al parto e 18 bambini tra accompagnati e non accompagnati.

I bambini non accompagnati, sono stati ospitati nel crotonese.

I 601 migranti soccorsi dalla nave di Medici senza Frontiere sono stati recuperati mentre si trovavano a bordo di tre distinti gommoni.

Domani mattina, sempre nel porto di Crotone, è attesa un'altra nave Msf, la Dignity One con a bordo altri 326 migranti soccorsi dall'imbarcazione dell'organizzazione internazionale di volontariato.

Le operazioni di sbarco sono state pianificate dalla Prefettura pitagorica ed eseguite dal personale della Capitaneria di porto di Crotone coadiuvate dalle forze dell'ordine in collaborazione con le associazioni di volontariato ed i sanitari del 118. I migranti, terminate le operazioni di sbarco e le prime procedure di identificazione, sono stati trasferiti in vari centri in base al Piano di riparto stabilito dal Ministero dell'Interno.

Porto di Crotone

Immagine segnaposto

A Crotone nave con 378 migranti a bordo

Immagine segnaposto

Crotone – Sbarcano in 48 dalla “OLYMPIC COMMANDER”

Immagine segnaposto

Migranti, doppio sbarco al porto di Crotone. Soccorse oltre 500 persone

Immagine segnaposto

A Crotone sbarcano 71 migranti, tra di loro una salma