Nella serata di ieri, gli uomini del Nucleo di polizia marittima della Capitaneria di porto di Crotone, nel corso di una operazione mirata sulla filiera della pesca, hanno sequestrato diversi esemplari di Tonno Rosso e di Tonno "Alalunga" (c.d. Tonno Bianco), per complessivi 340 Kg, illecitamente detenuti e diretti ai mercati calabresi.

In particolare, il prodotto rivenuto, circa 200 Kg di Tonno Rosso e circa 140 Kg di Tonno "Alalunga", è stato scoperto all'interno di un furgone frigo fermato dai militari della Guardia Costiera sulla statale SS106 jonica nel Comune di Crucoli.

Gli esemplari di tonno venivano rinvenuti privi di qualsivoglia documentazione che ne attestasse la provenienza e la tracciabilità.

Il Tonno "Alalunga" era, tra l'altro, detenuto e trasportato in un periodo di fermo biologico tenuto conto che la pesca, la detenzione e il trasporto di esemplari della predetta specie ittica è vietato dalla vigente normativa nel periodo compreso tra il 1° Ottobre ed il 30 Novembre di ogni anno.

Al trasportatore calabrese, diretto verso Nord, sono state elevate due sanzioni amministrative per complessivi euro 3.500.

L'operazione di polizia è stata condotta nell'ambito di un'intensa attività d'indagine della Guardia Costiera nella provincia di Crotone, finalizzata alla verifica del rispetto della normativa in materia di cattura, produzione, trasporto e commercializzazione dei prodotti della pesca lungo tutta la filiera ittica.

Il prodotto sequestrato, dopo essere stato dichiarato edibile dai veterinari dall'Azienda Sanitaria Provinciale di Crotone, è stato devoluto in beneficenza ad Enti Caritatevoli della Provincia.

I controlli sulla filiera ittica proseguiranno sia in mare che a terra, a salvaguardia dell'ambiente e della salute del consumatore.

22/10/2021 Crotone

Nella serata di ieri, gli uomini del Nucleo di polizia marittima della Capitaneria di porto di Crotone, nel corso di una operazione mirata sulla filiera della pesca, hanno sequestrato diversi esemplari di Tonno Rosso e di Tonno "Alalunga" (c.d. Tonno Bianco), per complessivi 340 Kg, illecitamente detenuti e diretti ai mercati calabresi.

In particolare, il prodotto rivenuto, circa 200 Kg di Tonno Rosso e circa 140 Kg di Tonno "Alalunga", è stato scoperto all'interno di un furgone frigo fermato dai militari della Guardia Costiera sulla statale SS106 jonica nel Comune di Crucoli.

Gli esemplari di tonno venivano rinvenuti privi di qualsivoglia documentazione che ne attestasse la provenienza e la tracciabilità.

Il Tonno "Alalunga" era, tra l'altro, detenuto e trasportato in un periodo di fermo biologico tenuto conto che la pesca, la detenzione e il trasporto di esemplari della predetta specie ittica è vietato dalla vigente normativa nel periodo compreso tra il 1° Ottobre ed il 30 Novembre di ogni anno.

Al trasportatore calabrese, diretto verso Nord, sono state elevate due sanzioni amministrative per complessivi euro 3.500.

L'operazione di polizia è stata condotta nell'ambito di un'intensa attività d'indagine della Guardia Costiera nella provincia di Crotone, finalizzata alla verifica del rispetto della normativa in materia di cattura, produzione, trasporto e commercializzazione dei prodotti della pesca lungo tutta la filiera ittica.

Il prodotto sequestrato, dopo essere stato dichiarato edibile dai veterinari dall'Azienda Sanitaria Provinciale di Crotone, è stato devoluto in beneficenza ad Enti Caritatevoli della Provincia.

I controlli sulla filiera ittica proseguiranno sia in mare che a terra, a salvaguardia dell'ambiente e della salute del consumatore.

Crotone

Immagine segnaposto

Soccorso della Guardia Costiera ad un peschereccio con 339 migranti a bordo

Immagine segnaposto

Soccorsi 77 migranti dalla Guardia Costiera di Crotone

Immagine segnaposto

Stagione balneare 2021 - Si intensificano i controlli della Guardia Costiera nel periodo di ferragosto