Il corpo di M.L. (61 anni) è stato ritrovato in mare questa mattina dalla motovedetta CP310 della Guardia Costiera di Crotone a circa due miglia dalla costa.

Incessanti le attività di ricerca di superficie e subacquee coordinate dalla Capitaneria di porto di Crotone per due giorni. Alle operazioni, condotte massivamente con quattro unità navali Guardia Costiera in attività di ricerca sotto costa e d'altura,  hanno partecipato anche i Vigili del Fuoco con un elicottero e con il nucleo sommozzatori di Reggio Calabria, la Sezione Aeronavale della Guardia di Finanza di Crotone con un elicottero e una vedetta costiera e moltissimi amici e conoscenti dei centri diving e di pesca subacquea che si sono prodigati volontariamente in attività di superficie per supportare la Guardia Costiera nelle ricerche.

L'allarme era partito ieri alle 7.30 del mattino dopo che il suo compagno di immersione non l'aveva più visto risalire. Nel corso delle attività di ricerca erano stati rinvenuti ieri la maschera e il fucile utilizzato da M.L. ma purtroppo ancora niente del Corpo, fino alle 11.45 di questa mattina.

Le operazioni di ricerca proseguite per due giorni erano state pianificate dalla sala operativa della Capitaneria di porto di Crotone a seguito di un'attenta analisi delle correnti di superficie e di profondità insistenti in zona. Diverse le aree di ricerca  individuate sotto costa e al largo dagli uomini della Guardia costiera e differenti le modalità di ricerca attuate.

L'impegno e le attività di ricerca costanti hanno consentito di ispezionare minuziosamente ogni area fino al ritrovamento del corpo dell'apneista di Crotone.

La salma sbarcata dalla Motovedetta CP310 al Molo Giunti del porto di Crotone resterà a disposizione dell'Autorità Giudiziaria per gli accertamenti medico-legali.

La Guardia Costiera ringrazia tutti coloro che hanno preso parte alle ricerche.



10/07/2021 Crotone

Il corpo di M.L. (61 anni) è stato ritrovato in mare questa mattina dalla motovedetta CP310 della Guardia Costiera di Crotone a circa due miglia dalla costa.

Incessanti le attività di ricerca di superficie e subacquee coordinate dalla Capitaneria di porto di Crotone per due giorni. Alle operazioni, condotte massivamente con quattro unità navali Guardia Costiera in attività di ricerca sotto costa e d'altura,  hanno partecipato anche i Vigili del Fuoco con un elicottero e con il nucleo sommozzatori di Reggio Calabria, la Sezione Aeronavale della Guardia di Finanza di Crotone con un elicottero e una vedetta costiera e moltissimi amici e conoscenti dei centri diving e di pesca subacquea che si sono prodigati volontariamente in attività di superficie per supportare la Guardia Costiera nelle ricerche.

L'allarme era partito ieri alle 7.30 del mattino dopo che il suo compagno di immersione non l'aveva più visto risalire. Nel corso delle attività di ricerca erano stati rinvenuti ieri la maschera e il fucile utilizzato da M.L. ma purtroppo ancora niente del Corpo, fino alle 11.45 di questa mattina.

Le operazioni di ricerca proseguite per due giorni erano state pianificate dalla sala operativa della Capitaneria di porto di Crotone a seguito di un'attenta analisi delle correnti di superficie e di profondità insistenti in zona. Diverse le aree di ricerca  individuate sotto costa e al largo dagli uomini della Guardia costiera e differenti le modalità di ricerca attuate.

L'impegno e le attività di ricerca costanti hanno consentito di ispezionare minuziosamente ogni area fino al ritrovamento del corpo dell'apneista di Crotone.

La salma sbarcata dalla Motovedetta CP310 al Molo Giunti del porto di Crotone resterà a disposizione dell'Autorità Giudiziaria per gli accertamenti medico-legali.

La Guardia Costiera ringrazia tutti coloro che hanno preso parte alle ricerche.



Crotone

Immagine segnaposto

Stagione balneare 2021 - Si intensificano i controlli della Guardia Costiera nel periodo di ferragosto

Immagine segnaposto

Esercitazione antinquinamento e antincendio in porto 2021

Immagine segnaposto

Controllo ambientale e di sicurezza sui luoghi di lavoro nei cantieri nel porto di Crotone