Una complessa esercitazione di "port security" si è svolta, nella mattinata di ieri, all'interno del porto di Crotone.

L'esercitazione, organizzata dalla Capitaneria di porto di Crotone, è stata condotta su una delle banchina commerciali del porto Nuovo di Crotone e ha visto coinvolte, oltre al personale di security, le componenti della Polizia di Stato, Guardia di Finanza, Carabinieri, Vigili del Fuoco e SUEM 118.

In particolare, nello scenario è stata simulata la presenza a bordo di una motonave ormeggiata in banchina, di un soggetto non autorizzato/migrante irregolare.

Durante l'attività addestrativa sono stati verificati la corretta implementazione delle misure di sicurezza contenute nei piani di security, i tempi d'intervento delle varie componenti coinvolte e dei soggetti istituzionali interessati alla gestione dell'emergenza nonché l'efficacia delle comunicazioni.

All'esercitazione ha partecipato anche l'equipaggio della nave che ha implementato le proprie misure di security previste dal piano di sicurezza della nave.

Nel complesso, l'esercitazione ha evidenziato un'ottima organizzazione generale e i risultati rilevati sono da ritenersi più che soddisfacenti. L'attività addestrativa ed il continuo affinamento della stessa rientra fra quelle attività programmate, tese al miglioramento degli standard di sicurezza che la Guardia Costiera si è posta come obiettivo principale da raggiungere, anche alla luce delle norme sovranazionali vigenti in materia di security marittima.

24/04/2018 Crotone

Una complessa esercitazione di "port security" si è svolta, nella mattinata di ieri, all'interno del porto di Crotone.

L'esercitazione, organizzata dalla Capitaneria di porto di Crotone, è stata condotta su una delle banchina commerciali del porto Nuovo di Crotone e ha visto coinvolte, oltre al personale di security, le componenti della Polizia di Stato, Guardia di Finanza, Carabinieri, Vigili del Fuoco e SUEM 118.

In particolare, nello scenario è stata simulata la presenza a bordo di una motonave ormeggiata in banchina, di un soggetto non autorizzato/migrante irregolare.

Durante l'attività addestrativa sono stati verificati la corretta implementazione delle misure di sicurezza contenute nei piani di security, i tempi d'intervento delle varie componenti coinvolte e dei soggetti istituzionali interessati alla gestione dell'emergenza nonché l'efficacia delle comunicazioni.

All'esercitazione ha partecipato anche l'equipaggio della nave che ha implementato le proprie misure di security previste dal piano di sicurezza della nave.

Nel complesso, l'esercitazione ha evidenziato un'ottima organizzazione generale e i risultati rilevati sono da ritenersi più che soddisfacenti. L'attività addestrativa ed il continuo affinamento della stessa rientra fra quelle attività programmate, tese al miglioramento degli standard di sicurezza che la Guardia Costiera si è posta come obiettivo principale da raggiungere, anche alla luce delle norme sovranazionali vigenti in materia di security marittima.

Crotone

Immagine segnaposto

DIVIETO DI CATTURA DI SPECIE ITTICHE – MAXI SEQUESTRO DELLA GUARDIA COSTIERA DI OLTRE 1 TONNELLATA DI TONNO ALALUNGA

Immagine segnaposto

Controllo sulla filiera ittica

Immagine segnaposto

Controlli amministrativi nel capoluogo: sequestri e sanzioni a venditori abusivi

Immagine segnaposto

SOCCORSO IN MARE - GUARDIACOSTIERA A TUTELA DELLA VITA UMANA IN MARE